Home Curiosita Hai sempre fame? Forse è colpa di questi cibi

Hai sempre fame? Forse è colpa di questi cibi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
CONDIVIDI

Scopri quali sono gli alimenti che fanno venire fame e che pertanto è meglio evitare quando si è a dieta.

donna affamata
Donna affamata – Fonte: iStock photo

Chi ha seguito almeno una volta una dieta sa bene come il nemico numero uno sia la fame. Purtroppo ridurre le calorie introdotte con l’alimentazione porta anche al rischio di sentirsi affamati, specie quando si scelgono gli alimenti sbagliati.
Che ci piaccia o meno, infatti, ci sono cibi (solitamente quelli più sani) che hanno un potere saziante che ad altri (quelli più golosi) non appartiene affatto. Come se non bastasse alcuni tipi di alimenti sarebbero da bandire del tutto in quanto, oltre a non essere affatto sani, riescono addirittura ad aumentare il senso di fame, mettendo a serio rischio il buon esito della dieta.

Scopriamo quindi quali sono questi cibi e come è possibile sostituirli con altri, più sani ed in grado di essere seriamente d’aiuto quando si decide di prendersi cura di se o si ha la necessità di perdere qualche chilo.

Cibi che aumentano il senso di fame

donna affamataScegliere con cura gli alimenti da mangiare è molto importante sia per garantirsi la buona salute che per saziarsi a dovere ed ottenere la giusta dose di energia e di nutrienti. Purtroppo tante volte ci si fa prendere dalla gola e quando ciò avviene si finisce con lo scegliere degli alimenti che oltre a non far bene all’organismo, aumentano persino il senso di fame.
Ecco quelli più noti per il loro effetto apri appetito e come sostituirli con qualcosa che, invece, aiuti a non sentire la fame.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Le gomme da masticare. Spesso, quando si ha fame si pensa di distrarre la mente masticando una gomma. In realtà, l’atto stesso di masticare provoca la produzione di succhi gastrici perché l’organismo si aspetta del cibo e si appresta a mettere in moto quanto serve per digerirlo. L’assenza del suo arrivo porta di conseguenza al senso di fame che tante volte porta mangiare anche fuori pasto. Un’alternativa? Anche se difficile da attuare quando si è in giro, è sempre meglio masticare qualcosa di sano come della verdura. Almeno si manderà giù qualcosa e si eviterà di morire di fame.

Le bibite dietetiche. Che si tratti di bibite con zuccheri alternativi o con aspartame (che fa male alla salute), le bibite con il loro sapore dolce, stimola la fame. Quelle con zuccheri a zero calorie, ilm più delle volte hanno comunque un elevato indice glicemico che porta ad un’innalzamento della glicemia e al conseguente attacco di fame. Per questo motivo, specie quando si è a dieta, sarebbero da bandire. Una sana alternativa è un succo casalingo o per abbassare maggiormente le calorie dell’acqua aromatizzata alla frutta.

Le barrette dietetiche. Le famose barrette dietetiche sono raramente bilanciate, nonostante vantino poche calorie e una scarsa quantità di grassi, sono per lo più costituite da carboidrati ad alto indice glicemico ai quali si sommano quasi sempre dolcificanti artificiali che aumentano il problema. Come per le bibite dietetiche, l’innalzamento della glicemia porta ad avvertire la fame. L’alternativa sono alcune, rare, barrette bilanciate in cui i cereali raffinati sono pochi e proporzionati alla quota di proteine e di grassi aggiunti, cosa che limita sensibilmente l’innalzamento della glicemia. Chi ama pasticciare in cucina può invece optare per prepararne di casalinghe, a base di miglio soffiato o di altri cereali, noti per avere un indice glicemico più basso.

I dolci industriali. Inutile girarci intorno, i dolci sono buoni ma quelli industriali sono ricchi di ingredienti che oltre a renderli spesso dannosi, aumentano la fame invece di saziare. Il problema è come sempre l’indice glicemico elevato, reso ancor più alto dalla presenza dello zucchero o dello sciroppo di glucosio, un dolcificante decisamente nemico della linea così come della salute. Molto meglio preparare qualcosa di casalingo, con farine integrali e poco zucchero, possibilmente di canna o, ancor meglio, proveniente da frutta come ad esempio le banane o i fichi.

Lo sciroppo di glucosio. Lo sciroppo di glucosio è un dolcificante molto usato in cucina per la preparazione di dolci. Si tratta di uno zucchero ad altissimo indice glicemico che pertanto fa male ed innalza la glicemia. Ciò porta ad un aumento esponenziale del senso di fame. Così, anche mangiando non ci si sazie e, al contrario, non si smetterebbe mai di farlo. Il brutto è che viene stimolata la voglia di dolci che come sappiamo già sono l’alimento meno indicato quando si è a dieta.

Il glutammato di sodio. Grande nemico della salute e della linea è il glutammato monosodico ovvero il famoso esaltatore di sapidità. Presente in quasi tutti gli snack salati di tipo industriale, nei dadi da brodo e persino in alcuni dolci, è responsabile dell’aumento di fame per quasi il 50%. Questo è il motivo per cui consumando patatine in busta o snack dall’aria appetitosa ci si trova ad aver più fame di prima invece di sentirsi sazi.

Ovviamente, gli alimenti in grado di aumentare il senso di fame non finiscono qui. Per fare un esempio, anche i cereali del mattino hanno questa prerogativa e la frutta aumenta anch’essa il senso di fame. Attenendosi a questa lista, però, è possibile scongiurare gran parte degli alimenti che provocano una fame indicibile e, allo stesso tempo, si sarà certi di mangiare cibi più adatti a mantenere uno stato di buona salute.

Potrebbe interessarti anche -> Cosa mangiare per ridurre il senso di fame

fame fisica o emotiva
Donna che mangia ciambelle – Fonte: iStock photo

Ricordiamo infatti che per alimentarsi correttamente è importante mangiare sano e bilanciato, preferendo cereali di tipo integrale, proteine magre e grassi buoni come quelli derivanti da olio extra vergine d’oliva e frutta secca. Scegliendo gli alimenti giusti si otterranno buona salute, una linea invidiabile ed un maggior senso di sazietà che resterà prolungato nel tempo.