Erbe aromatiche nella dieta | uno sprint in più

0
39

Le erbe aromatiche come menta, alloro, basilico, erba cipollina, maggiorana e origano: nella dieta hanno un valore superiore al loro semplice gusto


Sono molti i disturbi che possono essere combattuti utilizzando nella dieta quotidiana le erbe aromatiche. Dall’insonnia alla stitichezza e alla digestione difficile, ma anche ai più comuni problemi di peso, sono tanti i campi nei quali possiamo farci aiutare.

Inserire le erbe aromatiche nell’alimentazione quotidiana può farci ottenere un doppio risultato. Da un lato ridurre, se non far sparire del tutto l’impiego del sale, che come abbiamo scritto più volte può essere causa d’ipertensione. Ma dall’altro anche migliorare il valore nutritivo dei nostri con un grande apporto di vitamine utili.

Molte piante, in mezzo a quelle che più comunemente utilizziamo tutti i giorni in cucina, sono in grado di combattere i microbi. Questo succede con gli alimenti che servono per preparare i piatti ma anche con gli organi del nostro corpo. Ecco perché aiutano la nostra digestione a funzionare con regolarità.

Leggi anche: Il significato delle erbe aromatiche in cucina: un aiuto per mente e corpo

Erbe aromatiche nella dieta, scopriamo le migliori

Esaminiamo insieme allora quali sono quelle di comune uso in cucina e quali proprietà racchiudono. L’alloro ad esempio ha un’azione digestiva e rinfrescante ottima ed è un buon antisettico; si può utilizzare nelle marinate o per aromatizzare carni, pesci e legumi. Ideale anche l’erba cipollina che è un ottimo diuretico e disinfettante e in più ha un effetto calmante sul sistema nervoso. Le foglie sono utilizzate fresche, intere o finemente tagliuzzate, per cospargere insalate, uova, pesci e formaggi freschi.

Potre interessarti: Erbe aromatiche: perché fanno bene al corpo e alla mente – VIDEO

Passiamo al basilico che é un ottimo tonico per la digestione e ha proprietà antinfiammatorie e rilassanti Oltre al suo uso comune (come nel pesto, nella salsa di pomodoro o sulla pizza) si può utilizzare anche per zuppe, minestrone e verdure, cotte e crude. Sempre meglio aggiungerlo fresco, solo a cottura ultimata. La menta invece vanta proprietà digestive, rinfrescanti e antinausea e ha anche un certo effetto calmante. Va abbinata perfettamente alle zucchine, profuma frittate e macedonie ed esalta il sapore di gelati e sorbetti.

E ancora, la maggiorana é efficace soprattutto come sedativo della tosse e serve per insaporire carni grasse, tuberi e legumi, ma anche con i funghi trifolati, le verdure ripiene e le salse per i bolliti. La funzione principale dell’origano invece è quella di stimolare la digestione e ostacolare le fermentazioni e il suo uso in cucina è molto frequente, dalla pizza al condimento di verdure come melanzane e zucchine, ma pure con carni, pesci e formaggi; è più digeribile crudo, o aggiunto a fine cottura.