Terza puntata di Tale e Quale Show: i momenti imperdibili della serata

0
69

La terza puntata di Tale e Quale Show è stata composta di esibizioni davvero memorabili. E in alcuni casi, dov’è mancato il vero talento, è arrivata in soccorso la Carrà.

Tale e Quale
Tale e Quale (Instagram)

Tra telefonate in diretta della Carrà, ricordi emozionati della Goggi e inguardabili imitazioni di Achille Lauro, la terza puntata di Tale e Quale Show conferma il programma di Rai Uno come uno dei migliori show di intrattenimento artistico degli ultimi anni.

A tenere gli spettatori incollati ai teleschermi sono state questa volta le performance di Pago, Virginio, Paolantoni e Barbara Cola, indiscutibilmente tra i migliori della serata.

Tale e Quale: gli highlights della terza puntata

imitazione Achille Lauro
Cirilli imita Achille Lauro (Instagram)

Ad aprire le esibizioni della terza puntata è stata Francesca Manzini, che ha interpretato una Giusy Ferreri davvero convincente: perfetta la voce, adorabile il costume (insieme ai piedi scalzi) e “tale e quale” la riproduzione dei movimenti di Giusy, che la Manzini ha definito un po’ “apatici” anche durante il ballo. Più Ferreri della Ferreri! Una bella differenza rispetto alla deludente prova della scorsa settimana, con una Levante poco entusiasmante.

View this post on Instagram

🎤 @f_manza1 > @giusyferreriofficial #taleequaleshow

A post shared by Tale e Quale Show (@taleequaleshowrai) on

Carmen Russo, arrivata ultima durante la scorsa puntata, con un’imitazione poco convincente di Sabrina Salerno, si è esibita per seconda. Anche stavolta la ballerina è stata invitata a calarsi nei panni di una bomba sexy dei decenni passati, Raffaella Carrà.

Il pezzo portato in scena dalla Russo è stato Tuca Tuca: una scelta assolutamente non casuale, soprattutto a causa del fatto che fosse proprio il marito di Carmen, Enzo Paolo Turchi, il ballerino con cui Raffa eseguì per la prima volta la famosa coreografia della canzone.

Esibizione un po’ piatta e ripetitiva, ma la colpa era forse più della canzone (un po’ superata sia a livello musicale sia a livello coreografico) che dell’impegno della concorrente. A smuovere le cose è arrivata la telefonata di Raffaella in persona.

Assolutamente sconvolgente invece la somiglianza fisica e vocale di Virginio Nero con George Micheal, nella versione dai lunghi capelli meshati e cotonati che conquistò le adolescenti degli anni Ottanta.

Virginio ha duramente conteso agli altri concorrenti i gradini più alti del podio ed è stato riempito di complimenti dalla giuria: meritatissimi.

View this post on Instagram

🎤 @virginionero > @georgemofficial #taleequaleshow

A post shared by Tale e Quale Show (@taleequaleshowrai) on

Un plauso anche a Giulia Sol, che si è posizionata nella parte alta della classifica grazie a un’interpretazione impeccabile. A penalizzarla è stato però un trucco poco riuscito, che ha anche scatenato l’ilarità degli utenti di Twitter.

Giulia Sol
Giulia Sol (Twitter)

Quella di Francesco Paolantoni è stata una prova coinvolgente e commovente, che ha fatto affiorare moltissimi ricordi nel cuore di Loretta Goggi e di Barbara Cola, le quali hanno avuto l’onore di conoscere Mino Reitano. Paolantoni per una volta non ha puntato sulla sua inconfondibile vena comica quanto sull’emozione e sull’autenticità di un’interpretazione davvero molto toccante.

Ottima prova anche per Sergio Muniz, che ha saputo dar vita a un’imitazione praticamente perfetta di Maurizio Vandelli, leader del gruppo rock Equipe 84. Muniz non aveva mai sentito prima la canzone Tutta Mia La Città e ha incontrato diversi problemi nella pronuncia corretta delle parole in Italiano, ma si è difeso benissimo e ha conquistato sia i giudici sia il pubblico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🎤 @sergiomunizllorente > @mauvandelli #taleequaleshow

Un post condiviso da Tale e Quale Show (@taleequaleshowrai) in data:

L’ultima ad esibirsi è stata Barbara Cola, vincitrice della scorsa puntata. La Cola si è guadagnata una ennesima standing ovation e moltissimi complimenti sia da parte dei giudici sia da parte dei 97 spettatori in studio che l’hanno applaudita a lungo. Neanche il fatto di essersi esibita per ultima è riuscito a rovinare la concentrazione della cantante che ha proposto una versione un po’ “datata” di Adele, molto prima del dimagrimento che ha fatto parlare tantissimo negli scorsi mesi.

View this post on Instagram

🎤 @barbara_cola_real > @adele #taleequaleshow

A post shared by Tale e Quale Show (@taleequaleshowrai) on

Il vincitore della puntata però è stato Pago, che ha strappato il podio ai suoi colleghi con un’esibizione letteralmente da brividi, che ha saputo dare l’impressione che il vero Fabrizio Moro si stesse esibendo per i telespettatori di Tale e Quale Show.

View this post on Instagram

🎤 @pagoufficiale > @fabriziomoropage #taleequaleshow

A post shared by Tale e Quale Show (@taleequaleshowrai) on

Mentre venivano eseguiti i conteggi dei voti che hanno portato Pago / Moro sul gradino più alto del podio è stata messa in scena una versione riarrangiata come tango del primo grande successo sanremese di Achille Lauro, guidata dall’Achillle di Cirilli (che qualcuno ha ribattezzato “Tallone d’Achille” data la scarsa somiglianza fisica con il cantante).

Si poteva evitare? Molto probabilmente sì, ma di certo il vero Achille Lauro si sarà divertito: ricevere un’imitazione durante uno show in prima serata è certamente segno di essere arrivati in alto!