Peperoni saltati in padella con pangrattato: un contorno fantasioso

L’estate è la stagione delle verdure e i peperoni sono sempre una delle più gettonate nelle nostre cucine. Per un contorno diverso, preparate i peperoni saltati in padella con pangrattato

I peperoni sono uno dei grandi protagonisti sulle nostre tavole in estate perché possiamo cucinarli in moltissimi modi. Oggi vi spieghiamo una ricetta moto mediterranea e anche molto buona: i peperoni saltati in padella con pangrattato sono velocissimi da preparare e non richiedono una preparazione particolare.

->> LEGGI ANCHE : Peperoni in agrodolce senza zucchero? Ti sveliamo l’ingrediente segreto

Quello che conta per un piatto indimenticabile sono le materie prime. Quindi peperoni freschi, se possibile quelli del contadino, capperi dissalati, olive nere tipo Gaeta, un ottimo olio d’oliva, pangrattato e pecorino (oppure altro formaggio grattugiato).

Peperoni saltati in padella con pangrattato, un contorno perfetto


Come servire i peperoni saltati in padella con pangrattato? Sono un contorno ideale per grigliate di carne o di pesce, ma anche per accompagnare gli arrosti. E se avanzano, preparatevi dei golosi panini.

Ingredienti:
4 peperoni (2 rossi e 2 gialli)
2 cucchiai di capperi dissalati
3 cucchiai di olive nere
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai di olio d’oliva
50 g di pangrattato
30 g di pecorino
prezzemolo tritato q.b
sale q.b.

->> LEGGI ANCHE :  Un incredibile contorno super light con i peperoni: leggerezza e gusto in tavola

Preparazione:

La prima operazione da fare è quella di lavare bene i peperoni sotto acqua corrente. Poi tagliateli in due nel senso della lunghezza e togliete tutti i filamenti bianchi. Sciacquateli di nuovo sotto l’acqua per eliminare tutti i semi e poi tagliateli a listarelle, dello spessore che più vi piace.

Poi versate l‘olio d’oliva in una padella capiente e mettete a soffriggere l’aglio tritato finemente per un massimo di 3 minuti.. Quando comincia a dorare, aggiungete anche i peperoni e cuoceteli coprendo con un coperchio per 10 minuti. Durante la cottura aggiungete anche un po’ di acqua per non farli seccare.
Passati i 10 minuti, aggiungete i capperi e le olive tagliate a rondelle, poi lasciate cuocere ancora per almeno 15 minuti. Intanto però potete già far tostare il pangrattato in un’altra padella con un filo di olio di oliva fino a quando diventa dorato e croccante.
Quando vi accorgete che i peperoni sono sufficientemente morbidi, aggiungete il pangrattato e poi anche il pecorino, quindi mescolate con un cucchiaio di legno. Solo a quel punto assaggiate e vedere se può servire ancora del sale perché comunque tra capperi, olive e pecorino, i peperoni dovrebbero già essere abbastanza saporiti.

Lasciate andare ancora 3-4 minuti, poi spegnete e lontano dal fuoco spolverizzateli con del prezzemolo tritato. Non è obbligatorio ma è un tocco di freschezza in più. Poi serviteli ancora caldi oppure tiepidi.
Se invece avete deciso di cuocere in precedenza i peperoni in forno, basta appoggiarli in una teglia e infornarli 30 minuti a 210°. Poi sfornateli, metteteli in un sacchetto per alimenti e chiudete lasciando riposare per 10 minuti. Quando riaprite, si spelleranno facilmente: eliminate i semini e i filamenti interni, poi tagliate a listarelle cuoceteli seguendo il procedimento di sopra. Ma in questo caso, aggiungete subito i capperi e poi il pangrattato. Fateli andate per un massimo di 15 minuti.

Da leggere