Gianni Morandi | La nuova vita artistica dell’eterno ragazzo

Gianni Morandi spegne 75 candeline. L’eterno ragazzo sembra non invecchiare mai. Infatti sta prendendo parte a nuovi progetti che lo vedranno impegnato non soltanto nel canto.

gianni morandi
Gianni Morandi compie 75 anni (Getty Images)

“L’eterno ragazzo” è solo un appellativo, ma dinnanzi all’estro e alla freschezza di Gianni Morandi sembra trovare più d’un riscontro. Il ragazzo di Monghidoro compie 75 anni, è da tempo fra i grandi – gli intramontabili – dello spettacolo italiano con film, canzoni e serie tv. Ha lavorato praticamente con chiunque e continua ad invadere piacevolmente il piccolo schermo e i palazzetti con la sua gentilezza e giovialità.

Leggi anche –> Giancarlo Magalli vs Gianni Morandi: “I like non danno la felicità”

Fin qui più di qualcuno potrebbe pensare si tratti di semplice retorica dovuta alla rendita – che ci potrebbe anche stare – dell’anagrafe importante, ma non è così: o meglio, non solo. La grandezza di Gianni Morandi sta nel fatto, tutt’altro che scontato, di sapersi reinventare nonostante l’usura del tempo. Restare sempre attuali senza passare di moda è un’impresa affatto banale e per nulla semplice, lui c’è riuscito – dopo aver patito momenti bui – con l’umiltà congeniale ai più grandi. Lavorando a testa bassa e facendo, lontano dai riflettori, quella salita all’altezza di “Uno su mille”.

Gianni Morandi, artista poliedrico e popolare da 75 anni

gianni morandi
Gianni Morandi e sua moglie Anna (Getty Images)

Morandi ha sempre conservato la genuinità del popolo, di coloro che venivano commissionati dalle mamme per prendere il latte, oppure di quelli che dichiaravano il proprio amore in ginocchio, essendo capace di coniugarla alle esigenze più contemporanee. Innumerevoli successi da cantare su e giù da un palco, la determinazione – sempre alta – per non arrendersi mai. Lo ricorda la nonna, ma anche il figlio quindicenne di quel padre tipo che lo ascoltava ai tempi della leva obbligatoria.

Un trascorso crossmediale che lo rende familiare, presenza indiscussa insieme a quelle icone senza tempo: a suo agio tanto con Rovazzi quanto insieme a Massimo Ranieri. Tormentone vintage e fenomeno social. Oltre che certezza della fiction italiana con “L’isola di Pietro”.

Un po’ di tutto, ma fatto al meglio. Parrebbe essere questo l’elisir di lunga vita per Gianni che sta preparando uno spettacolo celebrativo, guai a chiamarlo tributo, che lo terrà impegnato fino a febbraio 2020 al teatro Duse di Bologna. Uno show ricco, emozionale, profondo. In grado di alternare sapientemente i registri, non soltanto canori, dell’artista. Prima di immergersi nuovamente, fra qualche mese, in una nuova avventura al fianco di Claudio Baglioni con il ritorno di “Capitani Coraggiosi” che dovrà battere la concorrenza della (ri)trovata coppia artistica Venditti-De Gregori. Lo showbiz italiano riparte dall’usato sicuro che non invecchia mai. Gianni Morandi docet.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI