Fabrizio Moro e Alessio De Leonardis: al via le riprese del film Ghiaccio

Fabrizio Moro e Alessio De Leonardis, via alle riprese del film “Ghiaccio”. “Inizieremo a dar vita al pugile che sognavo da bambino”.

fabrizio-moro-alessio-de-leonardis
Foto Instagram da https://www.instagram.com/delealessio/

Fabrizio Moro e Alessio De Leonardis annunciano l’inizio delle riprese del film Ghiaccio di cui hanno scritto la sceneggiatura e di cui saranno registi. Una grande prova per entrambi, ma anche la possibilità di realizzare un sogno che il cantautore romano aveva sin da bambino.

Cresciuto con la passione per il pugilato grazie al nonno che, di notte, lo svegliava per poter vedere gli incontri dei più grandi campioni, Fabrizio, durante il lockdown, insieme ad Alessio De Leonardis, ha finito di scrivere la sceneggiatura del film di cui, da lunedì 18 gennaio, inizieranno le riprese.

Entrambi hanno pubblicato un messaggio sui propri profili social per condividere la grande emozione, ma anche la paura che si prova quando sta per cominciare una nuova e splendida avventura.

Fabrizio Moro e Alessio De Leonardis, cominciano le riprese del film “Ghiaccio”: le parole dei registi

copione ghiaccio film
Foto Instagram da https://www.instagram.com/delealessio/

Lunedì 18 gennaio, dopo mesi di attesa, inizia il viaggio di “Ghiaccio”, il film di cui Fabrizio Moro firma la sceneggiatura e la regia insieme all’amico Alessio De Leonardis con cui ha anche girato il videoclip della nuova versione de “Il senso di ogni cosa” e di “Melodia di giugno”, ripubblicata con la raccolta Canzoni D’Amore nascoste.

Per Fabrizio Moro, dopo più di vent’anni di carriera da cantautore, Ghiaccio rappresenta la realizzazione di un grande sogno. Nonostante la paura, è pronto a provarci come scrive lui stesso sui social pubblicando la foto del biglietto speciale di portafortuna che le ha scritto sua figlia, la piccola Anita, di cui è follemente innamorato.

“Sono mesi che ci prepariamo. Mesi a rileggere e a rivedere la sceneggiatura in ogni centimetro, mesi di telefonate e parole per convincere e coinvolgere tutte le persone di cui avevamo bisogno per dar vita a questo progetto, tutti quelli che ora sono intorno a noi e che oggi ringrazio dal profondo del mio cuore, per aver scommesso su questa storia. Sono mesi di lavoro, mesi… Eppure, solo stamattina ho realizzato che domani inizieremo veramente a girarlo questo film e allora mi è presa un po’ di paura“, confessa Fabrizio Moro, sempre pronto a mostrarsi senza filtri e in tutta la sua sincerità. 

Nonostante la paura, il cantautore romano non nasconde l’entusiasmo di poter realizzare un suo grande sogno con il sostegno di tutti i suoi ragazzi, in primis quelli che ci sono sempre stati e che ringrazia ogni volta che ne ha l’occasione e quelli che si sono aggiunti nel corso degli anni.

Credo sia sano avere paura in un momento così, perché come dice un personaggio del nostro film: ‘chi non c’ha paura, non sta coi piedi per terra, la paura t’aiuta a ragionà.. e se poi perdi è uguale.. perché vordì che c’hai provato’. Provarci è stata sempre la mia filosofia di vita e domani inizieremo a dar vita al pugile che sognavo da bambino. Stamattina ho trovato questo biglietto scritto da mia figlia. Buon film a tutti ragazzi”, scrive Fabrizio a cui i fan stanno dimostrando tutto il loro amore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Moro (@fabriziomoropage)

Anche per Alessio De Leonardis, il film “Ghiaccio” rappresenta la realizzazione di un sogno importante dopo 18 anni di duro lavoro.

Personalmente, ci ho messo 18 anni per arrivare qui. 18 anni di sacrifici, di rinunce e di fatica. Tanto tempo. Troppo, probabilmente.
Quello che non ho mai perso, per fortuna, è stata la speranza, perché se lotti, se ti fai il culo, se costruisci, se non molli, anche se parti dal niente, prima o poi qualcosa la raccogli.
E questo è quel momento lì. Quello di raccogliere”, scrive sul suo profilo Instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessio De Leonardis (@delealessio)

In bocca al lupo a Fabrizio Moro e ad Alessio De Leonardis per l’inizio di un’altra, fantastica avventura.