Picchiato da due fratelli pugili: perde un occhio nello scontro

0
56

E’ successo a Roma. Il ragazzo era in compagnia della propria fidanzata quando è stato picchiato. Vediamo cosa è accaduto.

Spostamento fra regioni, via libera dai primi di giugno (Getty Images)
carabinieri in esercizio delle proprie funzioni (Getty Images)

Gli episodi di violenza in questi giorni di certo se ne sono visti non pochi.

E’ notizia di appena ieri l’aggressione ai danni di alcune persone di colore da parte di un branco squadrista razzista.

Ogni forma di violenza va condannata con forza e fermezza, ma in Italia l’ondata di aggressioni non accenna a diminuire.

In questo caso purtroppo l’odio è l’irrazionalità hanno prevalso nella mente di questi due fratelli che si sono resi colpevoli.

Picchiato con violenza perde un occhio: i motivi

Chiarimenti su violenza sessuale non aggravata
violenza aggravata (Pixabay)

Attraverso azioni che riportano alla mente l’episodio di Willy, in cui i due fratelli Bianchi spaccarono il cuore del ragazzo, in questo caso parliamo di ferite gravi quali un occhio perso, ma per fortuna, non di morte.

E’ stato aggredito e picchiato davanti alla propria fidanzata da due fratelli pugili per non averli invitati a una festa.

La vittima in questo caso è un 28enne di Ladispoli, vicino Roma, che per le botte ricevute quella sera ha perso un occhio.

L’episodio è accaduto il 20 luglio scorso e prontamente il ragazzo si era apprestato il giorno dopo a denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine.

Circa 70 giorni dopo, stamattina, i due fratelli, insieme al cognato, sono stati arrestati dai carabinieri della compagnia di Civitavecchia per lesioni personali gravissime. A quanto ricostruito, la vittima conosceva gli aggressori poiché iscritti alla stessa palestra.

Tornando indietro e facendo una ricostruzione dei fatti bisogna dire che appena recatosi in caserma il giovane aveva riferito che, la sera precedente, era stato aggredito e picchiato da due fratelli e dal loro cognato, per banali motivi, tali da causargli lesioni molto gravi che gli avrebbero causato la perdita di un occhio.

Le indagini dei militari, coordinate dalla procura di Civitavecchia, hanno permesso di verificare il racconto del giovane, anche tramite le dichiarazioni di alcuni testimoni che avevano assistito indirettamente alla scena.

Secondo quanto si apprende, la vittima la sera dell’aggressione si trovava in compagnia della fidanzata e aveva incontrato la sorella dei due pugili. I fratelli, avvertiti dalla sorella, si erano precipitati prontamente sul posto ed all’improvviso avevano iniziato ad assalire il giovane. La violenza era stata troppo forte ed il ragazzo era a terra gravemente leso mentre la loro sorella bloccava la fidanzata. Per questo motivo anche la ragazza è indagata per violenza privata.

Il motivo dell’aggressione, secondo quanto ricostruito dai militari, farebbe riferimento al fatto che uno dei due fratelli era fortemente risentito nei confronti della vittima poiché quest’ultimo avrebbe organizzato una festa alla quale non lo aveva invitato.

Dopo tale ingiustizia subito, dopo questo affronto, per quanto assurdo possa sembrare, l’aggressore avrebbe minacciato con numerosi messaggi telefonici la vittima, fino alla sera del pestaggio.

Per tracciare meglio una descrizione degli aggressori bisogna specificare che uno dei due fratelli ha precedenti per delitti conto la persona e per uso di droga. 

Seguiranno ulteriori aggiornamenti sulla vicenda