La perdita del peso dipende soprattutto dai cibi che abbini in un pasto. Ecco le combinazioni giuste per dimagrire

Quando si vuole dimagrire oltre alle quantità dobbiamo tenere conto dell’abbinamento dei cibi in un pasto. Ecco le combinazioni giuste. 

Quando decidiamo di perdere peso è fondamentale seguire una dieta e rispettare le quantità. Ma non solo, anche abbinare i cibi nel modo giusto per sfruttarne il più possibile il fattore metabolico e dimagrante.

Naturalmente quando si hanno alcune patologie è bene consultare sempre uno specialista. Medici e nutrizionisti potrebbero addirittura sconsigliare determinati abbinamenti in presenza di alcuni disturbi.

Scopriamo allora come poter sfruttare il potere dimagrante di alcuni cibi se abbinati insieme ad altri in un pasto e viceversa, quelli che invece è meglio evitare se vogliamo dimagrire.

Ecco i migliori abbinamenti dei cibi: dalla colazione alla cena

abbinamenti cibi dimagrire
Adobe Stock

Colazione

A partire dalla colazione che è uno dei pasti fondamentali dovremo abbinare una proteina, un carboidrato e uno zucchero pronto all’uso. In questo caso allora sceglieremo tra latte vaccino o vegetale o yogurt, altrimenti l’albume dell’uovo o un affettato come bresaola o petto di tacchino.

Per i carboidrati invece possiamo scegliere tra fette biscottate integrali, gallette di riso o mais, pane di segale o cereali come corn flakes o fiocchi d’avena.

E infine, uniamo un alimento a base di zucchero come della marmellata biologica, miele, frutta fresca, estratto o centrifugato, o una spremuta.

Dobbiamo invece evitare gli abbinamenti nella stessa categoria: ad esempio se prendiamo il latte evitiamo di consumare anche uno yogurt.

Possiamo invece aggiungere una bevanda dalle proprietà antiossidanti come un tè verde o un infuso a base di frutti rossi.

Pranzo

Per pranzo invece dovremo scegliere un cibo a base di carboidrati, con uno a base di proteine e completare con una porzione di verdure e una piccola quantità di grassi forniti dall‘olio extra vergine d’oliva, ecco perché è preferibile ad altri grassi.  

In questo caso allora opteremo tra un piatto di legumi o del pesce, che abbineremo a una porzione di cereali integrali o riso o pasta, meglio se tutto integrale.

Infine chiudiamo con le verdure che potranno essere sia crude che cotte ma meglio se di stagione, preferibili rispetto a quelle coltivate in serra, da condire con dell’olio evo.

Cena

Per cena invece dovremo porre particolare attenzione visto che si tratta del pasto in cui si accumulano di più i grassi perché abbiamo meno possibilità di smaltirli.

Da evitare quindi gli zuccheri semplici e meglio se anche i carboidrati. Mentre invece dovremo dare spazio alle verdure e alle proteine, questo ci aiuterà a mantenere la massa magra.

E allora optiamo per un secondo leggero a base di carni bianche o rosse, oppure pesce, uova o formaggi magri come primo sale o ricotta, e salumi magri quali bresaola o petto di pollo o tacchino.

Abbineremo delle verdure crude o cotte da condire rigorosamente con dell’olio evo e limone, ma con un piccolo accorgimento. Uniamo una fonte di omega 3 grazie ai semi oleosi come quelli di lino.

abbinare cibi dimagrire
Fonte: Pixabay

Spuntini

Oltre ai canonici tre pasti principali se si ha ancora appetito e per non abbuffarci poi al pasto possiamo fare uno spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio. In tal caso ecco i giusti abbinamenti.

Frutta fresca e frutta secca, altrimenti potremo assumere un quadratino di cioccolato fondente che ci fornirà preziosi antiossidanti.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti