Arriva il coprifuoco anche in Sicilia: ecco cosa chiude e cosa resta aperto

Con l’ordinanza N.51 del 24 Ottobre 2020 anche il governatore della Regione Sicilia, Nello Musumeci ha introdotto il coprifuoco nelle fasce orarie serali e notturne.

nello musumeci
Nello Musumeci (Getty Images)

Dopo aver predisposto quattro zone rosse lungo tutta l’isola, il presidente della Regione Sicilia ha deciso di allinearsi alle ulteriore misure di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica Covid-19 adottate prima fra tutte dalla Lombardia.

Secondo i dati di oggi, la Sicilia resta una regione molto colpita dalla nuova ondata del virus. Qualche giorno fa nella regione un caso raro di un ragazzino molto grave.

Dal coprifuoco alla commemorazione dei defunti, ecco l’ordinanza in Sicilia

Sicily region of Italy flag waving cloudy sky background 3D illustration

Dall’ordinanza si evincono cambiamenti e modifiche alle attività economiche, produttive e sociali dell’isola. Leggiamo insieme alcuni importanti cambiamenti.

  • riduzione al 50% dell’occupazione dei posti a sedere e in piedi sui mezzi di trasporto pubblico;
  • sospensione delle attività scolastiche in presenza con partenza dal 26 Ottobre 2020;
  • su tutto il territorio regionale, ad eccezione delle zone rosse, sono vietati gli spostamenti dalle ore 23 alle ore 5 del mattino del giorno successivo (fatta eccezione per esigenze lavorative, situazioni familiari di estrema necessità ovvero motivi di salute);
  • L’attività di ristorazione, perno centrale nel tessuto economico dell’isola sarà ridimensionato. Bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie potranno rimanere aperte dalle 5 del mattino fino alle 23. Con consumazione al banco ammessa solo fino alle ore 18.
  • Le attività di ristorazione nelle zone rosse dovranno invece rimanere totalmente chiuse.
  • Le attività di strutture Termali, centri benessere, attività culturali, centri sociali e piscine sono consentite dalle 8 alle 20.
  • Limitate al 50% gli accessi nelle sale gioco, sale bingo e sale scommesse.
  • Chiusa di tutti gli esercizi commerciali di domenica compresi centri commerciali e outlet.
  • Modalità di accesso adeguate nei cimiteri nei giorni 1 e 2 Novembre per la commemorazione dei defunti;

Per quanto concerne le ulteriori misure in materia di prevenzione sanitaria si fa attenzione al Decreto del ministro della Salute del 30 aprile 2020.

Da leggere