Ciclo mestruale: ti sveliamo alcuni falsi miti che ti sorprenderanno

Lo sapevi che sul ciclo mestruale esistono svariati miti? Scopriamone alcuni tra i più interessati.

Ogni donna sa bene come i dubbi riguardo il ciclo mestruale siano tanti. Ciò dipende in gran parte da alcune false credenze tramandateci dalle nostre nonne ed in alcuni casi da diversi falsi miti che, nonostante tutto, continuano ad esistere ancora oggi.

Ebbene, al fine di fare un po’ di chiarezza sulla questione, oggi approfondiremo proprio questo argomento svelando alcuni falsi miti che è ora di dimenticare per sempre.

I falsi miti più comuni che riguardano il ciclo mestruale

@unaginecologaperamicaFalsi miti sul ciclo #curiosità #medicina #ginecologia #ciclo #unaginecologaperamica

♬ Benvenuti In Italy – Rocco Hunt

Prendendo spunto da un simpatico video di “Unaginecologaperamica”, oggi affronteremo un argomento particolare e al contempo delicato. Ovvero, quello dei falsi miti legati al ciclo mestruale. Se alcuni sono evidenti, infatti, altri potrebbero essere ancora confusi per veri. Andiamo quindi a scoprirli.

Le donne che vivono insieme hanno un ciclo sincronizzato. Che la cosa accada spesso è fuori da ogni dubbio. Ad oggi, però, non ci sono spiegazioni scientifiche che supportino la cosa. Motivo per cui potrebbe trattarsi solo di una mera coincidenza.

Con gli assorbenti interni si perde la verginità. Anche questa credenza è del tutto sbagliata. Come spiegato anche sul sito del Ministero della Salute, infatti, l’imene non è mai del tutto chiuso e si adatta all’entrata dell’assorbente che è comunque studiato appositamente per entrare senza creare danni. Piuttosto può essere importante prestare attenzione ad usarlo se si soffre di allergie particolari. Situazione in cui è sempre meglio chiedere un parere al medico curante.

Con le mestruazioni non si possono fare bagno o doccia. Come già spiegato in un post precedente in cui si parlava della doccia durante le mestruazioni, anche questa è solo una credenza. Lavarsi in quei giorni è molto importante. Ciò che conta è sapere che l’acqua fredda può rallentare momentaneamente il flusso mentre quella calda può renderlo più abbondante. Un cambiamento che rientra in pochissimo tempo e che non crea alcun fastidio.

Durante le mestruazioni non si possono annaffiare le piante. Quante volte l’avete sentita? Ebbene, anche questa è una diceria. Il pollice verde c’è o non c’è ma di sicuro non ha nulla a che vedere con il ciclo.

donna dubbiosa
Fonte foto: Adobe Stock

Non si possono tingere i capelli quando si hanno le mestruazioni. Anche questa credenza è sbagliata. Certo, se si è dei soggetti allergici in quei giorni si è più delicati e l’istamina potrebbe essere più forte rendendo un prodotto maggiormente allergizzante. Per quanto riguarda il flusso di sangue, però, la tintura si può fare esattamente come in tutti gli altri giorni.

La sindrome premestruale non esiste. Altra bugia. Lo sbalzo di ormoni che si ha durante il ciclo esiste e può rendere più nervose, causando anche fame o mal di testa. Sebbene esistano rimedi naturali in grado di migliorarla, dire che non esiste o che si tratta di un’invenzione è uno dei tanti falsi miti.

Avere dolori forti è normale. Sebbene tante donne siano cresciute con quest’idea errata, è bene sapere che un po’ di mal di pancia nei primi giorni delle mestruazioni può essere normale. Se questo diventa fortissimo al punto da dover sempre ricorrere agli anti dolorifici è però molto importante informarsi e farsi visitare. In alcuni casi potrebbe trattarsi di endometriosi, una patologia ancora poco conosciuta e che non tutti i ginecologi sono in grado di riconoscere. Motivo per cui, se ci si rende conto di stare troppo male è bene sentire prima di tutto se stesse ed il proprio corpo e, qualora fosse necessario, chiedere un secondo parere ad un medico specialista.

LEGGI ANCHE -> Soffri di prurito intimo? Questi rimedi naturali possono aiutarti

Imparare a capire cosa è vero e cosa no è un buon modo per conoscersi e per capire meglio chi siamo e come siamo fatte. Cosa che vale ancora di più quando di mezzo c’è la nostra femminilità.

Da leggere