Morgan | Parla il manager di Bugo: “Va aiutato, non so se denunciarlo”

0
4

Morgan non è un personaggio dal carattere facile. Lo ha dimostrato più che mai durante l’ultimo Festival di Sanremo ma, secondo il manager di Bugo, Valerio Soave, il cantante avrebbe seri problemi psicologici.

morgan persecuzione
Morgan soffre di manie di persecuzione? La teoria del manager di Bugo (Foto: Instagram)

Quello che gli spettatori di Sanremo 2020 hanno visto accadere sul paloscenico dell’Ariston durante la performance di Bugo e Morgan ha avuto assolutamente dell’incredibile.

I motivi del comportamento dei due cantanti sono stati ampiamente testimoniati da video girati dietro le quinte e si è scoperto infine che i problemi artistici e personali tra i due sono cominciati ben prima della loro ammissione al Festival di Sanremo.

Nelle ultime ore, a intervenire una volta ancora sulla questione, è stato Valerio Soave, il manager di Bugo che consigliò al suo assistito di contattare Morgan per una collaborazione in vista del Festival di Sanremo.

Soave ha affermato pubblicamente di avere seri dubbi sulla salute mentale di Morgan e ha addirittura invitato i suoi parenti e i suoi amici a stargli vicino. Soave ha parlato di manie di persecuzione, ma come stanno davvero le cose?

Morgan soffre di manie di persecuzione?

Bugo e morgan sanremo 2020
(Foto: Instagram)

Bugo e Morgan si conoscevano da tempo quando hanno deciso di presentarsi con un duetto al Festival di Sanremo 2020. Il carattere eclettico e imprevedibile dell’ex frontman dei Bluvertigo era quindi ben noto sia a Bugo sia a Soave, che però hanno deciso di coinvolgere comunque l’artista nel loro progetto.

Nel corso del tempo però il comportamento di Morgan avrebbe convinto Soave che i problemi personali che hanno portato alla squalifica di Bugo e Morgan siano originati da una sorta di psicosi da cui Morgan sarebbe affetto.

Secondo Soave, infatti, Morgan sarebbe incapace di giudicare oggettivamente il proprio comportamento e si rifiuterebbe di assumersi le sue responsabilità.

Nell’ottica di Morgan, infatti, l’espulsione dal Festival e tutti i (moltissimi) problemi che sono nati durante le prove e l’esibizione sul palcoscenico sarebbero frutto di una grande cospirazione nei suoi confronti.

“Morgan aveva identificato in me il sabotatore dei brani che lui in estremo ritardo aveva inviato all’orchestra di Sanremo. Noi però ci eravamo solo fatti portavoce delle bocciature dei brani definiti ineseguibili dal Maestro De Amicis”.

In diverse occasioni Soave ha spiegato quali sono state le dinamiche creative di Morgan, il quale ha tentato letteralmente di improvvisarsi direttore d’orchestra e arrangiatore per i brani che avrebbe dovuto eseguire nel corso del Festival insieme a Bugo.

Oltre a non presentare degli arrangiamenti accettabili o almeno eseguibili per i musicisti dell’orchestra di Sanremo, Morgan avrebbe anche accusato Soave e Bugo di boicottare la sua presenza al festival, arrivando anche ad affermare che Soave avrebbe architettato tutto per farlo squalificare dal Festival.

Le accuse di Morgan nei confronti del manager di Bugo sono completamente insensate: avendo deciso per una partecipazione di coppia, far squalificare uno dei componenti del duo avrebbe inevitabilmente portato alla squalifica anche dell’altro concorrente, quindi si sarebbe trattato di un’operazione suicida da parte di Soave e di Bugo.

Proprio a causa dell’illogicità delle sue accuse, Soave si è convinto che Morgan abbia delle serie manie di persecuzione, e che abbia bisogno del sostegno di amici e parenti per tornare a contatto con la realtà.

Le convinzioni di Soave non sono campate in aria: anche negli scorsi mesi, nel pieno dei suoi problemi con il fisco italiano, Morgan gridò al complotto nei suoi confronti, affermando che le sue due ex compagne volevano rovinarlo e che i giudici erano in combutta contro di lui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca 🦇 (@luca_maz88) in data:

Proprio in virtù di queste considerazioni Soave avrebbe deciso di non denunciare Morgan, il quale lo avrebbe diffamato affermando che Soave gli avrebbe messo le mani addosso durante una lite, circa un mese prima della partecipazione al Festival.

“Dico che Morgan va aiutato, non condannato” ha affermato Soave, che ha anche invitato i media a non amplificare le idee paranoiche di Morgan dandogli troppo spazio mediatico.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.