Covid-19, vaccino AstraZeneca. C’è l’ok dall’Ue anche per gli over 55

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato il vaccino anti-Covid di AstraZeneca. Potrà essere somministrato anche agli over 55. S’attende ora l’ok dell’Aifa

Vaccino
(Getty Images)

Buone nuove dal fronte Covid. L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha approvato il vaccino prodotto da AstraZeneca. Un risultato importante; ora c’è un altro distributore sul mercato per soddisfare il fabbisogno mondiale. Nonostante tutto, però, le polemiche non mancano. Pesano i ritardi sulle consegne dei lotti. E’ già accaduto con Pfizer, che ha fatto slittare la vaccinazione degli over 80 in Italia.

AstraZeneca, prima ancora di ricevere il via libera dall’Ema, ha parlato di ritardi nella distribuzione. Una questione intricata per la quale è muro contro muro con Bruxelles. In particolare, l’Unione europea sospetta che alcune dosi opzionate alla casa farmaceutica per i paesi membri siano state dirottate all’estero, probabilmente in Gran Bretagna.

La multinazionale rispedisce le accuse al mittente ed ha fatto sapere di non aver violato in alcun modo il contratto. La Commissione europea, però, è passata alla controffensiva ed ha pubblicato l’accordo siglato con l’azienda. Inoltre, l’Ue, ha attivato il ‘meccanismo di trasparenza’ sull’export di AstraZeneca, negando le autorizzazioni laddove fosse necessario. In particolare, si potrà rifiutare di dare l’ok per tutti i trasferimenti di vaccini coperti da accordi di pre-acquisto e già pagati con i soldi dei contribuenti europei.

Insomma, lo scontro è all’apice. L’Inghilterra però si tiene fuori, ribadendo il diritto di prelazione sulle dosi.

Vaccino AstraZeneca: dopo l’Ema tocca all’Aifa dare l’ok

vaccino
(Getty Images)

Il vaccino di AstraZeneca contro il Coronavirus approvato ieri dall’Ema sarà disponibile per tutti gli adulti sul mercato e potrà essere iniettato anche agli over 55. Questo è quanto stabilito dall’Agenzia europea per il controllo sui medicinali. La decisione, però, non convince Berlino, che preferisce frenare. La Germania, infatti, inietterà il farmaco soltanto alle fasce di popolazione più giovani.

La Francia sembra orientata a seguire l’esempio tedesco. Il presidente Emmanuel Macron ha espresso molte perplessità sull’utilizzo per i senior, considerato che gli esperti dell’Ema hanno ammesso di non avere tutti i dati sull’efficacia per quella fascia di età (over 55). Anche l’Italia dovrà scegliere su come procedere con il vaccino di AstraZeneca. Punterà sui più giovani? La decisione è attesa per oggi, dopo la riunione dei tecnici dell’Aifa.

vaccino
(Getty Images)

La campagna vaccinale in Italia, tra uno stop e l’altro, ha subito un brusco rallentamento. Lo sa bene anche il commissario all’emergenza Domenico Arcuri. I tempi per l’immunità di gregge, purtroppo, s’allungano.

 

 

 

Da leggere