Ami le visciole? Ecco perché fai bene a mangiarle

Scopri tutto quel che c’è da sapere sulle visciole, frutti da gustare anche al di fuori della classica crostata.

La visciola è un frutto molto particolare, molto famoso nel centro Italia, meno al nord. Confusa spesso con le amarene, è una drupa piccola, un po’ acida ma dolce. Vediamo insieme i segreti di questo frutto particolare.
Frutto poco considerato, la visciola non è solo buona ma ha anche diverse proprietà che fanno bene all’organismo.

Tutto sulle visciole: proprietà, controindicazioni e curiosità

Le visciole sono i frutti del Visciolo (Prunus cerasus var. austera) della famiglia delle Rosacee. Nonostante sia una pianta selvatica, vi sono diverse coltivazioni.
La distinzione va fatta d’obbligo, nonostante vengano spesso confuse, visciole, amarene e marasche sono tre frutti distinti.

visciole
fonte foto: Adobe Stock

Di origine incerta, ma probabilmente derivante dal medio oriente, il visciolo pare sia stato importato da Lucullo, che nel 65 a.C. ne piantò nel suo giardino.
Le sue qualità organolettiche ne fanno un frutto prelibato, ma le sue proprietà benefiche non sono da meno. Ricca di vitamina C, potassio, ma anche flavonoidi, sali e fibre,
la visciola offre aiuto al fisico in molti modi.

  • Antiossidante
  • Rilassante
  • Regolatore intestinale
  • Anti colesterolo 
  • Anti età
  • Sedativa
  • Anti cistite
  • Depurativa
  • Diuretica

Le visciole sono utilizzate anche in fitoterapia, soprattutto i peduncoli, ed i frutti.
In alcuni casi aiutano a curare problemi batterici delle parti intime femminili ed a contrastare l’insorgenza di insufficienza renale.

Le visciole, inoltre, contengono:

  • Melatonina: antiossidante che aiuta a regolare il ciclo del sonno
  • Pectina: riduce la sensazione di fame
  • Quercetina: aiuta a tenere bassi i livelli di colesterolo e previene patologie cardiache
  • Antociani: che aiutano a disinfiammare ed a combattere i dolori reumatici

Calorie e valori nutrizionali delle visciole

Questi i valori medi per una quantità di 100 g. di visciole:

  • Calorie: 50
  • Acqua: 87 g
  • Proteine: 1g
  • Carboidrati: 13g
  • Zuccheri: 9 g
  • Grassi: 0,4 g
  • Vitamina C: 11 mg
  • Calcio: 15 mg
  • Potassio: 170 mg
  • Ferro: 0,35 mg
  • Fibra: 2 g
  • Sodio: 3 mg

Ovviamente questi valori non vanno intesi come assoluti. In base alla varietà scelta, infatti, alcuni valori potrebbero essere un po’ diversi. Questa è comunque una media piuttosto attendibile che da l’idea delle tante proprietà di questo frutto.

LEGGI ANCHE -> Cedro: proprietà, benefici e controindicazioni

visciole
fonte foto: Pixabay

Controindicazioni
Pur non essendoci controindicazioni conclamate nei confronti delle Visciole, coloro che sono allergici o intolleranti alle ciliegie ed alle Rosacee, farebbero meglio a non consumarle.
Un abuso eccessivo di visciole, in oltre, potrebbe portare a stati quali diarrea e meteorismo.

In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.

Come assumere le visciole

Le visciole sono molto rinomate nel Lazio, nelle Marche ed i Umbria, soprattutto per la confettura.
Dalle visciole si possono infatti creare composte e confetture che si sposano bene con qualunque tipo di dolce, ma in particolare con la pasta frolla. Famose infatti le crostate di Visciole e ricotta.
Da questi frutti si estrae anche il succo, ma si può fare il vino ed il liquore.
Ottime fresche, aggiunte alle macedonie o a torte e panificati, si possono integrare anche nelle salse per carni come arrosti.

Da leggere