Oli essenziali antibatterici | un aiuto per le difese immunitarie

0
47

Gli oli essenziali sono considerati dei preziosi elisir di salute e anche bellezza. Gli antibatterici possono aiutare le naturali difese immunitarie. 

Oli essenziali antibatterici | un aiuto per le difese immunitarie
Fonte foto: Pixabay

Il nostro organismo è capace di difendere se stesso sviluppando delle naturali difese immunitarie che però in varie fasi della vita possono venir meno e necessitare di un piccolo aiuto. Gli oli essenziali sono un prezioso elisir di salute alla portata di tutti e la natura ricca di diverse piante e fiori, riesce a donarci la possibilità di lenire alcune problematiche e aumentare le nostre difese.

Gli oli essenziali con proprietà antibatteriche possono aiutarci sia ad essere più resistenti ai malanni stagionali ma anche ad igienizzare sia la cute che le superfici. Scopriamo insieme quali sono gli oli essenziali antibatterici e come utilizzarli.  

Importante: ricordiamo che per quanto riguarda il contagio da  Coronavirus, le disposizioni ufficiali per  la disinfezione della cute e la protezione dal virus con mascherina e guanti sono le uniche valide e riconosciute dalla scienza. 

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Difese immunitarie | 8 dei cibi top

Oli essenziali dalle proprietà antibatteriche | quali sono e come utilizzarli

Oli essenziali antibatterici | quali sono e come utlizzarli
Fonte foto: Pixabay

Gli oli essenziali sono molti e dalle diverse proprietà, quelli con potere antibatterico sono diversi e si possono tenere in casa per utilizzarli all’occorrenza sia per uso esterno che interno. Per utilizzarli in modo interno, ci si dovrà rivolgere sempre al proprio medico curante o ad un naturopata accreditato. Il fai da te potrebbe rivelarsi pericoloso in quanto il nostro organismo potrebbe non tollerare uno o più oli essenziali.

Tuttavia, con le dovute diluizioni, gli oli essenziali antibatterici possono venirci incontro nella vita di tutti i giorni. Ecco i principali e come poterli utilizzare.

L’olio di Tea Tree 

L’olio di Malaleuca o Tea Tree è uno degli oli essenziali antibatterico, antivirale e antimicrobici più conosciuto. Si può applicare sulla pelle senza diluirlo con altro olio vegetale, anche se per le pelli molto delicate e sensibili la diluizione è sempre consigliata. Ottimo da applicare sulla cute in caso di acne, per regalare alla pelle una protezione in più anche a livello microbico, per disinfettare superfici come ad esempio i sanitari e anche per disinfettare le ferite.

Lavanda

L’olio essenziale di lavanda è un potente lenitivo e possiede anche proprietà antibatteriche. Il suo aroma risulta essere molto calmante per il sistema nervoso e assunto ogni giorno aiuta il sistema immunitario. Come antisettico è perfetto per uso topico in caso di acne o altre infezioni della pelle. Va sempre diluito con altro olio vegetale base.

Timo

L’ olio essenziale di timo è un potente antibatterico ed è utile per la disinfezione della cute, per l’igiene intima. Utile anche per affrontare problemi di micosi. Deve essere sempre diluito in un olio vegetale base prima di essere applicato sulla pelle.

Cannella

L’olio essenziale di cannella è davvero molto forte come antibatterico. Si è rivelato utile nel combattere infezioni batteriche anche a livello intestinale e non soltanto cutaneo.

Gli oli essenziali vanno sempre diluiti in un olio vegetale che può essere un olio di mandorle dolci, di riso o di jojoba. In mancanza di oli nobili per la pelle, si può utilizzare anche l’olio di oliva.

Gli oli essenziali possono essere diluti in spray per la pulizia della casa e anche addizionati ai detergenti per mani, corpo e capelli. Anche per l’igiene intima, l’olio essenziale prescelto può essere aggiunto al detergente e in farmacia si possono trovare addirittura delle lavande specifiche a base di oli essenziali.

Oli essenziali per capelli
Fonte: iStock Photo

Rivolgendosi ad un erborista o ad un farmacista si potrà valutare quale olio essenziale è indicato per determinate problematiche.

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quali sono le differenze nei sintomi tra coronavirus e influenza?