Ti sveliamo i trucchi per poter servire una frittura di calamari a dir poco invitante

Se desiderate servire calamari fritti alla perfezione, che siano croccanti e non molli, ecco i trucchi infallibili da seguire.

L’ultimo ricordo che avete è aver servito degli anelli di calamari mollicci e poco croccanti? Nessun problema è capitato a tutti soprattutto se si è andati di fretta, si sa che la calma è la prima arma vincente in cucina. Purtroppo per qualsiasi pietanza che si prepara l’errore è dietro l’angolo, in particolar modo se volete servire una frittura di calamari croccante e poco unta. Ecco i trucchi da seguire per un piatto perfetto.

Calamari fritti: ecco i trucchi infallibili da seguire

Tra le diverse pietanze che si servono la frittura di calamari è sempre quella più gradita e va subito a ruba a tavola, nessuno riesce a resistere, ma ecco i trucchi da seguire per servirla alla perfezione.

Fonte:Pixabay

La frittura di calamari è un piatto della tradizione italiana che spesso si consuma fuori casa quando si ha paura di sbagliare. Ma ecco i trucchi da seguire.

-Non scegliere calamari di qualità. Il pesce è un alimento facilmente deperibile, si consiglia vivamente di rivolgersi sempre al pescivendolo di fiducia al momento dell’acquisto. In questo modo eviterete di acquistare del pesce decongelato spacciato come fresco. Se volete essere sicuri di acquistare calamari freschi, devono odorare di fresco, che ricordi il mare e il colore deve essere intenso, la parte bianca deve essere molto lucida e brillante. Se al tatto i tentacoli sono sodi allora acquistate.

-Calamari pulirli bene. I calamari vanno puliti, magari lo fate fare al pescivendolo, poi vanno lavate bene sotto acqua corrente fredda più volte, accertatevi che la penna di cartilagine trasparente interna non ci sia. Eliminate anche la pelle, lavateli per bene sotto acqua corrente fredda.

LEGGI ANCHE–>Non tutti sanno che con questi trucchi si può servire un antipasto filante e gustoso

-Tagliare ad anelli della stessa dimensione. E’ importante non solo perchè è bello a vedersi ma si garantisce una cottura omogenea. Riponeteli in uno scolapasta e poi copriteli con un altro piatto e li trasferite in frigo lasciateli scolare bene. Poi asciugate bene con carta assorbente da cucina e tenete da parte. Solo se i calamari saranno ben asciutti riuscirete ad avere una frittura croccante!

-Infarinarli correttamente. Il trucco per infarinarli nel modo corretto è di trasferirli in una busta per alimenti con farina e chiudete e agitate può così da far aderire bene la farina. Solo con questo trucco i calamari fritti saranno croccanti e non mollicci.

chedonna instagram
Segui anche tu CheDonna su Instagram, clicca l’immagine ed entra nella nostra community!

-Olio caldo. Per avere una frittura croccante e perfetta l’olio è importante. Sia la scelta deve essere di qualità Innanzitutto deve essere di arachide o di girasole alto oleico. Mettete in una padella ampia e e antiaderente, poi accendete e fate riscaldare solo quando sarà bollente immergete pochi anelli altrimenti l’olio si fredda e i calamari saranno molli e non croccanti.

frittura
Adobe Stock

-Sale dopo la cottura. Il trucco per calamari fritti croccanti e salarli solo dopo la frittura ecco come. Dopo aver cotti i calamari li adagiate in un piatto con della carta assorbente, così da far assorbire bene l’olio in eccesso. Poi salate e servite, se aggiungete il sale durante la cottura per effetto osmosi il sale richiama l’acqua e quindi inumidirà gli anello di calamari, soprattutto la parte esterna.

Adesso si che la frittura sarà perfetta!

Da leggere