Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dieta della maturità | carboidrati, verdura e frutta per essere al top

Dieta della maturità | carboidrati, verdura e frutta per essere al top

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
CONDIVIDI

Per arrivare in forma all’esame di maturità occorre seguire dieta alimentare precisa. La dieta della maturità è facile da seguire

istock

Tutti gli anni, quando l’esame per la maturità è vicino, gli esperti dettano le regole per un‘alimentazione sana e corretta. Ma quest’anno l’esame sarà particolare, dopo il lockdown e con un format nuovo. Ecco perché la dieta della maturità mai come adesso è fondamentale per affrontare meglio un passaggio così importante.

I consigli generali non sono diversi da quelli di sempre. Ci sono alimenti da privilegiare e altri da evitare assolutamente, per mantenere la giusta lucidità ma anche arrivare rilassati. In cima alla lista dei prodotti da inserire nella dieta quotidiana c’è assolutamente la frutta. Rappresenta un valido aiuto a rilassarsi, ancora di più tra giugno e luglio quando le giornate saranno calde.
Ma negli alimenti promossi troviamo i carboidrati, quindi pane, pasta o riso E poi tantissima verdura: lattuga, radicchio, spinaci, insieme a cipolla e uova sode. Bene anche gli yogurt, i formaggi freschi e il latte caldo, oltre alla frutta dolce e agli infusi al miele. Meglio pa carne rossa rispetto a quella bianca, il pesce e anche i legumi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Maturità 2020 | esame orale, crediti, tesina e valutazione

 

A modo loro hanno tutti una funzione importante. Aiutano a sconfiggere ansie e preoccupazioni perché sono ricchi di sostanze rilassanti. Quindi aiutano a prendere sonno e favoriscono l’organismo a calmarsi per affrontare al meglio l’impegno. Vale per gli studenti, ma anche per chi nella vita ha sempre impegno da affrontare.

Dieta della maturità, come allenare la memoria

istock

Nella dieta della maturità cosa invece non deve assolutamente esserci? L’errore peggiore, da non commettere assolutamente, è quello di abusare del caffè o altre bevande eccitanti. Provocano iperattività, ma anche insonnia e ansia innaturale, quindi invece di migliorare la concentrazione riescono solo a rovinarla. Lo stesso effetto negativo si ottiene con la cioccolata, i salatini e le patatine o altri snack in sacchetto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fame emotiva | Come riconoscerla

Altrettanto sbagliato è non essere regolari nei pasti quotidiani, caricando più del necessario il pranzo o la cena. Ed è meglio evitare cibi ricchi di sodio, oltre a spezie come paprika e curry, eccesso di pepe o peperoncino. Inoltre state lontani dai cibi in scatola e da quelli già pronti.
E come tenere allenata la memoria? Preferire i carboidrati integrali e i grassi del pesce e non esagerare con grassi animali e zuccheri semplici. Inoltre non abusare con le calorie, mantenendo un peso corretto.

istock

Infine tra le vitamine più importanti a tale scopo ci sono la A, la E e la C che hanno un’azione benefica sui vasi sanguigni. Per questo permettono una buona circolazione del sangue anche a livello cerebrale.