Allenamento eccessivo? Ecco come scoprirlo con alcuni segnali spia!

Ami lo sport e a volte hai pensato che il tuo allenamento fosse eccessivo? Per scoprirlo, ci sono alcuni segnali ‘spia’ che possono aiutarti. Vediamo insieme quali sono.

Sport e pandemia, un binomio non proprio perfetto. Divieti e restrizioni non rendono la vita facile agli irriducibili del fitness e dello sport. Palestre, piscine e centri sportivi sono ancora chiusi e non si sa quando potranno riaprire.

Ma come si fa, in questo periodo, a mantenersi in forma? C’è chi punta tutto sugli esercizi fai da te in casa e chi, invece, limitazioni permettendo, non rinuncia alla corsa all’aperto. Insomma, ognuno si organizza come meglio può, per non accumulare chili.

allenamento
(Adobe Stock)

L’attività fisica, unita ad una dieta sana ed equilibrata, è l’arma migliore per combattere la sedentarietà dei tempi che corrono. I ritmi di vita sono cambiati, si passano più ore a casa e, mantenersi in forma, diventa più complicato.

E tu come ti stai regolando? Ritagli un po’ di tempo per l’attività fisica? Se la risposta è sì vogliamo chiederti: ha mai pensato che il tuo allenamento fosse eccessivo? Se il dubbio ti è venuto, almeno una volta, sappi che ci sono dei segnali ‘spia’ che possono aiutarti a capire se stai esagerando. Scopriamo insieme quali sono.

Il tuo allenamento è eccessivo? Ecco come capirlo

Allenarsi fa bene, ma fino ad un certo punto. A tirare troppo la corda il rischio è che si spezzi. Il nostro corpo ci lancia segnali precisi per farci capire quando stiamo esagerando. Bisogna saperli interpretare nel modo giusto.

Il movimento fisico ci regala salute e benessere ma, quando si eccede, possono esserci controindicazioni. Il nostro organismo ci fa capire quando è il momento di tirare un po’ il freno. Si tratta di veri e propri segnali ‘spia’ che vanno presi in seria considerazione. Vediamo quali sono.

Tra i primi campanelli d’allarme ci sono stanchezza e senso di inadeguatezza. Se siamo stanchi ancor prima di iniziare un allenamento e, per giunta, già convinti di non potercela fare, allora c’è qualcosa che non va. Molto probabilmente, da un po’ di tempo, stiamo chiedendo troppo sia alla mente che al corpo.

Indizi interessanti posso arrivare anche dal cuore, in particolare dal suo battito. Se è troppo veloce o troppo lento (nell’ordine di 5 battiti in più o in meno al minuto) al mattina appena svegli, a riposo, qualcosa non quadra. E’ sempre bene consultare un medico per saperne di più. Laddove fosse necessario, il consiglio è quello di rivedere il proprio piano di allenamento.

Vanno monitorati anche il sonno e l’appetito. Un allenamento eccessivo, per intensità, frequenza e carico, potrebbe farti dormire male e incidere sulla sensazione di fame. In casi simili, il consiglio è di allenarti un po’ di meno rispetto al solito, per vedere se le cose migliorano.

allenamento
(Adobe Stock)

La soluzione ideale è sempre quella di fermarsi laddove s’intuisce che è il corpo che lo chiede. Il programma d’allenamento può variare da persona a persona. Sarebbe quindi preferibile farselo stilare da un trainer professionista.

Il fai da te può andare bene, ma fino ad un certo punto. Con la salute non si scherza, ecco perché è sempre meglio, quando si può, affidarsi ai consigli preziosi di un esperto.