Home Salute e Benessere Ecco cosa può accaderti se giochi col telefono al buio

Ecco cosa può accaderti se giochi col telefono al buio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13
CONDIVIDI

Le nostre azioni quotidiane di routine nascondono imprevedibili danni per la nostra salute. Scopri cosa è accaduto a quest’uomo abituato a giocare col telefono al buio.

whatsapp gruppi cellulare
Cellulare, Getty Images

In un articolo trasmesso dal Daily Mail, emerge che un uomo ha perso la vista dopo aver passato la notte a giocare sul suo telefono cellulare. Ecco cosa lo ha portato alla cecità.

La vita ci sorprende sempre con problemi che sorgono quando meno ce lo aspettiamo. Quando queste situazioni inaspettate attaccano la nostra salute, ci rendiamo conto che tutto il resto non ha importanza e che nel corso della nostra esistenza siamo davvero appesi ad un filo.

Trascorriamo la vita a correre, stressarci a cercare di ottenere la soddisfazione immediata dei nostri piaceri e a espandere il nostro capitale finanziario, ma improvvisamente la vita ci ricorda di aprire gli occhi e realizzare quali sono le vere priorità. Tragedie o malattie improvvise possono verificarsi al fine di renderci consapevoli dell’importanza della nostra salute.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Perde la vista dopo aver giocato tutta la notte col suo telefono

Questa sordida storia trasmessa dai nostri colleghi del Daily Mail ha avuto luogo a Shenzhen, in Cina. Un uomo ha trascorso la serata a giocare al cellulare ignaro di quello che sarebbe successo il giorno dopo.

L’uomo, come spesso accadeva, si trovava nella sua stanza, con le luci spente, l’unica fonte di illuminazione era rappresentata dallo schermo del suo dispositivo mobile. Dopo aver giocato per diverse ore, l’uomo si è addormentato all’alba. Quando si è svegliato qualche ora dopo, si è reso conto di vedere solo da un occhio. Nel panico, si è precipitato in ospedale per cercare di capire le ragioni sottostanti a questa cecità parziale.

Dopo aver esaminato il paziente, i medici hanno stabilito che la cecità era stata causata da un sanguinamento dell’occhio sinistro.

L’uomo aveva subito una rottura dei vasi retinici, causando una perdita della vista. Secondo i medici, questo disturbo della vista può verificarsi dopo un notevole sforzo fisico. Ma in realtà, l’uomo non era assolutamente consapevole del rischio che stava correndo giocando al telefono al buio tanto che lo avrebbe tranquillamente rifatto anche il giorno successivo se non avesse subito questo disturbo visivo.

Chiamata retinopatia di Valsalva, questa condizione può causare visione offuscata o cecità parziale o totale. Fortunatamente questa condizione non rappresenta un’invalidità permanente, l’uomo potrebbe recuperare la vista in un mese affidandosi ad un intervento laser.

Un altro caso di retinopatia Valsalva

Questa condizione poco nota colpì anche un britannico di 32 anni nel 2010 come riportato sul British Journal Case Reports. In effetti, l’uomo fece una serie di acrobazie a testa in giù e perse la vista circa sei ore dopo. Fu portato di corsa all’ospedale dato che non riusciva a vedere nulla dall’occhio destro. I medici diagnosticarono la rottura di diversi vasi della retina, con conseguente sanguinamento. Il personale medico ha spiegato che lo sforzo intenso dell’uomo ha causato pressione sui vasi oculari e che questa ha provocato la rottura.

Ti potrebbe interessare anche >>> Le trovano 27 lenti a contatto negli occhi: “mai vista una cosa del genere”

Retinopatia: una condizione che può causare un’improvvisa perdita della vista

rimedi naturali orzaioloSecondo gli scienziati, la retinopatia Valsalva è una malattia rara causata dall’aumento della pressione nei vasi sanguigni in tutto il corpo. In effetti, non è stata stabilita alcuna prevalenza della malattia in soggetti con particolari problemi poiché può colpire individui sani. Tuttavia, è stato concordato che questo disturbo oculare causa la rottura dei vasi oculari che porta all’emorragia nella retina. Inoltre, sembra che questa patologia si manifesti a seguito di traumi, sforzo fisico o intenso stress. A volte la retinopatia di Valsalva può ripresentarsi qualche settimana o addirittura anni dopo. Pertanto, è consigliabile per la persona che ha già avuto questo affetto di non affrontare le fonti di stress che lo hanno causato la prima volta.

Ti potrebbe interessare anche >>>L’utilità di questo piccolo angolo rosa nell’occhio ti stupirà

cuore