Musica che rimane nella testa? Ecco come liberartene con un gioco

Perché certe musiche rimangono nella testa? Il gioco dell’orso polare ci aiuta a sbarazzarci di loro quando diventano troppo insistenti.

musica cervello
Photo iStock

Si inseriscono tra due pensieri, spuntano nel mezzo di una frase, si sentono sotto la doccia. Continuano a tornare nella nostra mente, anche diverse ore e per diversi giorni di seguito. Senza alcuna spiegazione, non possiamo fare a meno di canticchiare queste poche note musicali. Ma da dove vengono queste melodie nella testa?

Ti potrebbe interessare anche >>> Psiche: Perchè ti vengono i brividi quando ascolti una canzone?

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Melodie che rimangono nella testa

intelligenza musicale
(Istock Photos)

“Queste canzoni arrivano senza permesso e non escono nonostante i nostri sforzi per cancellarle”, osserva la BBC, che le paragona a “parassiti, che vivono nella parte del nostro cervello che registra suoni”. Queste melodie fantasma che perseguitano il nostro cervello sono di particolare interesse per gli psicologi, perché agiscono su una parte incontrollata del cervello.

Sebbene tutti abbiamo queste reminiscenze musicali, queste possono essere molto diverse. Un team della Goldsmiths University di Londra ha identificato un database di oltre cinquemila melodie dopo aver lanciato un questionario sull’argomento al popolo inglese. Secondo questo studio, le canzoni che più spesso rimangono nella testa hanno una struttura semplice e ripetitiva. In molti casi, un dettaglio le rende diverse e attraenti  per orecchio. Può essere un accordo a cui il nostro orecchio è particolarmente sensibile, una parola che attira la nostra attenzione o una disposizione particolare.

“Somiglianza della musica”

Il neurofologo e autore di Musicophilia, Oliver Sacks, citato dalla BBC, afferma che queste melodie sono un chiaro segno “del potere della sensibilità del cervello alla musica, a volte così forte da disarmare”. Per lui, questi ricordi musicali sono caratterizzati dalla loro circolarità: riproducono un ritornello, una frase piuttosto che un’intera canzone. “Questo è il motivo per cui alcune persone dicono che dobbiamo cantare l’intera canzone da cui siamo ossessionati per sbarazzarcene”, afferma la BBC.

Alcuni dicono anche che la musica rimane più nella mente “perché è simile ogni volta che la ascolti”. Per le immagini, la luce e l’angolo differiscono ogni volta che vediamo. Pertanto, ogni oggetto si presenta in modo diverso ai nostri occhi. “Metti su una canzone e il suono sarà lo stesso di quando l’hai ascoltato prima”, dice il ricercatore di psicologia Tom Stafford, che suggerisce che  esiste ” una somiglianza del ritmo delle radici della musica nelle nostre menti”.

Secondo studi sulla memoria umana, ci sono anche componenti nel cervello umano che catturano informazioni visive o audio e le conservano nella memoria a lungo termine. “Piuttosto che ricordare gli appuntamenti della nostra giornata, i nostri pensieri casuali o la nostra lista di cose da fare, l’orecchio interno rimane concentrato su alcune note musicali o una frase di una canzone. Parte di noi, che dovrebbe fare solo questo che gli chiediamo di fare, non ci obbedisce più “, spiega il ricercatore. Un elemento che dimostra che “la nostra mente non è un’entità omogenea”, come affermato dalla psicologia moderna.

Il gioco dell’orso polare per capire come liberarti delle melodie nella testa

Per sbarazzarsi di queste melodie, non esiste una ricetta miracolosa. Il tempo generalmente le mette a tacere. Il ricercatore Tom Stafford, tuttavia, offre una linea di pensiero per cercare di neutralizzare queste melodie, modellato sul gioco dell’orso polare proposto da Dostoevskij a suo fratello. Il principio è semplice: lo scrittore gli chiese “di non pensare a un orso polare”. Un paradossale gioco mentale: “cercando di non pensare a un orso polare, pensi costantemente a come controllarti per non pensarci, il che ti fa pensare a questo”. Elementare, mio ​​caro Watson. Per evitare di cadere nella trappola, di solito devi pensare a qualcosa di completamente diverso.

Tom Stafford suggerisce che queste melodie potrebbero comportarsi come il gioco di Dostoevsky: “Più diciamo loro di essere silenziose, più pensiamo a loro e più a lungo restano nelle nostre menti”. Al contrario, suggerisce “cantare una canzone che ricorda quella che è rimasta nella nostra testa” è una strategia che potrebbe “cancellare l’unicità” della musica nella nostra mente.

Ti potrebbe interessare anche >>> Ecco perché si canta sotto la doccia e perché fa bene

Le persone veramente felici fanno queste cose