Home Attualità Conte | Messaggio per la Festa del papà | “Torneremo a riabbracciarci”

Conte | Messaggio per la Festa del papà | “Torneremo a riabbracciarci”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:42
CONDIVIDI

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, pubblica un messaggio sui social per la Festa del Papà;: “torneremo a riabbracciarci”.

conte-messaggio-papà
Il Presidente del Consiglio Conte – Foto Facebook da https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, pubblica sui suoi profili social un messaggio per la Festa del Papà. Quella di oggi, 19 marzo, è una festa particolare per gli italiani. Non ci saranno baci e abbracci e così Conte scrive un messaggio a tutti gli italiani.

Conte, il messaggio per la Festa del Papà: “Presto torneremo a stringerci più forte di prima”

giuseppe conte
Foto da Facebook @giuseppeconte

Dopo aver annunciato la proroga della chiusura dei negozi e delle scuole, Giuseppe Conte ha fatto gli auguri a tutti i papà, a quelli vicini ai propri figli e a quelli che li hanno lontani. Il Presidente del Consiglio ha avuto augurare una buona Festa del Papà a tutti gli italiani sperando che il tempo dei baci e degli abbracci torni presto.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

“Questo è il tempo della riscoperta. Del valore di un abbraccio, dell’importanza di guardarsi negli occhi, del calore di una stretta di mano. Il mio augurio a tutti i papà d’Italia, in particolare a quelli che oggi sono distanti dai propri figli. Presto torneremo a stringerci più forte di prima. Buona Festa del Papà, ha scritto il Presidente del Consiglio, impegnato in questo momento a gestire l’emergenza coronavirus.

Dopo le prime misure adottate, di fronte al numero sempre più alto di contagiati e di decessi con Bergamo che, ogni giorni, continua a piangere i propri cittadini, il Governo sta lavorando affinchè tutti rispettino la norma fondamentale del restare a casa. Ancora oggi, infatti, sono tante le persone che non restano a casa mettendo a rischio la propria salute e quella degli altri nonostante i numerosi appelli come quello del 29enne Mattia.