Home Maternità Soffocamento da cibo nel bambino: ecco gli alimenti più a rischio

Soffocamento da cibo nel bambino: ecco gli alimenti più a rischio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:54
CONDIVIDI

Il soffocamento da cibo nel bambino è molto frequente in età pediatrica, soprattutto fino ai 4 anni. Ecco una lista degli alimenti più a rischio. 

soffocamento da cibo nel bambino
Adobe Stock

Con lo svezzamento di neonati e bambini arriva anche il problema del soffocamento da cibo che è molto frequente in età pediatrica, specie fino a 4 anni.

I dati riportano che in Italia ogni anno 50 bambini minori di 4 anni muoiono per soffocamento e nel 70 % dei casi è dovuto al cibo. In Europa sono addirittura 500 le vittime da soffocamento da cibo.

Ecco perché diventa fondamentale per i genitori o chi si occupa di accudire i piccoli di conoscere quali sono gli alimenti più a rischio, a seconda delle loro caratteristiche e come è giusto prepararli e tagliarli per evitare che diventino pericolosi.

Ecco quali sono gli alimenti più a rischio per il soffocamento da cibo nel bambino

Molti genitori ignorano i pericoli derivanti dal soffocamento da cibo nel bambino. Una problematica che interessa già i neonati dal momento in cui vengono svezzati.

Un bambino da 0 a 3 anni è più soggetto a rischio di ostruzione delle vie aeree per tre motivi:

  • conformazione conica delle vie aeree fino alla pubertà
  • minor efficienza di masticazione, dovuta alla dentizione decidua, e deglutizione
  • minore capacità di reazione quando un boccone va di traverso

La Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps) offre alcuni consigli utili su come occorre comportarsi per prevenire tale problema.

Il taglio degli alimenti è un aspetto fondamentale nella prevenzione dell’ostruzione, così come la sorveglianza dei bambini mentre mangiano. Qui vi avevamo spiegato come tagliare i cibi per evitare il soffocamento.

Inoltre, i genitori e chi si occupa di accudire i bambini dovrebbe conoscere le manovre di disostruzione che consentono di salvare la vita in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Ad far diventare gli alimenti pericolosi è senza dubbio la loro forma ma anche la consistenza non è da trascurare. Un cibo gelatinoso o appiccicoso infatti ha più chance di restare attaccato nelle vie aeree di uno solido. Ecco perché possiamo dividerli in 4 categorie:

  • molli o scivolosi: che possono finire nelle vie aeree prima di essere masticati
  • duri o secchi: più difficili da masticare per questo possono essere ingoiati interi
  • solido o semisolidi: possono restare bloccati tra laringe e trachea
  • appiccicosi o collosi: possono aderire alle vie aeree ed essere rimossi più difficilmente.

Questo non significa che i nostri bambini non potranno mangiare e assaporare i più diversi cibi ma dovremo imparare a tagliarli e prepararli rispettando alcune regole.

Tra gli alimenti molli e scivolosi quelli considerati più rischiosi sono:

  • uva: rimuovere i semi e tagliare nel senso della lunghezza
  • ciliegia: rimuovere il nocciolo e tagliare in 4 parti
  • wurstel: evitare taglio a rondella, spezzare in piccoli pezzi
  • arachidi e frutta a guscio: sminuzzare in piccoli frammenti
  • mozzarella: tagliare a piccoli pezzi ed evitare di somministrarla fusa in piatti caldi
  • pomodorini e olive: tagliare in 4 parti e se necessario in pezzi più piccoli
  • kiwi: evitare taglio a rondella
  • evitare caramelle gelatinose e confetti.

Tra quelli duri o secchi invece ci sono:

  • carote: evitare taglio a rondella, ma tagliare nel senso della lunghezza ed eventualmente a pezzi più piccoli
  • finocchio crudo e sedano: eliminare filamenti e tagliare a pezzi piccoli
  • noci: sminuzzare in piccoli pezzi
  • da evitare pop corn, caramelle dure e frutta candita.

Per quanto riguarda gli alimenti solidi e semisolidi stare attenti a:

  • gnocchi: evitare di abbinarli con i formaggi che possono creare un effetto colla
  • pasta: scegliere formati più piccoli o tagliarla.

Tra gli alimenti appiccicosi o collosi porre particolare attenzione a:

  • carne o pezzi di formaggio: tagliarli a piccoli pezzi
  • prosciutto crudo. rimuovere il grasso e tagliare la fetta intera a piccoli pezzi
  • burro e formaggi densi: spalmarli sul pane ed evitare il cucchiaino
  • mela e pera: tagliare in piccoli pezzi, grattugiarle nel primo anno.
  • pesca, prugna e susina: rimuovere il nocciolo e tagliare in piccoli pezzi, oppure frullare e omogenizzare.
  • uvetta e frutta secca (ad esempio fichi, datteri): tagliare in piccoli pezzi
  • da evitare caramelle gommose, gomme da masticare e marshmallow.

Se nonostante le nostre premure dovessimo ritrovarci di fronte a un caso di soffocamento diventa fondamentale conoscere le manovre di disostruzione.

Nel caso l’ostruzione sia parziale e quindi il neonato o bambino è in grado di tossire forte, piangere o parlare dovremo evitare qualsiasi manovra di disostruzione e favorire la tosse.

In caso contrario significa che l’ostruzione è completa e quindi dovremo procedere con la manovra di disostruzione.

A secondo che si abbia a che fare con un lattante o un bambino più grande le cose cambiano. Scopri cosa fare in caso di soffocamento di un adulto. 

(fonte: Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale)