Home Gossip Regina Elisabetta | Conti in rosso? E lei inizia a vendere il...

Regina Elisabetta | Conti in rosso? E lei inizia a vendere il suo gin

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:06
CONDIVIDI

I conti della Regina Elisabetta sono stati messi a dura prova dal Coronavirus e vendere il gin prodotto nelle sue tenute è un vero e proprio colpo di genio in questo momento.

Regina Elisabetta
Regina Elisabetta (Fonte: Instagram)

Che la regina sia una grande amante dei liquori pregiati non è affatto un mistero per coloro che conoscono vizi e virtù dell’adorata sovrana del Regno Unito. Proprio per questo motivo l’idea di cominciare a vendere il gin della Regina è un’operazione commerciale perfetta in questo momento storico.

Nonostante il fatto che di tanto in tanto si infiammi di nuovo la polemica in merito al peso economico della famiglia reale sulle tasche dei cittadini inglesi, bisogna tener presente che il turismo generato dalla famiglia reale porta nelle casse dello Stato cifre enormi ogni anno.

Tra le principali fonti di reddito per la Famiglia Reale compaiono la vendita dei biglietti necessari a visitare i vari palazzi reali disseminati dentro e fuori l’Inghilterra e, naturalmente, le migliaia di souvenir che vendono vendute ogni anno dagli shop ufficiali.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Regina Elisabetta | Tutti i dettagli sull’incoronazione di 67 anni fa

Esattamente come per qualsiasi attività culturale e ricreativa, però, i mesi del Coronavirus sono stati assolutamente disastrosi per il bilancio della famiglia reale che, ormai, è costretta a correre ai ripari.

Cosa c’è di meglio allora che mettere in commercio un liquore che si può acquistare on line e che è proprio quello che beve la Regina ogni giorno? Ecco cosa contiene, dov’è prodotto e soprattutto come acquistarlo.

Il gin della Regina (forse) è un elisir di lunga vita

Regina Elisabetta drink
Photo credit should read SAUL LOEB/AFP via Getty Images

Il suo nome commerciale è Gin di Buckingham Palace e pare che venga prodotto a partire dalla erbe raccolte a mano nei giardini di Buckingham Palace. Le erbe e piante in questione sono ben 12, tra cui limone, verbena, bacche di biancospino.

Quante erbe e piante sono necessarie a produrre un lotto di gin? Parecchie, ma pare non sia un problema, dal momento che i giardini di Buckingham Palace misurano ben 16 ettari e vi prosperano ben 250 specie di fiori selvatici.

La bottiglia è corredata dai consigli della Regina per la preparazione per una dissetante bevanda estiva: versare il gin in un bicchiere con ghiaccio, aggiungere acqua tonica e completare la presentazione con una sottile fetta di limone.

Tra l’altro non è dato sapere se il gin di Buckingham Palace venisse prodotto anche prima per il solo consumo della famiglia reale britannica, ma è bello pensare che sia proprio quel gin a essere utilizzato ogni giorno per la preparazione del Dubonnet, l’amatissimo drink della Regina che è realizzato a partire appunto da gin e vermout e che Elisabetta beve da anni prima di pranzo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: La Regina Elisabetta e le sue “sane” abitudini | 4 drink al giorno

Pare si tratti di una tradizione di famiglia ereditata dalla Regina Madre e che potrebbe benissimo essere il segreto per una lunga vita come quella di Elisabetta (che ha compiuto 94 anni appena qualche mese fa) e quella dell’altra Elisabetta, la Regina Madre scomparsa dopo aver simbolicamente soffiato su ben 101 candeline.

Il gin della Regina può già essere acquistato on line al costo di 40 Sterline (circa 45 Euro) ma può essere spedito esclusivamente all’interno dei confini del Regno Unito a causa delle restrizioni al commercio internazionale di alcolici. In alternativa, a partire dal 23 Luglio, potrà essere acquistato negli shop che vendono i prodotti “a marchio” Royal Family.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Buckingham Palace Shop (@buckinghampalaceshop) in data:

Il gin si aggiunge a moltissimi alti prestigiosi alcolici prodotti all’interno dei possedimenti della famiglia reale e commercializzati attraverso gli shop on line o gli shop fisici. Il gin in particolare sarà utilizzato per sovvenzionare il mantenimento della Royal Collection attraverso la fondazione Royal Collection Trust. La Royal Collection è una delle più ampie, antiche e complete collezioni d’arte del mondo, inoltre è una delle ultime collezioni d’arte dei sovrani europei a non essere stata smembrata dagli eredi oppure dalle necessità economiche della famiglia reale.