Vuoi combattere l’odiosa cellulite? La nutrizionista ti spiega come fare

Cellulite, la problematica femminile per eccellenza che con la dieta giusta possiamo iniziare a combattere sul serio.

cellulite
Foto da Pinterest

E’ lei, la nemica giurata di una donna.

Alcuni la chiamano buccia d’arnica, altri si riferiscono a lei citando i proverbiali cuscinetti e altri ancora non ha timore di chiamarla con il suo vero e odioso nome: cellulite.

L’inestetismo forse più diffuso sul corpo di noi donne e, ahimè, anche. il più arduo da combattere.

Alla sua base infatti c’è una vera e propria predisposizione genetica, una basa che rende la cellulite purtroppo parte di noi, un po’ come il colore degli occhi o dei capelli.

Noi però non demordiamo e facciamo tutto ciò che è in nostro potere per combatterla: massaggi, creme, trattamenti di ogni genere e, ovviamente, la dieta.

Già perché senza dubbio l’alimentazione può fare la differenza ma in che modo? E, soprattutto, che cosa dovremmo evitare e che cosa dovremmo invece mangiare? Per chiarire tutto ciò abbiamo chiesto aiuto alla nostra nutrizionista di fiducia, la dottoressa Irene Tirozzi.

Dopo averci allora parlato di pancia gonfia e sindrome premestruale, ecco che cosa ci ha voluto dire per la questione più pressante: la cellulite.

Cellulite, ci aiuta la nutrizionista

“Il messaggio che io voglio far passare come principale è di andare a normalizzare la cellulite perché non è un difetto ma una peculiarità del corpo di ogni donna”

nutrizionista

Non ci illude la Dottoressa Irene Tirozzi, la cellulite è un problema con cui noi donne dobbiamo imparare a convivere ma ciò non vuol certo dire che dobbiamo lasciare che il problema dilaghi.

Se infatti non è possibile dire veramente addio una volta per tutte all’odiosa buccia d’arancia certo possiamo lavorare per attenuare e, nei casi più gravi, normalizzare la cellulite.

Il primissimo presupposto da cui occorre partire è che esistono diverse tipologie, quattro per la precisione, di cellulite. Ognuno di questi stadi presenta la problematica in modo più o meno grave e, di conseguenza, più o meno vistoso.

I risultati ottenibili non sono dunque sempre gli stessi e diverse sono anche le tipologie di approccio che possiamo attuare.

Lasciamo allora la parola alla nostra nutrizionista per comprendere meglio la situazione e quali accorgimenti possiamo adottare per la nostra quotidiana lotta alla cellulite.