Home Salute e Benessere Occhi | Come proteggerci dalla luce blu di cellulari e altri schermi...

Occhi | Come proteggerci dalla luce blu di cellulari e altri schermi led

CONDIVIDI

La tecnologia led e la conseguente esposizione alla luce blu che la caratterizza nasconde seri danni per la salute dei nostri occhi. Scopri come prevenire

ragazza con cellulareOggi la tecnologia LED è la più utilizzata per apparecchi di illuminazione, ghirlande decorative, torce, fari per auto, ma anche per schermi di computer e smartphone. Ricca di luce blu, questa illuminazione preoccupa l’ ANSES (Agenzia nazionale per la sicurezza sanitaria) che ha pubblicato un rapporto sull’argomento nel maggio 2019.

In che modo i LED attaccano gli occhi?

La luce a LED blu ha una lunghezza d’onda corta, molto energica. Questo intenso flusso attacca le cellule della retina e interrompe la secrezione di melatonina, l’ormone del sonno, che dipende dalle variazioni della luce naturale.

“La retina può sopportare una certa quantità di luce, ma a un certo punto le sue capacità di riparazione sono obsolete”, afferma la dott.ssa Alicia Torriglia, direttore della ricerca presso Inserm.

Nella storia dell’umanità, l’occhio si è adattato a un’illuminazione “calda”, soprattutto di sera: il fuoco, la candela, le lampade a incandescenza. Con l’arrivo dei LED, gli occchi si ritrovano a dover tollerare una luce “blu” molto più fredda e per la retina, non è l’ideale.

Gli standard di sicurezza non ci proteggono dai giocattoli o dalle torce. Inoltre, gli attuali valori limite calcolati per un’esposizione inferiore alle 8 ore al giorno “non tengono conto dell’esposizione cronica ai LED, di ogni giorno e per diversi anni”, afferma la professoressa Francine Behar-Cohen, professore di oftalmologia.

Ti potrebbe interessare anche >>>Resa nota la lista nera dei 17 cellulari che emettono più radiazioni

Chi sono i soggetti a rischio?

Bambini: la loro lente, questa lente che filtra i raggi luminosi e li dirige verso la retina, è trasparente. Lascia passare più luce blu di quella di un adulto. Tuttavia, l’esposizione a lungo termine alla luce intensa aumenta il rischio di degenerazione maculare legata all’età (AMD). Inoltre, i bambini trascorrono molto tempo sugli schermi col rischio di interrompere il sonno.

Persone anziane: con l’età, l’occhio diventa più sensibile alla luce e ai riflessi. Troppa luce blu potrebbe causare “l’invecchiamento precoce della retina”, secondo la dottoressa Torriglia, che indica un rischio potenzialmente aumentato di AMD.

Malati di emicrania ed epilettici: il livello luminoso delle lampadine a LED oscilla più o meno in modo percettibile. Questo sfarfallio può causare mal di testa, anche un attacco epilettico. Tuttavia, secondo il rapporto ANSES, “circa il 43% delle lampade a LED per uso domestico ha prestazioni degradate” in quest’area.

Donne in gravidanza: studi sugli animali hanno dimostrato che l’esposizione alla luce blu, durante la gravidanza, interrompe i ritmi circadiani del feto, quindi il suo sviluppo. “Non consigliamo alle donne incinte di guardare lo schermo di notte”, afferma Pr Behar-Cohen.

Pazienti che soffrono di una patologia dell’occhio: quando viene raggiunta la lente cristallina o la retina, è meno resistente all’aggressione leggera.

Alcuni professionisti: le persone che svolgono lavori notturni e alcuni mestieri che li espone all’illuminazione artificiale per lunghe ore (dentista, chirurgo …).

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Cosa fare contro la luce blu dei LED?

Woman holding personal organizer

Evita i giocattoli a LED e le lampade decorative come ghirlande, luci notturne …).
Lascia che i bambini giochino il più possibile alla luce del giorno. Più tempo trascorrono all’esterno, meno è probabile che diventino miopi.

Spegni gli schermi, idealmente, 2 ore prima di andare a letto e non utilizzare lo smartphone o il tablet nel cuore della notte.

Scarica il software gratuito F.lux che riduce gli schermi a luce blu di sera. Alcuni modelli di computer o tablet lo fanno automaticamente. Gli occhiali anti luce blu non sono tutti efficaci. Non esiste uno standard per stabilire le priorità.

Scegli le lampadine giuste. La “temperatura di colore” di una lampadina indica la sua quantità di luce blu. Non deve superare i 3000 K (Kelvin). È meglio scegliere quelle che sono contrassegnate con la dicitura “bianco caldo”.

Ti potrebbe interessare anche >>> Ecco cosa può accaderti se giochi col telefono al buio

Smartphone, Getty Images