La nipote di Lady Diana si è sposata: gli incredibili retroscena dietro il matrimonio

La nipote di Lady Diana si chiama Kitty Spencer, è una modella di fama internazionale e si è sposata in Italia, ma al suo matrimonio non c’era  nessuno della famiglia reale: perché?

Nel 2018 Lady Katherine Eleanore Spencer, detta Kitty, è la figlia del fratello minore di Lady Diana, Charles. Per questo motivo Lady Kitty è la cugina di primo grado di William e Harry da parte di madre.

A causa del suo strettissimo rapporto di sangue con il futuro Re e con la sua famiglia, Lady Kitty venne invitata a presenziare sia al matrimonio di William con Kate Middleton sia al matrimonio di Harry con Meghan Markle, nel 2018.

All’epoca i fotografi indugiarono moltissimo sulla bellissima Kitty Spencer in abito verde a fiori arancioni e tutti si accorsero della grande bellezza della nipote di Lady Diana che, per poco, non fu sul punto di far sfigurare la sposa.

Lady Kitty Spencer, nata nel 1991, è attualmente una world ambassador di Dolce e Gabbana, cioè è uno dei volti simbolo della maison italiana.

Per il suo matrimonio segretissimo, celebrato in una villa di Franscati, ai Castelli Romani, la bellissima Kitty ha sfoggiato un numero impressionante di abiti Dolce e Gabbana, uno più bello dell’altro.

Tutta la magnificenza degli abiti e della cerimonia, tutta la gioia della bellissima sposa e del suo innamoratissimo marito, però, non hanno potuto mettere a tacere le malelingue e gli affronti che Kitty ha dovuto subire nel giorno del suo matrimonio, soprattutto da parte della sua famiglia!

Il matrimonio della nipote di Lady Diana e tutti gli “scandali” del giorno

matrimonio della nipote di lady diana
(Instagram)

Bellissima, ricchissima e innamoratissima, Lady Kitty Spencer non potrebbe essere più felice di com’è stata pochissimi giorni fa, in occasione della celebrazione del suo matrimonio.

Eppure, come ormai è tradizione consolidata della nobiltà inglese, non c’è un solo matrimonio che possa passare alla storia senza scandali.

A fare notizia, nel caso del matrimonio di Kitty Spencer, sono stati i grandi assenti da parte della Famiglia Reale britannica. Ci si aspettava che William e Harry partecipassero alle nozze, o almeno solo William, dato che Harry è tornato da pochissimo tempo negli States.

A quanto pare invece nessuno dei due ha partecipato alla cerimonia e questo ha scatenato moltissime chiacchiere, soprattutto a causa del fatto che proprio in occasione dell’inaugurazione della statua di Lady Diana nei giardini di Kensington Palace la famiglia di Diana aveva detto di Harry: “Starà bene, dopotutto è uno Spencer”.

A quanto pare, invece, William e Harry sono Spencer soltanto in determinate occasioni, finendo per tralasciare i “doveri familiari meno importanti” come il “semplice” matrimonio di Lady Kitty.

Un altro grande assente, che ha ricevuto un invito ma che ha preferito declinare, pare sia stato Sir Elton John, grande amico di Diana e compositore del suo inno funebre.

Leggi Anche => Elton John ha parlato troppo: l’ex moglie chiede i danni

Ad aver addolorato davvero la sposa, però, dev’essere stata la decisione del padre Charles Spencer, il quale ha deciso di non partecipare al matrimonio della figlia, esattamente come il padre di Meghan Markle non partecipò al matrimonio della figlia con Harry d’Inghilterra.

Anche in questo caso pare che i motivi siano da ricercare in un insanabile contrasto tra padre e figlia, nato dal fatto che il marito di Kitty sia ben 31 anni più vecchio della sposa, cioè nel momento in cui l’ha sposata aveva più del doppio della sua età.

matrimonio della nipote di lady diana
(Instagram)

L’uomo è il miliardario di origini sudafricane Michael Lewis, divorziato e con tre figli. A rendere la differenza d’età tra lui e Kitty ancora più sgradevole è il fatto che lo sposo sia addirittura più vecchio di Charles Spencer, diventato suo suocero contro la propria volontà.

Sono stati in molti a chiedersi come mai Kitty Spencer abbia scelto di sposarsi in una maestosa villa in affitto e non nella sua residenza ancestrale, cioè nella bellissima tenuta nella campagna inglese che da secoli e secoli è proprietà della sua nobile famiglia. Questo, a detta di molti, sarebbe un chiaro indizio di attrito tra Kitty e la sua famiglia.

Per manifestare in maniera evidente la propria opposizione al matrimonio, Charles Spencer avrebbe negato a Kitty la tiara Spencer, per intenderci la stessa che Lady Diana indossò al proprio matrimonio e che anche la madre di Kitty indossò nel giorno del suo.

abiti da sposa lady diana lady kitty spencer
(Instagram)

Come i più ricorderanno, ad accompagnare Meghan, “orfana” di padre nel giorno del suo “sì” ci fu il Principe Carlo, che le diede il braccio per la prima metà della navata della chiesa. All’epoca Thomas Markle accampò come motivi ufficiali dei problemi di salute a carico del cuore, e il copione si ripete: il padre di Kitty sarebbe bloccato in Inghilterra a seguito di un doloroso problema alla spalla.

Ad accompagnare Kitty, fortunatamente, non c’era un uomo solo ma ben due: i suoi fratelli Louis Spencer e Samuel Aitken, quest’ultimo nato dalla prima moglie di Charles Spencer, Victoria Aitken, anche madre di Kitty.

Se la tiara Spencer non è arrivata a coronare il giorno del suo sì, Kitty si dev’essere consolata con la sbalorditiva serie di abiti che Dolce e Gabbana ha appositamente realizzato per lei e che Kitty ha indossato nel giorno del matrimonio ma anche in quelli appena precedenti e seguenti.

abiti da sposa kitty spencer
(Instagram)

La maison ha addirittura realizzato un breve film per esaltare tutti i meravigliosi cambi d’abito di Kitty, ed è assolutamente mozzafiato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Etoile Management (@etoilemanagement)

Tra le altre cose, i più attenti saranno certamente riusciti a notare che il velo da sposa di Kitty Spencer termina con un lungo strascico intorno al quale è stato ricamato un ricchissimo motivo a corona, visibile in particolare quando lo si guarda dall’alto.

Tutto lascerebbe credere che gli stilisti di Kitty abbiano deciso di regalarle quella corona che, un po’ per destino, un po’ per cattiva volontà, la sposa non ha potuto indossare come sarebbe stato suo diritto.