Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Castagne: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarle

Castagne: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarle

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:46
CONDIVIDI

Le castagne sono il frutto simbolo della stagione autunnale. Scopriamone le proprietà, le eventuali controindicazioni e tutte le curiosità che le riguardano.

castagne
Fonte: Istock photos

Le castagne sono dei frutti tipici dell’autunno. Amate da grandi e piccini, hanno dei valori nutrizionali che le rendono più simili ai cereali che alla frutta. Sono inoltre ricche di sali minerali e di vitamine, tanto da essere considerate un alimento ideale per quando si sta male o si soffre di determinate carenze. Ottime da digerire, si possono consumare in modi differenti e all’interno di svariate preparazione. Come ogni altro alimento, possono avere delle controindicazioni. Scopriamo quindi tutto quel che c’è da sapere sulle castagne, iniziando dai valori nutrizionali e proseguendo con i benefici e i tanti modi di usarle in cucina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Zucca: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda le proprietà degli alimenti e i migliori rimedi naturali CLICCA QUI!

Tutto sulle castagne: proprietà, controindicazioni e ricette

Fonte: Istock Photos

Le castagne sono i frutti del castagno e si trovano in zone di montagna o nei boschi. Affinché i loro alberi riescano a fruttificare, hanno bisogno di diverso tempo, ovvero di circa 4 mesi nei quali il tempo deve essere bello. Di forma rotondeggiante da un lato e piatta dall’altro, sono caratterizzate da una spessa buccia marrone all’interno della quale si racchiude la polpa di colorazione quasi beige e dall’ottimo sapore che tutti conosciamo. Ricche di carboidrati sono spesso considerate un’alternativa a pane o pasta, specialmente per chi è intollerante al glutine, visto che ne sono prive.
A ciò si unisce la presenza di diverse proprietà benefiche, che le rendono dei frutti particolarmente indicati a chi è in stato di convalescenza o a chi ha carenze nutrizionali. Pur non essendoci una dose media consigliata, visto l’alto contenuto calorico, il consiglio è quello di non eccedere mai nel consumo.

Calorie e valori nutrizionali
In media, le castagne hanno circa 170 calorie per 100 grammi. Ricche di carboidrati, hanno invece pochi grassi e poche proteine e sono prive di colesterolo.
Contengono molti minerali come il magnesio, lo zinco, il fosforo, il potassio, il rame e il manganese. Per quanto riguarda le vitamine sono invece ricche della E, della K e di quelle del gruppo B.

Proprietà e benefici delle castagne

castagne Fonte: Istock photos

Le castagne apportano svariate proprietà benefiche. Tra queste, le più note sono:

  • Sono energetiche
  • Hanno proprietà anti-infiammatorie
  • Sono ricche di antiossidanti
  • Contribuiscono a rendere la pelle più bella
  • Risultano facilmente digeribili
  • Contribuiscono a regolare il transito intestinale
  • Sono degli ottimi prebiotici
  • Contribuiscono ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue
  • Prive di glutine, sono particolarmente indicate a chi non tollera il glutine
  • Hanno proprietà antibatteriche
  • Sono molto sazianti
  • Sono ricche di acido folico e pertanto consigliate in gravidanza
  • Fanno bene al sistema nervoso e lo proteggono da alcune patologie degenerative
  • Contribuiscono alla salute della prostata
  • Sono ottime contro l’anemia

Controindicazioni
Essendo particolarmente ricche di carboidrati, le castagne sono sconsigliate in caso di obesità o di problemi come diabete, insulino resistenza, diabete mellito, etc… In questi casi, prima di consumarle, è sempre bene chiedere il parere del proprio medico curante.
Il loro consumo può aumentare situazioni di colite o areofagia.
Se consumate in alte dosi possono portare a tossicità epatica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Le ricette autunnali: dalla zucca alle castagne, i cibi sani in cucina

Come assumere le castagne e curiosità

Le castagne vantano svariati consumi da parte dell’uomo. Se normalmente basta bollirle o scaldarle in forno (chi non conosce le caldarroste?), in altri casi possono essere essiccate in modo da essere reperibili anche dopo la stagione autunnale. Grazie alla presenza di poca acqua possono essere consumate come un cereale, tanto che esiste la farina di castagne, perfetta per la preparazione di panificati, di pasta e, ovviamente di dolci. Con le castagne si possono realizzare anche ottime marmellate. Chi ama il salato può invece provarle all’interno di zuppe e minestre e usarne la purea per arricchire le verdure.

Andando alle curiosità

  • Le castagne sono dei frutti tipicamente autunnali. I loro mesi sono essenzialmente Ottobre, Novembre e Dicembre
  • Le castagne sono note dall’antichità e un tempo venivano chiamate “i cereali che crescono sull’albero”.
  • Nel medioevo si pensava che le castagne avessero proprietà afrodisiache.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Cambio di stagione: come affrontarlo con gli alimenti giusti
Leggi anche -> Alga wakame: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla in cucina
Leggi anche -> Fichi: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarli