Home Coppia Phubbing: come fa male alla coppia

Phubbing: come fa male alla coppia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15
CONDIVIDI

Il phubbing è un fenomeno degli ultimi anni legato all’uso continuo degli smartphone. Ecco come e perché può far male alla coppia.

phubbing nella coppia
coppia con telefonini – Fonte: Pixabay

Quando si parla di relazioni di coppia è molto importante mantenere sempre l’attenzione su alcuni punti come la sincerità, la confidenza e, tra le tante altre cose, il dialogo. Per quanto ci si ami, infatti, ci sono delle mancanze che alla lunga possono incrinare il rapporto portando persino ad una crisi di coppia. Per questo motivo è sempre molto importante parlarsi al fine di conoscere lo stato d’animo dell’altra persona e correre ai ripari in caso di problemi. Un vero e proprio salva coppia che può venire a mancare improvvisamente se tra i due si inseriscono interferenze esterne come, ad esempio, quella del phubbing.

Per chi non lo sapessse, il phubbing è un termine coniato relativamente da poco che indica quelle persone che quando sono in compagnia tendono a snobbare chi hanno davanti per concentrarsi sul proprio smartphone. Una situazione che sarà capitata a tutti e che probabilmente sarà stata vissuta da entrambe le parti. Se protratta nel tempo, però, può diventare un vero ostacolo per la relazione di coppia. Scopriamo quindi come agisce il phubbing nella coppia e come fare a riprendere in mano le redini della relazione prima che sia troppo tardi.

Phubbing: come interferisce nel rapporto di coppia

Coppia con gli smartphone (Thinkstock)

Come già accennato, il phubbing è la parola usata per identificare l’uso continuo dello smartphone che viene perpetrato quando si è in compagnia di qualcuno. In altre parole avviene quando qualcuno snobba il proprio interlocutore per prestare attenzione allo smartphone piuttosto che alla conversazione.

Un atteggiamento che chiunque avrà subito almeno una volta ma che all’interno del rapporto di coppia può mettere davvero a rischio le cose. Gli atteggiamenti tipici del phubbing sono:

  • Ascoltare e rispondere senza distogliere gli occhi dallo schermo
  • Distrarsi di continuo per osservare lo smartphone
  • Controllare social e notifiche varie mentre si parla
  • Guardare continuamente il telefono anche in assenza di messaggi
  • Cercare cose a caso sul web mentre l’altra persona sta parlando

Atteggiamenti che risultano sicuramente familiari e che probabilmente si sono applicati in prima persona oltre che subiti. Ebbene, quando questi modi di fare diventano la norma si è davanti ad un problema. Perché, com’è facile immaginare, tolgono spazio ed importanza alla comunicazione mettendo in secondo piano l’interlocutore.

Tutto ciò all’interno della coppia può avere effetti ancora peggiori perché pone fine al dialogo. Lo stesso che è indispensabile per il rapporto a due e per la buona tenuta della relazione.
Quando si sta con un partner che ha sempre il telefono tra le mani, ci si sente infatti lontani anche se si è nella stessa stanza. Ci si sente ignorati, rifiutati e si ha la sensazione di parlare da soli, sopratutto se questi si distrae di continuo perdendo il filo del discorso.

Tutti effetti che fanno male alla coppia e che se non recuperati per tempo possono mandarla in crisi.
Per fortuna, se il rapporto è abbastanza solido, chi si accorge del problema può farlo presente, stabilendo nuove regole per il benessere della coppia. Esiste infatti la possibilità di uscire da questa forma di dipendenza e farlo in due risulterà sicuramente più semplice.

Come risolvere un problema di phubbing all’interno della coppia

Come già detto, avere un partner che passa più tempo a fissare lo smartphone piuttosto che la persona amata è indubbiamente un problema che va risolto. Per farlo è necessario prendere la situazione di petto ma senza esagerare. È importante infatti mettere in campo tutta l’empatia disponibile al fine di non far sentire il partner giudicato per il suo atteggiamento.

Come risolvere, quindi, il problema? Prima di tutto parlandone insieme, possibilmente senza telefoni di mezzo. Dire come ci si sente dovrebbe quantomeno far capire all’altra persona che si sta vivendo un momento difficile. Se ciò non bastasse ci sono però delle piccole regole casalinghe da inserire nel proprio quotidiano in modo da bandire per un po’ la presenza dello smartphone.

  • Spiegare come ci si sente quando si viene trascurati
  • Decidere di lasciare entrambi lo smartphone in un’altra stanza quando si parla o si fa qualcosa insieme
  • Non tenere lo smartphone a tavola quando si mangia
  • Cercare di capire cosa spinge l’altro all’uso continuo dello smartphone ed indagare i possibili problemi di coppia
  • Trovare più momenti per confidarsi e parlare di se (senza ovviamente la presenza dello smartphone)
  • Non toccare lo smartphone quando si esce insieme

A volte può capitare che il phubbing appartenga ad entrambi. In questo caso è probabile che nessuno dei due stia male per l’uso improprio fatto dall’altra persona. Questo, però, è un dato ancora più allarmante.

Una coppia che non si rende conto del problema che sta vivendo, finirà infatti con l’allontanarsi del tutto senza accorgersene. Se ci si riconosce in questi atteggiamenti e ci si rende conto di essere in due a metterli in atto, è bene cercare di fermarsi mettendo a punto le strategie di cui sopra. La coppia ne avrà sicuramente giovamento.