Home Gossip Tiziano Ferro, notte da incubo e spavento per il suo amico del...

Tiziano Ferro, notte da incubo e spavento per il suo amico del cuore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:49
CONDIVIDI

Tiziano Ferro ha una nuova famiglia negli States e il cane Beau ne è parte integrante: proprio Beau ha fatto spaventare moltissimo il cantante.

Tiziano Ferro
Tiziano Ferro (Instagram)

Lo hanno adottato da un canile e lo hanno portato a casa dove lo hanno sommerso di coccole. Tiziano Ferro e Victor Allen hanno cominciato a trattare l’adorato cane Beau come un vero e proprio figlio dopo che l’animale è entrato nelle loro vite con il suo carico di allegria e di riconoscenza.

Proprio per questo motivo, nel momento in cui la salute di Beau è peggiorata all’improvviso e i due papà hanno scoperto che le cose avrebbero potuto mettersi davvero molto male, Tiziano ha passato delle vere e proprie ore da incubo, come ha spiegato a tutti i suoi follower in un lungo e commovente post su Instagram.

“Ho passato tutta la notte a guardare questo angolo di stanza, tutta la notte fino a che non è uscito il sole” ha scritto il cantante allegando una fotografia della camera da letto che divide con Victor.

Il cantante ha atteso la notizia dell’esito dell’operazione a cui Beau è stato sottoposto senza riuscire a prendere sonno. Il motivo di tanta agitazione stava nelle notizie fornite dai medici veterinari.

Il cane aveva infatti tutti i sintomi di un’emorragia interna che avrebbe potuto essere stata causata da un tumore diffuso. L’età e le dimensioni del cane avrebbero potuto essere di enorme ostacolo nella buona riuscita dell’operazione, quindi i medici sono stati molto chiari nello specificare che il cane avrebbe potuto non sopravvivere alla notte.

Fortunatamente, alle nove del mattino, è arrivata la buona notizia. Si trattava soltanto della perforazione di una delle due milze con cui il cane è nato (un’anomalia di cui i padroni non erano a conoscenza). I medici hanno semplicemente sistemato la situazione riscontrando che non c’era alcun tumore e che quindi, una volta terminata la convalescenza, il cane sarebbe tornato a essere quello di sempre.

“Noi eravamo qua davanti, svegli da un giorno, ad aspettare e aspettiamo ancora come avrebbe fatto lui e tutti gli altri cani per noi. Perché loro solo così e a noi resta solo da imparare” ha scritto Tiziano, guadagnandosi un numero enorme di commenti e di apprezzamento per la sua sensibilità e soprattutto per l’attaccamento dimostrato nei confronti del suo adorato animale domestico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiziano Ferro (@tizianoferro) in data:

Tra l’altro, Beau era stato una grande compagnia per Tiziano nel drammatico periodo del lockdown. Proprio nel periodo della quarantena, il cantante aveva pubblicato un video tenerissimo in cui dimostrava come il suo cane cercasse costantemente il contatto fisico con lui. Ne aveva inoltre approfittato per sottolineare come gli animali domestici non trasmettono il virus e quindi non sono pericolosi per l’uomo durante la pandemia.

Tra l’altro Beau non è l’unico cane della famiglia: è stato adottato insieme a una femmina, Kelly, appartenente alla stessa razza. I due doberman sono stati adottati dai due novelli sposi dopo la morte di Penny e Piper, i due cani che la coppia possedeva prima di loro.

Tra l’altro Tiziano ha raccontato che i motivi per cui Kelly e Beau si trovavano in un canile era che erano stati abbandonati per il fatto di non saper cacciare e di non avere istinti aggressivi, due caratteristiche ritenute fondamentali da coloro che scelgono di acquistare (a prezzi salatissimi) questo tipo di cane dagli allevamenti.

Dei due cani, però, sembra che Beau abbia sviluppato un attaccamento particolare nei confronti di Tiziano. Dalle numerose fotografie che il cantante tenta di scattarsi mentre svolge diverse attività si può notare che Beau non lo lascia un attimo, nemmeno quando Tiziano è al computer per programmare le nuove date del tour, che ovviamente sono state completamente rivoluzioniate a causa dell’emergenza Coronavirus.