Crema al caffè da applausi, se fate questi errori sarà un disastro

adobestock

Quando arriva il caldo, nulla meglio di una freschissima crema al caffè. Vi sveliamo i segreti per non commettere errori che rovinerebbero tutto

Se il caffè fa parte della vostra quotidianità e non riuscite e cominciare una mattina senza questa compagnia, amerete senza dubbio d’estate preparare anche la crema al caffè. Fresca, invitante, cremosa, un piacere da gustare in ogni momento del giorno per combattere la calura estiva.

->> LEGGI ANCHE Tutte pazze per la crema di caffè | Crema di caffè in bottiglia

Lo stesso risultato del bar o del chiosco sulla spiaggia lo possiamo ottenere anche a casa, perché in fondo non è un dessert difficile da preparare. Però dobbiamo fare attenzione a qualche passaggio fondamentale per un risultato finale perfetto o almeno molto simile a quello dei locali dove la prendiamo di solito. Seguite questa piccola guida, la prossima volta sarà tutto diverso.

FRUSTE E CIOTOLE, VINCE IL FREDDO
La crema al caffè, preparata d’estate ma buona anche d’inverno, è un dessert freddo anche se non possiamo considerarlo pari ad un gelato. Proprio per questo motivo, sia le fruste che servono per montarla che le ciotole per prepararla devono essere rigorosamente fredde.
I casi sono due: o li mettete per almeno 15 minuti in freezer prima di cominciare, oppure anche soltanto 1 ora in frigorifero. E fate lo stesso anche con le coppette oppure i bicchieri dove servirete questa golosissima crema.

ZUCCHERO, NON ESAGERATE
Lo sappiamo, per il caffè ci sono due scuole di pensiero. Quelli chelo bevono amaro anche se non hanno problemi di diabete o linea e quelli che invece lo amano bello zuccherato. Per la crema al caffè il segreto in realtà sta nel mezzo e il motivo è presto spiegato.
Uno degli ingredienti fondamentali di questa crema infatti è la panna che è certamente già dolce al naturale. Quindi se caricate in modo eccessivo di zucchero, rischiate di rovinare tutto. Un èpo’ di moderazione non guasta.

Crema al caffè da applausi, seguite bene i dettagli

CAFFÉ NERO BOLLENTE? NO
Crema fredda, caffè caldo? No, qui non vale la regola dell’affogato. Quando preparate il caffè, con la moka oppure con la macchinetta, dovete lasciarlo raffreddare completamente. Per fare più in fretta potete versarlo in una tazza di vetro e aspettare che si raffreddi a temperatura ambiente, quindi in frigorifero.

LA CURA DEGLI INGREDIENTI
La vera crema al caffè prevede pochi ingredienti, ma devono essere puri. Quindi utilizzate panna fresca da montare, non la classica panna spray che potete compare al supermercato. Certo, richiede un minimo di lavoro manuale, ma volete mettere la soddisfazione finale? E ricordatevi sempre che anche in questo caso la panna deve essere tirata fuori dal frigorifero solo all’ultimo momento prima di essere montata.

 

->> LEGGI ANCHE: Spumone al Caffè e Crema di caffè: due dolci da non perdere

FREDDA, MA NON CONGELATA
La crema al caffè è un dessert freddo, non ci piove. Al contrario di altri dolci al cucchiaio però non è adatta per essere congelata. Se non ci credete, provateci, ma resterete deluse.