Seggiolini auto antiabbandono | dal 20 febbraio parte il bonus

0
43

Dal 20 febbraio partirà l’erogazione del bonus da parte dello stato per l’acquisto dei seggiolini antiabbandono. Ecco come richiedere i bonus. 

Seggiolini antiabbandono il 20 febbraio parte il bonus
Fonte foto: Istock

Il Ministro dei trasporti e infrastrutture Paola di Micheli ha firmato il decreto per l’erogazione e l’assegnazione del contributo o del rimborso per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono per bambini inferiori ai 4 anni che vengono trasportanti in auto. Vi sarà infatti un buono spesa elettronico di 30 euro per tutti coloro debbano acquistare un dispositivo di sicurezza antiabbandono per auto, seggiolino o kit.

Scopriamo come ottenere il buono, chi può farne richiesta e soprattutto come poter fare la richiesta in modo corretto. Ricordiamo inoltre che l’obbligo di trasportare in auto  i bambini inferiori ai 4 anni equipaggiati con il dispositivo antiabbandono partirà dal prossimo 6 marzo.

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Il dramma dell’amnesia dissociativa può farti dimenticare il bimbo in auto!

Dispositivi antiabbandono dal 20 febbraio in arrivo il bonus elettronico di 30 euro

Dispositivi antiabbandono parte il bonus dal 20 febbraio
Fonte: Mit Twitter

Finalmente l’incentivo governativo per l’acquisto del dispositivo antiabbandono per il trasporto in auto dei bambini di età inferiore ai 4 anni è arrivato. L’erogazione del bonus partirà dal 20 febbraio e potrà essere richiesto da uno dei genitori di minori fino ai 4 anni di età. Il bonus verrà erogato a tutti fino ad esaurimento dei fondi stanziati (15,1 milione di euro).

Per poter richiedere il bonus elettronico ci si dovrà collegare ai siti www.sogei.it o www.mit.gov.it e seguire le indicazioni. Per fare la richiesta del bonus si dovrà essere possessori di una identità digitale, lo SPID, che si potrà ottenere su diversi provider erogatori del servizio tra cui anche poste italiane.

Il bonus erogato sarà di 30 euro, ben poco se di considerano i prezzi di un seggiolino dotato di sistema antiabbandono, ma vale anche per l’acquisto dei kit. Gli interrogativi dei genitori nei mesi scorsi riguardavano soprattutto la lista dei dispositivi omologati, ma il ministero, tra le F.A.Q. riguardanti l’argomento spiega che i dispositivi si trovano in commercio e non necessitano di omologazione ma devono essere accompagnati da un certificato di conformità rilasciato dal produttore.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

I dispositivi dovranno attivarsi automaticamente senza che il conducente compia alcuna azione. In caso di abbandono, devono attivarsi con segnali visivi o acustici o visivi e vibrazione e questi segnali debbono essere percepibili dentro e fuori dal veicolo. Gli stessi dispositivi potranno essere collegati ad un dispositivo mobile del genitore.

Per tutti coloro vorranno ottenere il bonus, la corsa alle richieste sarà ovviamente molto impetuosa, visto che l’importo stanziato coprirà soltanto una piccola parte di famiglie italiane. Una volta richiesto il bonus verrà erogato dopo la corretta registrazione ed avrà una validità di 30 giorni. Se non verrà utilizzato entro questi tempi, verrà annullato automaticamente.

Per chi invece ha già acquistato un dispositivo di sicurezza, potrà essere richiesto un rimborso di 30 euro che verrà erogato tramite bonifico bancario su IBAN entro 15 giorni dalla presentazione del titolo di acquisto. Dal 6 marzo saranno attive le sanzioni per chi non si sarà adeguato alla norma di legge.

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Seggiolini anti abbandono: da oggi è Legge, contributo di 30 euro

bambini arcobaleno portatori di luce nella vita dei genitori
Fonte foto: Istock