Riunioni online? A webcam spenta s’inquina fino al 96% in meno

Il numero delle riunioni di lavoro online è aumentato, complice la pandemia da Covid-19. Sapevi che a webcam spenta si inquina fino al 96% in meno? Scopriamo insieme perché

riunioni online
(Getty Images)

Ai tempi del Covid i dati sulla disoccupazione sono da brividi. Nel solo mese di dicembre 2020 si sono avuti 101mila occupati in meno, di cui 99mila sono donne che non hanno più un impiego.

Il virus ha sconvolto il mercato del lavoro, in tutte le sue dinamiche. Per molte persone è cambiato proprio il mondo di organizzare la giornata. Con lo smart working si resta a casa, si sostituisce virtualmente l’ufficio. Connessione ad internet, pc e webcam sono strumenti indispensabili per gestire il lavoro a distanza.

Anche le riunioni si svolgono online proprio per evitare assembramenti. Forse però, quello che non sai, è che a webcam spenta si inquina molto di meno. Scopriamo insieme il perché.

Riunioni online. A webcam spenta si rispetta l’ambiente

coppia e smart working
(Adobe Stock)

A causa della pandemia incontri con amici, rimpatriate in famiglie (si pensi alle passate festività natalizie) e riunioni di lavoro, si svolgono sempre più in modalità virtuale. Sfruttando Zoom, Google Meet e altre applicazioni simili, i ritrovi online sono ora un’abitudine.

Le riunioni online meritano un approfondimento particolare, anche per il clima surreale che spesso viene a crearsi. Anzitutto, c’è da distinguere tra coloro che ci mettono la faccia e quelli che, invece, un po’ per timidezza, preferiscono non mostrarsi in video. I rettangoli neri sullo schermo indicano i partecipanti alla riunione che non hanno attivato la webcam.

Se già prima non ti piaceva apparire in video, ora sappi che c’è un ‘alibi’ di ferro per te. Potrai dire che spegni la webcam per rispettare l’ambiente. Una motivazione virtuosa, che non fa una piega e che ha una base scientifica. L’università americana di Purdue ha infatti analizzato il consumo energetico prodotto da un pc nel corso di un collegamento video.

Nello studio consultabile qui i ricercatori hanno evidenziato che, in circa un’ora di videoconferenza o streaming, il computer emette tra i 150 e i 1000 grammi di anidride carbonica e richiede fra i 2 e i 12 litri di acqua. Se si considera che ormai quasi tutti passano ore intere al pc per diverse ragioni, utilizzando proprio una webcam, s’intuisce che gli effetti per la salute della Terra possono essere davvero devastanti.

smart working e rapporti intimiti
(Pexels)

Per i ricercatori, anche solo lasciando la fotocamera spenta, si può contribuire a salvaguardare l’ambiente: così facendo s’inquina fino al 96% in meno. Se lo desideri, ora sai che con un piccolo gesto puoi contribuire anche da casa a salvaguardare il pianeta.