Con i post su Instagram inquini. Lo sapevi? Scopri subito il motivo

Di sicuro pubblichi post su Instagram, ma forse non sai che contribuisci ad inquinare. Non lo immaginavi? Scopri subito perché

Continua il nostro viaggio nel frenetico mondo della tecnologia. Oggi torniamo a parlare di inquinamento, in correlazione all’utilizzo di alcune strumentazioni e app. Ti abbiamo già detto che nelle riunioni in remoto, se spegni la webcam, inquini fino al 96% in meno.

Instagram
(Getty Images)

Anche Internet fa la sua parte sul cambiamento climatico. Lo dice la scienza. Lo scambio di email, ma anche l’utilizzo di app molto performanti come WhatsApp, hanno un certo impatto sull’ambiente.

Il discorso vale anche per i post pubblicati su Instagram. Forse non sapevi che, in qualche misura, sono inquinanti. Scopriamo subito perché.

S’inquina dai post su Instagram alle ricerche su Google

I mezzi di trasporto impattano sull’ambiente. E’ risaputo. Ma anche Internet inquina. La tecnologia scandisce ormai i ritmi del nostro quotidiano. Con la pandemia, il processo di digitalizzazione ha subito un’accelerazione.

Da quasi un anno molte persone lavorano in smart working, partecipano a riunioni in remoto, fanno sempre più ricerche su Google per i motivi più disparati. Tutto questo incide sul cambiamento climatico.

Anche pubblicare su Instagram ha un certo impatto sull’ambiente. Ogni giorno, da tutti i social media, arriva una valanga di post. I contenuti sono i più disparati. Si spazia dallo sport al tempo libero, dalla politica alla moda, passando per musica, cinema, bellezza e molto altro ancora.

Ricerche su Google, messaggi scambiati, email inviate, post condivisi sui social media. Tutte queste azioni contribuiscono ad emettere una certa quantità di diossido di carbonio.

Ovviamente tieni conto che non è il singolo post che inquina, ma il consumo di elettricità affinché il messaggio venga scritto, inviato e ricevuto. E’ sempre la somma che fa il totale. Tutto questo almeno fino a quando la gran parte della energia elettrica sarà prodotta con fonti fossili.

Instagram
(Getty Images)

Stando a dati e studi recenti, il ‘sistema Internet’ preso nella sua interezza sarebbe responsabile del 3,7 per cento delle emissioni inquinanti. Si tratta di un valore assimilabile a quello del traffico aereo.

E’ anche vero che, senza Internet, probabilmente il dato sulle emissioni sarebbe maggiore. La sconfinata rete ci risparmia un bel po’ di diossido di carbonio. Il motivo è lampante.

Molte attività infatti possano essere svolte da casa senza bisogno di raggiungere gli uffici o i destinatari delle nostre comunicazioni. Tutto questo abbatte tantissimo i costi dei trasporti in auto, in pullman o in aereo. Si riducono le emissioni.

Demonizzare Internet non serve a nulla. Invitare però ad un utilizzo più consapevole e mirato dei social media forse sì, serve. Qualche post si potrebbe evitare, diciamocelo fuori dai denti, con buona pace dell’ambiente.

 

 

 

 

 

Da leggere