Prevenire l’eritema solare seguendo alcuni consigli

0
4

Prevenire l’eritema solare si può, basta porre attenzione, così da evitare spiacevoli inconvenienti e sfoggiare un’abbronzatura duratura e perfetta a lungo.

Scottature solari
Foto: Adobe Stock

Con l’arrivo dell’estate, la voglia di trascorrere tante ore al mare o in piscina, su una sdraio al sole, è tanta, ma bisogna fare attenzione. Il rischio di incorrere ad eritema solare è alta se non si presta attenzione. In particolar modo se si trascorrono molte ore al sole senza proteggersi in modo corretto.

Talvolta l’eritema solare può essere di lieve entità, ma in caso contrario può essere davvero un problema, non va mai trascurato. Chiedete sempre il parere medico che saprà consigliarvi al meglio come attenuare il fastidio.

Per prevenire l’eritema solare, è opportuno seguire alcuni semplici consigli, partendo proprio dall’applicazione della protezione solare. Ci sono casi in cui l’eritema causa solo lieve rossore alla pelle, ma si può manifestare anche prurito e bruciore.

Noi di CheDonna.it, vi diamo qualche suggerimento su come prevenire e rimediare l’eritema solare, seguendo alcuni semplici consigli.

Eritema solare come si manifesta

Scottature solari
Arrossamenti Foto: Adobe Stock

L’eritema solare si manifesta quando ci si espone al sole per diverse ore senza proteggersi in modo corretto. Si nota subito, sulla pelle compariranno non solo macchie, ma anche bollicine, esaminiamo in dettaglio come riconoscerla.

Innanzitutto l‘eritema solare, si manifesta con macchie rosse in diverse parti del corpo, quando è di lieve entità le macchie sono rosse. In caso di intensità maggiore, il colore delle macchie può tendere al violaceo. Al tatto la pelle può essere più calda del dovuto e potrebbe bruciare e causare prurito. Non solo, anche bollicine sotto cutanee si possono manifestare in particolar modo sulle braccia e petto. E’ importante porre attenzione per evitare di farle bucare, perchè il liquido che fuoriesce, potrebbe causare infezione.

In caso di una forte eritema solare, può manifestarsi anche la febbre, vomito e diarrea, quindi non trascuratela mai.

L’eritema solare si riconosce facilmente, soprattutto perchè è caratterizzata da bollicine associate a prurito. Colpisce in particolar modo le donne e soprattutto i bambini che sono soggetti ancora più delicati rispetto agli adulti.

I bambini purtroppo hanno meno melanina, che aumenta progressivamente con lo sviluppo. E’ opportuno capire come comportarsi in caso di eritema senza peggiorare la situazione, ecco alcuni consigli utili da seguire.

Prevenire l’eritema solare

Protezione solare corretta
Scegliere la protezione solare Foto:Adobe Stock

L’eritema solare si può prevenire, seguendo alcuni semplici consigli, innanzitutto acquistare e applicare in modo corretto la protezione solare.

L’errore più comune è la frequenza e il modo di applicazione della crema, che se non viene fatta nel modo coretto, potrebbe neutralizzare la protezione dai raggi UV, che invece dovrebbe proteggerci. La protezione solare va scelta in base al proprio fototipo, sicuramente chi ha un incarnato chiaro non può utilizzare la stessa protezione di una persona con carnagione olivastra.

Inoltre non si deve utilizzare una sola protezione solare per corpo e viso, perchè il fototipo varia nelle diverse zone del corpo. Se acquistate una protezione solare 30+ sul corpo, sicuramente sul naso, orecchie e labbra e viso ci vuole una protezione maggiore come 50+.

Oltre alla protezione solare, è opportuno non esporsi al sole durante le ore più calde, perchè è pur vero che la protezione protegge ma è importante evitare. Le ore in cui si sconsiglia l’esposizione al sole sono dalle 12 alle 15.

Inoltre la protezione solare va applicata più volte al giorno, si consiglia l’applicazione almeno una mezz’ora prima dell’esposizione. In questo modo la crema sarà assorbita meglio.

Non applicate poche quantità, perchè si rischia di non raggiungere il giusto livello di protezione. Sul corpo bagnato la crema protettiva non va applicata, altrimenti non si garantirà la massima efficacia. La pelle a contatto con l’acqua, la sabbia e il cloro può ridurre notevolmente la protezione.

In caso in cui trascorrete molte ore al sole o fate una doccia è opportuno applicare nuovamente la crema, in media va applicata ogni 2 ore, così da avere una maggiore protezione. Se siete in spiaggia o in piscina e il sole gioca a nascondino con le nuvole, è opportuno applicare la protezione solare comunque. Questo perchè i raggi del sole filtrano attraverso le nuvole e arrivano direttamente sulla propria pelle.

Non utilizzate mai la crema dell’anno precedente, perchè dopo l’apertura perdono l’efficacia, aumentando il rischio di scottature. Leggete sempre il PAO, segnalato sul retro della confezione e la sigla M che indica la validità del prodotto dopo l’apertura. Se volete evitare spiacevoli inconvenienti come l’eritema solare e sfoggiare un’abbronzatura duratura e perfetta, non utilizzare la protezione solare dell’anno precedente.

Come comportarsi in caso di eritema solare

Eritema solare
Protezione solare Foto:Adobe Stock

E’opportuno evitare alcuni errori in caso di eritema solare, così da evitare peggioramenti, scopriamo quali.

  • Non esporsi al sole in caso di eritema
  • Evitare di grattarsi, soprattutto in caso di bollicine, perchè potrebbe fuoriuscire il liquido e provocare delle infezioni
  • Strofinare energicamente la pelle con l’asciugamano dopo aver fatto la doccia
  • Mai fare scrub al corpo e al viso, potreste aumentare e causare fastidi maggiori
  • Non sottoponetevi a lampade abbronzanti

Anche l’alimentazione gioca un ruolo importante, ci sono alcuni alimenti che possono intensificare l’eritema. Ecco cosa dovete evitare di mangiare prima di esporsi al sole:

  • alimenti ricchi in zuccheri
  • prodotti farciti con creme
  • biscotti
  • alimenti fritti
  • bevande gassate

Invece via libera a frutta e verdura, come spinaci, carote, pomodori, preferite melone,  albicocche e frutti di bosco. Ricordate che gli alimenti ricchi in licopene, proteggono la pelle e prolunga l’abbronzatura.

Anche il pesce azzurro che è ricco in Omega 3 e Omega 6 è utile, inoltre non dimenticate di idratarvi, è opportuno bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Rimedi naturali per alleviare l’eritema solare

Nei giorni successivi all’eritema solare, è opportuno seguire alcuni semplici rimedi per attenuare il fastidio, scopriamo quali. Utilizzare il gel all’aloe vera è molto efficace, grazie alle sue proprietà lenitive, infatti allevia il fastidio della scottatura, ma efficace anche in caso di spellature.

Potete acquistarla in erboristeria per poi applicarla direttamente sulle zone interessate con dei massaggi delicati. Potete applicarlo anche più volte al giorno.

In alternativa al gel di aloe vera provate il frullato di patate, sbucciate le patate, lavatele e tagliate a fettine. Le frullate in un mixer e fate un impacco che dovrete applicare sulla pelle in modo delicato. Anche il cetriolo è perfetto perchè ha proprietà lenitive, mettete il cetriolo in un frullatore ad immersione e lo riducetelo a polpa. Poi filtrate e versate su un asciugamano di lino, applicate sulle zone interessate.

Infine anche il burro di karitè è perfetto, applicate direttamente sulle  zone interessate, ma prima scioglietelo tra le mani. Durante l’eritema solare non esponetevi al sole.