Home Cultura Arte | Agli Uffizi una mostra virtuale e antirazzista celebra l’Africa

Arte | Agli Uffizi una mostra virtuale e antirazzista celebra l’Africa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:34
CONDIVIDI

Gli Uffizi di Firenze si uniscono al coro delle proteste di Black Lives Matter e propongono una mostra virtuale intitolata Black Presence.

uffizi firenze
Adorazione dei Magi – Albrecht Durer (Fonte: Instagram)

A partire dalla morte di George Floyd, avvenuta il 25 Maggio 2020, l’opinione pubblica mondiale ha cominciato a mobilitarsi a favore dei diritti e della visibilità delle persone nere.

L’ondata antirazzista di queste settimane si è progressivamente allargata fino ad abbracciare tutti i settori della società, anche quello dell’arte e dello spettacolo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: BAFTA | Joaquin Phoenix contro il razzismo: “Cambiare è nostro dovere” 

In tutto il mondo musei e fondazioni si stanno mobilitando per spostare l’attenzione degli artisti e degli appassionati d’arte verso la cultura e la storia del popolo nero.

Gli Uffizi di Firenze hanno annunciato l’iniziativa Black Presence: una mostra virtuale che verrà inaugurata in un giorno altamente simbolico per gli Stati Uniti, paese dove il problema del razzismo contro i neri è avvertito con più urgenza. La mostra aprirà, infatti, il 4 di Luglio, giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti.

Uffizi: la prima mostra antirazzista in Italia

uffizi firenze
(Fonte: Wikipedia)

La mostra Black presence illustrerà al pubblico un insieme di opere presenti nelle Gallerie degli Uffizi e che hanno tra i loro protagonisti personaggi africani. I quadri raffigurano infatti sia persone nere “sullo sfondo”, quindi personaggi secondari rispetto ai protagonisti dei dipinti (bianchi) ma anche personaggi della storia e della mitologia dalla pelle nera.

La parte social e digitale della mostra sarà curata da Randolph Thompson, il direttore del Black History Month Florence, un festival organizzato ogni anno a Firenze al fine di celebrare la cultura nera e diffondere la sua conoscenza. 

Obiettivo della mostra è spiegare le relazioni tra le persone nere e le persone bianche ritratte all’interno delle opere degli Uffizi e porre l’accento sull’integrazione e sulle istanze sociali antirazziste che oggi sono all’ordine del giorno in tutto il mondo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Balotelli | Il calciatore contro il razzismo nel ricordo di George Floyd

Sempre il 4 Luglio, a partire dalle 21, gli Uffizi trasmetteranno in diretta Facebook l’esibizione di un polistrumentista originario del Burkina Faso che eseguirà un concerto con strumenti tradizionali africani.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) in data:

Nei due mesi seguenti, cioè fino alla fine di Agosto, sulla pagina Facebook del museo saranno ospitati otto video illustrativi durante i quali verranno illustrati nel dettaglio tutti i dipinti che sono entrati a far parte della rassegna tra cui i ritratti dei Re dell’Abissinia e dell’Etiopia e la famosissima Adorazione dei Magi di Albrecht Durer, che comprende il ritratto di Baldassarre,  il Re Magio che portò in dono a Gesù l’incenso e a cui la tradizione ha sempre attribuito origini africane e pelle nera.