Perché certi peti puzzano più di altri?

peti
Photo AdobeStock

I peti hanno un odore più nauseabondo del solito? Ecco il motivo sorprendente alla base di queste varianti olfattive.

peti
Photo AdobeStock

I peti sono delle manifestazioni corporali naturali, anche se ci mettono in imbarazzo in realtà sono il segno che il nostro sistema digestivo funziona bene. Il loro odore a volte è molto più sgradevole del solito e la ragione dipende da due fattori. Ti spieghiamo tutto in questo articolo.

Aerofagia: ecco cosa sapere sui peti che puzzano più del solito

puzza
Photo AdobeStock

A livello sociale i peti sono davvero imbarazzanti e lo sono ancora di più quando il loro odore o rumore non passa affatto inosservato. L’intensità della manifestazione di queste reazioni fisiologiche naturali dipende da varie cause e ognuna di loro per fortuna ha delle soluzioni molto utili per alleviare i disagi. La soluzione ovviamente non è quella di trattenere il peto, a tal proposito dovresti scoprire la cosa incredibile che potrebbe accaderti trattenendo un peto.

Per fare chiarezza sull’argomento innanzi tutto dobbiamo raccontarti da dove ha origine questa flatulenza.

Ovviamente essendo legati al sistema digerente, tutto inizia quando mangiamo e ingeriamo il cibo che dopo essere stato masticato scivola lungo l’esofago fino ad atterrare nello stomaco dove viene attaccato dai succhi gastrici che lo digeriscono. Il cibo che non serve viene poi rimosso dal colon.

I gas intestinali si formano quando per qualche ragione del cibo che dovrebbe essere digerito dai succhi gastrici finisce nel colon e incontra i batteri che abitano quella zona.

E’ la digestione incompleta o cattiva digestione che genera la flatulenza pestilenziale. Questi residui alimentari fermentano generando cattivi odori.

Alcuni alimenti si digeriscono peggio di altri, e secondo ricercatori, gastroenterologi e nutrizionisti i cibi che provocano maggiormente queste flatulenze sono:

  • cavolfiore
  • germogli di Bruxelles
  • fagioli bianchi

Anche la frutta che fa tanto bene alla salute spesso non viene ben digerita:

  • mele
  • pere
  • ciliegie

provocano malassorbimento a causa del loro alto contenuto di fruttosio che non facilita l’assimilazione del cibo.

Per evitare gonfiori e gas intestinali è molto utile evitare chewingum e bevande analcoliche ricche di sorbitolo.

Per quanto riguarda il cattivo odore questo dipende da due fattori: il cibo assimilato e i batteri che fermentano. Alcune ricerche avrebbero dimostrato che i batteri che vivono nella parte destra del colon sono diversi da quelli che vivono nella parte sinistra.

Nella parte destra del colon si sviluppano gas che derivano dalla fermentazione di alimenti come carciofi, fagioli bianchi o alcuni zuccheri. Questi gas sono solitamente inodori.

Nella parte sinistra del colon, invece, si sviluppano gas che derivano dalla fermentazione di carni. Questa fermentazione genera idrogeno solforato, un gas con un odore particolarmente sgradevole.

anche se l’odore è terribile dovreste sapere che chi li annusa trae dei giovamenti: l’odore dei peti è benefico per la salute.

Per concludere ti forniamo altri 7 buoni motivi per fare peti più spesso ma nel caso in cui ti sembra che il tuo corpo produca “troppo” gas sarebbe meglio consultare un esperto che potrà meglio analizzare la natura del problema e capire se la flatulenza sia da amputare  a sovrappeso, stress, intolleranze alimentari, stitichezza o altro in modo da attenuarla con una dieta mirata ricca ed equilibrata.

In ogni caso ricardate che l’attività fisica è un ottimo alleato per contrastare e combattere il  gonfiore addominale.