Ti piace lavorare in pigiama? Secondo la scienza stai mettendo a rischio la tua salute

Il Covid-19 ha rivoluzionato le nostre vite ci siamo abituati a tutto: anche a lavorare in pigiama. Secondo la scienza, però, siamo a rischio.

lavorare in pigiama
(fonte: Pexels)

Lo smart working ha tanti, tantissimi svantaggi (ore ed ore di fronte ad uno schermo, impossibilità di godere della luce del sole anche solo per un istante, isolamento forzato, solo per nominarne alcuni) ma anche tantissimi lati positivi.

Chi di noi, infatti, non si è mai messo al lavoro indossando nient’altro che… il proprio pigiama?

Bene, dei ricercatori hanno scoperto che fa male alla tua salute mentale. Scopriamo insieme il perché.

Lavorare in pigiama è deleterio per la tua salute: i motivi

lavorare in pigiama
(fonte: Pexels)

Quando, a Marzo dello scorso anno il Coronavirus era ancora “agli inizi“, in molti hanno visto positivamente la possibilità di rimanere a casa per “sole” due settimane.
La vita frenetica che facevamo prima, infatti, comportava anche uno sforzo non indifferente.

Lavorare da casa, quindi, ha di certo (e da subito) mostrato tutti i suoi vantaggi: niente traffico mattutino, nessun bisogno di vestirsi di tutto punto.
Insomma, siamo tutti, chi prima e chi dopo, diventati fan del pigiama.

E come potrebbe essere diversamente?
Poter lavorare comodamente in tuta (a proposito, qui trovate cinque modi per indossarla anche fuori di casa) rappresentava per molti il sogno di una vita.
(O almeno, lo rappresentava per la persona che vi scrive).

Dopo mesi e mesi di quarantena, di zone rosse, arancioni e gialle, però, lavorare in pigiama è diventata un’abitudine.
E, secondo la scienza, un’abitudine dannosa.

A scoprire il tutto sarebbe stato un team di ricercatori australiani del Woolcock Institute of Medical Research di Sydney.
I ricercatori hanno studiato gli effetti del “lavoro in pigiama” su 163 persone (e, principalmente, sé stessi).

Ebbene, i risultati sono decisamente sconcertanti: lavorare in pigiama avrebbe un peso non indifferente sulla nostra salute mentale!
Potrà sembrarvi la scoperta dell’acqua calda eppure i risultati sono concreti e lo studio approfondito.

Rispetto ai ricercatori che dovevano vestirsi per qualche motivo (figli piccoli da portare a scuola, aree comuni della casa nella quali era impossibile presentarsi in deshabillé), quelli in pigiama se la passano davvero molto male.

Se la nostra salute mentale è allo stremo (ovviamente chi vi scrive è, anche in questo momento, proprio in pigiama), la nostra produttività, invece, sarebbe alle stelle.
Sempre secondo lo studio, infatti, i lavoratori in pigiama sperimentato un aumento della produttività lavorativa, con tutti gli ottimi risvolti del caso.
Chi, invece, è diviso tra vita familiare, obblighi sociali e necessità di uscire di casa starebbe meglio mentalmente ma si troverebbe, in ogni caso, in una condizione piuttosto particolare.

Le persone che, per un motivo o per l’altro, si vestono prima di mettersi al computer sapendo che dopo dovranno uscire o che hanno delle altre incombenze urgenti, sono decisamente meno produttive e laboriose.

Una magra consolazione per tutti coloro che lavorano senza essersi neanche cambiati la maglietta con cui hanno dormito!

Esclusi dallo studio tutti coloro che rimangono con i pantaloni del pigiama ma indossano camicia e giacca per partecipare alle riunioni.
Cosa ne sarà stato di loro?

lavorare in pigiama
(fonte: Pexels)

Insomma, la vostra salute mentale potrebbe essere in declino e la colpa è tutta del vostro pigiama comodo e caldo che, ogni mattina, vi implora di non lasciarlo.

Le conseguenze del Covid-19 sulle nostre vite, comunque, sono decisamente innegabili.

Adesso che sapete come anche il pigiama potrebbe essere responsabile della vostra tristezza non resta che una cosa da fare: tornare a vestirsi!