Olio indiano per pulire la pelle: è davvero naturale e funziona davvero?

L’olio indiano per pulire la pelle, cosa è, a cosa serve, come si utilizza e funziona davvero? Scopriamo tutto su questo rimedio naturale e come prepararlo in casa. 

L’olio indiano, un rimedio molto conosciuto e utilizzato da moltissime donne in tutto il mondo per prendersi cura della propria pelle, in particolare quella del viso e per combattere i punti neri.

olio viso
Adobe Stock

Ma cosa è quest’olio, a cosa serve e davvero è così portentoso come molti lo giudicano? Scopriamo tutto su questo rimedio naturale e anche come poterlo preparare in casa.

Olio indiano per pulire il viso: cosa è

L’olio indiano è un rimedio naturale formato da una miscela di oli vegetali, essenziali e di oleoliti in grado di trattare la pelle con delicatezza, purificarla in profondità e regalare anche un trattamento di idratazione senza pari.

Questo olio naturale è in grado di mantenere e ripristinare l’equilibrio della pelle e regolare la produzione di sebo ed è ottimo dunque anche per trattare le pelli grasse. L’olio indiano inoltre vanta un’eccezionale penetrabilità e fluidità che ne fanno un prodotto piacevole e semplice da utilizzare perfetto anche per le ragazze molto giovani che si approcciano alla skincare routine.

Come funziona

Il meccanismo d’azione dell’olio indiano è quello di penetrare nell’epidermide favorendo la fuoriuscita dell’impurità in modo naturale e mantenendo i pori, naturalmente dilatati, liberi dallo sporco.

pulizia viso
Adobe Stock

Evita dunque anche l’utilizzo di beauty routine per la pulizia del viso molto invasive come la spremitura dei punti neri e dei comedoni e anche l’utilizzo di peeling. Questo rimedio naturale è senza dubbio adatto a tutti, facilmente reperibile e davvero molto economico.

Olio indiano per pulire il viso: come utilizzarlo

Per utilizzare al meglio l’olio indiano ci sono due metodi, il primo è quello di applicare l’olio sui dischetti di cotone e passarlo sul viso perfettamente pulito, il secondo, il più efficace, è quello di passare l’olio indiano direttamente sul viso pulito effettuando un massaggio circolare e deciso.

olio vegetale
Adobe Stock

Per preparare la pelle alla pulizia profonda, si potrà non più di due volte al mese, favorire la dilatazione dei pori sottoponendo il viso ad un bagno di vapore. Lo si potrà fare facendo bollire dell’acqua e posizionandovi il viso sopra per almeno 5 minuti. Avere l’accortezza di coprire le testa con un telo di spugna o di cotone permetterà al vapore di non disperdersi.

Dopo aver dilatato i pori del viso si potrà applicare l’olio indiano con un massaggio circolare, insistendo sulla zona a T (fronte, naso e mento) dove i pori dilatati sono presenti in modo maggiore e si formano i punti neri.

L’olio penetrando in profondità farà letteralmente affiorare lo sporco accumulato nei pori della pelle. A questo punto si potrà eliminare l’olio dal viso utilizzando dei dischetti di cotone sempre nuovi fino a che non appaiono completamente puliti.

L’olio indiano penetra in profondità, ma se resistono delle tracce di unto, si potrà lavare il viso con un poco di detergente naturale e delicato per il viso. Perché il trattamento sia efficace non basterà una sola applicazione per veder sparire i punti neri ma i risultati di un uso costante non tarderanno a farsi notare.

->>LEGGI ANCHE: Olio prezioso per corpo e capelli: la ricetta fai da te perfetta per l’estate!

Olio indiano per pulire il viso: cosa contiene e come prepararlo in casa

L’olio indiano è un rimedio naturale costituito da una miscela di:

  • olio di jojoba
  • oleolito di camomilla, di calendula o olio di riso
  • olio essenziale di tea tree
  • olio essenziale di rosmarino
  • olio essenziale di lavanda o altro per profumare

Come prepararlo in casa

Seguendo il video tutorial di Carlitadolce, potrete preparare un ottimo olio indiano fatto in casa!

 

 

 

Da leggere