Castagne: i motivi per cui dovremmo mangiarle

0
280

Le castagne sono un alimento ricco di proprietà benefiche. Scopri perché dovresti inserirle nella tua alimentazione quando sono di stagione.

castagne perché mangiarle
castagne – Fonte: Adobe Stock

Ottobre, si sa, è il mese delle castagne. E quale miglior momento, quindi, per ricordare quanto questi piccoli frutti siano un vero toccasana per l’organismo?

Sebbene ricche di carboidrati e quindi da consumare con una certa attenzione, le castagne abbondano infatti anche di vitamine e sali minerali nonché di proprietà che le rendono delle vere amiche della nostra salute. Scopriamo quindi almeno dieci motivi per cui in questo periodo dell’anno bisognerebbe inserirne nella propria alimentazione.

Castagne: dieci motivi per cui andrebbero mangiate

castagne
Castagne – Fonte: Istock photos

Le castagne sono i frutti del castagno e nascono nelle montagne o nei bischi. Hanno una forma rotondeggiante, un guscio molto resistente ed un cuore morbido.

Ottime da preparare al forno o alla brace, si possono anche bollire ed in cucina si prestano a preparazioni di ogni tipo. Il loro sapore tipico di castagna le rende infatti un ottimo spuntino nonché un complemento perfetto per primi e secondi piatti. Ottime anche all’interno dei dolci e sotto forma di confettura, dalle castagne si può realizzare anche una farina, ideale per la preparazione di pani e dolci. Non per niente un tempo erano considerate il pane dei poveri.

Ma se mangiarle è un vero piacere per il palato, anche la nostra salute ne ricava svariati benefici. Tra questi, i più importanti sono:

Donano energia. Molto caloriche e ricche di carboidrati, le castagne offrono una buona dose di energia rivelandosi l’alimento ideale per chiunque abbia bisogno di sentirsi più carico durante la giornata.

Stimolano il sistema immunitario. Ricche di vitamina C, le castagne si rivelano particolarmente indicate a chi ha un sistema immunitario basso. Fungono infatti anche da ricostituente e da aiuto a chi sta attraversando un particolarmente stancante.

Sono ottime in gravidanza. Oltre ad essere energetiche e ricche di vitamine e minerali, le castagne contengono una buona quantità di acido folico. Elemento indispensabile per le donne in dolce attesa.

Fanno bene all’intestino. Grazie all’apporto di fibre, le castagne sono anche amiche dell’intestino, aiutandolo a mantenersi regolare. Tra le altre cose, svolgono un’azione prebiotica aiutando la flora batterica sana a crescere e a proteggere l’intestino.

Aiutano a ridurre lo stress. Sempre grazie al loro valore nutrizionale e alla presenza di minerali e vitamine, le castagne aiutano ad allentare gli stati mentali di stress o depressione.

Abbassano il colesterolo. Sempre grazie alla fibra presente, le castagne limitano l’assorbimento di colesterolo al livello intestinale combattendo così quello cattivo.

Fanno bene alle ossa. Ricche di potassio sono amiche delle ossa e, tra le altre cose, favoriscono il lavoro dei muscoli.

Proteggono il sistema nervoso. Oltre a ridurre stati ansiosi o di stress, le castagne si rivelano amiche del sistema nervoso, proteggendolo.

Combattono l’anemia. Grazie all’apporto calorico e alle tante proprietà che contengono sono anche un alimento consigliato a chi soffre di anemia.

Fanno bene alla pelle. Mangiare le castagne aiuta anche la pelle a mantenersi più elastica e luminosa e, di conseguenza, più bella e in salute.

Come preparare le castagne

cosa cucino con farina di castagne
Farina di castagne e castagne – Fonte: Adobe Stock

Ora che abbiamo visto perché fa bene mangiare le castagne, scopriamo insieme come prepararle.

La tecnica migliore è quella per le caldarroste. Cuocerle sul fuoco lascia infatti inalterate tutte le loro proprietà offrendogli quel gusto caratteristico e tanto amato da grandi e piccini. E con i trucchi giusti è possibile ottenere delle caldarroste morbidissime anche a casa.

Ovviamente le castagne si possono anche bollire, in tal caso però molte delle loro proprietà rischiano di disperdersi.
Un’altra valida preparazione è quella in forno. In tal caso, però, bisognerà infornare sempre castagne che abbiano la stessa grandezza. Il rischio, infatti, è quello di cuocerne bene alcune e di bruciarne altre.

E quando finisce la stagione? Niente paura, per gli amanti del loro sapore inimitabile c’è la farina di castagne con la quale si possono preparare panificati, primi e secondi piatti e, ovviamente, anche i dessert.

Attenzione: come ogni alimento anche le castagne hanno delle controindicazioni. Chi è a dieta, ad esempio dovrebbe consumarne in modo limitato e sempre dietro suggerimento del proprio nutrizionista.

castagne
Castagne in ciotola e su tavolo – Fonte: Istock photos

Le castagne, inoltre, hanno un basso quantitativo di nichel. Motivo per cui eccetto che nella fase detox possono essere consumate ma in quantità che variano da persona a persona. Anche in questo caso, quindi, è sempre bene chiedere un parere al proprio medico curante.