Come congelare correttamente la pizza fatta in casa: tecniche e tempi

Congelare la pizza fatta in casa, è l’unico modo per conservarla in modo corretto ecco alcuni consigli pratici per farlo correttamente

La pizza fatta in casa è avanzata. Può succedere, non perché sia cattiva ma semplicemente perché quando prepariamo l’impasto siamo sempre più generose e quindi due sono le soluzioni: scaldarla il giorno dopo oppure surgelarla. Ma come possiamo fare per congelare correttamente la pizza fatta in casa e averla buona come appena preparata quando la riscalderemo?

Uno pensa che sia sufficiente metterla in freezer così com’è, tanto fa tutto lui. Sbagliato, ci sono metodi e trucchi intelligenti da mettere in pratica per avere una pizza sempre fresca e capace di tornare croccante come appena sfornata. In fondo tutte la fatica che abbiamo fatto per impastare, condire e cuocere non può essere sprecata così.
Il primo gesto fondamentale che vale per la pizza fatta in casa così come per quella presa in pizzeria o con l’asporto, è dividere la pizza. Non congeliamola mai intera, ma divisa in quarti oppure in fette. In genere quella da asporto è già divisa almeno in quattro parti, quella di casa no: basta una rotella per pizza o anche solo il coltello e il gioco è fatto.

Conosciamo già la vostra obiezione: e se abbiamo preparato la pizza in una teglia rettangolare? Vale lo stesso principio, solo che in quel caso dovete dividerla in tranci, come quelli della pizza al taglio. A quel punto mettete tutto in una teglia e infilate in freezer per almeno tre ore, per dare una prima raffreddata al prodotto. Se avete già deciso di congelarla non fate passare troppo tempo dalla cottura al frigorifero e poi al freezer: serve a mantenere intatte tutte le proprietà degli ingredienti.

Come scongelare e poi riscaldare correttamente la pizza lasciata nel freezer

istock

Il secondo passaggio è questo: quando le fette o i tranci di pizza sono perfettamente congelati, avvolgeteli uno per volta nella pellicola per alimenti. Sarà il modo per evitare che sulle fette si depositi la brina del freezer che in fondo è acqua. Così non rischiamo di avere un risultato molliccio e poco mangiabile quando la scongeleremo.

Quando tutte le fette sono state avvolte nella pellicola infiliamole nei classici sacchetti gelo, anche solo due o tre alla volta. Se poi volete essere più sicuri, potete avvolgere ogni sacchetto nella stagnola, così sarà ben protetto E ricordatevi sempre di segnare la data sull’etichetta: la pizza congelata va bene in freezer per due o massimo tre mesi, non di più.
Attenzione p
erò ad un particolare non di poco conto. Se la pizza è fatta in casa, sapete bene quello che avete messo e se ci sono degli ingredienti giù surgelati. Per la pizza comprata in pizzeria oppure all’asporto non potete esserne certi. Congelare, scongelare e poi ricongelare nn è mai consigliato, ricordatevelo.

“Pizza Margherita with Mozzarella cheese, tomatoes and basil.”

Infine come ritrovare la croccantezza del primo morso anche due mesi dopo? Tirate fuori le fette di pizza dal freezer e lasciatele scongelare in frigorifero almeno due ore. Poi togliete la pellicola e tutto quello che le avvolge scaldandole in forno a 175-180° per almeno 10 minuti. Ma se volete un risultato più croccante possono rimanere anche un quarto d’ora.