Sindrome dell’Abbandono | Sintomi, cause e strategie per superarla

La Sindrome dell’Abbandono si sperimenta con consapevolezza in età adulta ma nasce dal vissuto infantile. Se non gestita in maniera consapevole, il terrore di essere costantemente abbandonati dalle persone che si amano può intaccare in maniera profonda il benessere psicologico ed emotivo di un individuo, impedendogli di costruire relazioni stabili e serene. Comprendere le cause profonde della sindrome è l’unico modo per superare la paura costante di essere abbandonati.

sindrome dell'abbandono
(Fonte: Pixabay)

Molto spesso i sintomi legati alla sindrome dell’abbandono vengono sottovalutati o, peggio ancora, non si da di essi la giusta interpretazione.

Tra i sintomi più comuni e generali la convinzione di non essere amati abbastanza, incapacità di gestire la solitudine, convinzione che le proprie relazioni sentimentali siano destinate a finire (per colpa del partner).

Imparare dare il giusto significato a questi sintomi, che spesso sfociano in malessere fisico, è assolutamente necessario per cominciare un percorso di guarigione che possa migliorare la vita relazionale di una persona.

I sintomi della Sindrome da Abbandono

sintomi sindrome abbandono
(Fonte: Pixabay)

Chi soffre in maniera inconsapevole della sindrome da abbandono vive costantemente nell’ansia che le sue relazioni personali possano finire da un momento all’altro.

L’idea, che spesso è davvero insopportabile, porta a uno stato di stress continuo che inevitabilmente finisce con il manifestarsi attraverso cefalee, gastriti e altri malanni psicosomatici.

Oltre a questo i sintomi psicologici della sindrome da abbandono sono:

  • bassa autostima: ci si sente immeritevoli d’amore perché non si pensa di non valere abbastanza
  • incapacità di sostenere le critiche: anche la più piccola critica distrugge un’autostima già traballante
  • comportamento da “zerbino”: chi teme di essere abbandonato cerca in ogni modo di comportarsi come il partner perfetto, accontentando in ogni misura possibile i capricci del partner
  • incapacità a terminare relazioni tossiche: le persone che temono l’abbandono preferiscono avere un partner violento o insensibile piuttosto che rimanere single
  • difficoltà a costruire relazioni sane: difficoltà ad aprirsi emotivamente e a concedere fiducia, evitare di esporsi per timore di essere rifiutati

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE => Tutto sulle relazioni di coppia

Cause della Sindrome da Abbandono

sindrome abbandono bambini
(Fonte: Pixabay)

Purtroppo le cause della sindrome da abbandono sono da ricercare nell’infanzia di un individuo e nelle relazioni che da bambino è riuscito a instaurare con i propri genitori e, più in generale, con i componenti della sua famiglia.

Le cause più evidenti e traumatiche della sindrome da abbandono sono la morte di una persona cara oppure l’allontanamento improvviso da parte della stessa persona. Gli esempi più calzanti sono quelli della morte di uno o di entrambi i genitori o, più semplicemente, del loro divorziovissuto dal bambino come “abbandono” del genitore che lascia la casa familiare (tipicamente il padre).

Attaccamento Sicuro e Attaccamento Insicuro

Oltre alle cause più palesi di abbandono esistono cause ben più profonde e sottili della sindrome abbandonica.

Se un bambino vive con un genitore ambivalente, che alterna momenti di grande cura a momenti di disinteresse, allora si può parlare di Attaccamento Insicuro. 

Con quest’espressione si indica che il bambino, nel relazionarsi a uno o a entrambi i genitori, non è in grado di stabilire a priori se otterrà una reazione amorevole oppure una reazione distaccata. 

Temendo sempre di incappare nella “versione cattiva” del proprio genitore, il bambino svilupperà enorme ansia nel relazionarsi con lui oppure, peggio ancora, vivrà il momento del distacco emotivo come un vero e proprio abbandono da parte del genitore.

Al contrario un genitore costante, che fornisce al proprio bambino (almeno nella maggior parte dei casi) un sostegno emotivo e pratico assolutamente stabile ed efficace, costruisce un Attaccamento Sicuro con il proprio bambino, mettendolo al riparo dalla sindrome abbandonica.

Sintomi dell’attaccamento insicuro nel bambino

Come capire se, nella nostra infanzia, siamo stati bambini dall’attaccamento insicuro? La risposta sta in alcuni comportamenti.

I bambini che hanno sviluppato un attaccamento insicuro manifestano:

  • paura di restare da soli
  • crisi violente di pianto durante l’assenza dei genitori
  • difficoltà di concentrazione a causa dello stress

C’è da dire che tutti i bambini manifestano questi sintomi, e non sempre si può parlare di sindrome da abbandono. Il problema reale sorge quando queste manifestazioni sono continue e violente e quando minano la salute del bambino anche a livello fisico (mal di testa, problemi digestivi, sfoghi cutanei, febbre eccetera).

Come superare la Sindrome da Abbandono?

indipendenza emotiva
(Fonte: Pixabay)

La convinzione che il vissuto emotivo che abbiamo sperimentato nella nostra infanzia ci determini come individui per sempre è vera solo in parte.

Il bambino che siamo stati vive costantemente nell’adulto che siamo diventati, ma possiamo prenderci cura di lui esattamente come ci prendiamo cura dei nostri figli o dei nostri amici.

Essere onesti con se stessi

Non si può guarire dalla sindrome da abbandono se non si analizza in maniera onesta e approfondita la propria situazione emotiva.

Riconoscere e accettare i sintomi della sindrome da abbandono è un passo necessario per superarli.

Assumersi le proprie responsabilità

Le persone che soffrono di sindrome da abbandono tendono ad accusare se stessi accusare il partner (o una qualunque altra persona) per una separazione.

Quando accusa se stesso, una persona con la sindrome abbandonica in realtà si limita a piangersi addosso, affermando che nessuno lo ama abbastanza perché la sua persona non ha valore.

Quando invece accusa l’altra persona di non amarlo abbastanza, una persona con la sindrome abbandonica sta semplicemente evitando di prendersi le proprie responsabilità per la fine di una relazione.

La verità è sempre nel mezzo: le relazioni finiscono e quasi mai è colpa di una sola persona. Spesso i partner o gli amici delle persone con la sindrome da abbandono si allontanano perché si sentono soffocati dalle continue richieste di attenzioni e di conferme da parte di una persona insicura.

Coltivare l’autostima

L’unica strada per guarire da adulti dalla sindrome da abbandono è, paradossalmente, imparare a stare da soli.

Le persone che sono maniacalmente legate a un altro individuo e vivono nel terrore di perderlo, in realtà cercano di colmare un vuoto personale. 

Capire da dove nasce quel vuoto e come lo si può riempire senza affidarsi a un’altra persona è fondamentale per liberarsi dall’ansia di abbandono.

serenità
(Foto: Instagram)

Per fare qualche esempio pratico, invece di chiedersi “come posso riconquistare quella persona” bisognerebbe cominciare a domandarsi “cosa mi piace davvero?”.

Coltivare i propri interessi personali e magari scoprirne di nuovi, stare bene svolgendo attività personali piuttosto che cercando spasmodicamente la compagnia di una persona o degli amici, porterà alla scoperta di se stessi e alla cura di quel bambino spaventato che eravamo tanto tempo fa.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.