Home Reality Show Uomini & Donne Uomini e Donne | Il dolore di Andrea Cerioli | “Sento un...

Uomini e Donne | Il dolore di Andrea Cerioli | “Sento un vuoto dentro”

CONDIVIDI

L’ex tronista di Uomini e Donne, Andrea Cerioli, si lascia andare ad uno sfogo su Instagram raccontando ai fans un momento di sconforto.

uomini e donne andrea cerioli

L’ex tronista di Uomini e Donne, Andrea Cerioli, si lascia andare ad una profonda riflessione sulla sua vita ammettendo di non sentirsi totalmente felice. Cerioli che è seguitissimo sui social, infatti, si è raccontato ai fans come non aveva mai fatto prima svelando di sentire spesso un vuoto dentro di fronte alla durezza della vita. Vuoti che cerca di colmare cercando di essere un ragazzo perfetto consapevole, però, che la perfezione non esiste.

Il dolore di Andrea Cerioli: “la vita mi ha sorriso, ma spesso, dentro di me sento un vuoto”

uomini e donne andrea cerioli

Andrea Cerioli, dopo essere stato un concorrente del Grande Fratello, si è messo in gioco come tronista. Dopo la fine della storia con Valentina Rapisarda, Cerioli è tornato a Uomini e Donne dove si è innamorato di Arianna Cirrincione. Un amore che è cresciuto giorno dopo giorno e che rende sereno e felice l’ex tronista che sta trovando il suo posto nel mondo anche professionalmente.

Se vuoi restare costantemente aggiornata su tutto ciò che riguarda Giulia De Lellis e Andrea Damante CLICCA QUI!

“È chiaro che ci sposeremo, sempre che nessuno dei due esca di testa all’improvviso, ma ancora non è il momento” – ha spiegato Andrea a Uomini e Donne Magazine confessando che, più che alle nozze, sia lui che Arianna sognano di avere un figlio – “Ecco, io e Arianna parliamo più spesso di questo che di matrimonio. È il più grande desiderio di entrambi”

Nonostante sia sereno e felice, però, spesso, i ricordi del passato, le parole dell’adorata mamma, scomparsa qualche anno fa, risuonano ancora nella sua testa come ha confessato in un lungo post su Instagram.

Leggi anche—>Andrea Cerioli e Arianna Cirrincione: convivenza e prima notte insieme

“Che poi… continuo a ripetermi che ho già 30 anni, ma… ho solo 30 anni.
Posso ancora permettermi di commettere qualche errore, di fare una scelta sbagliata, di dormire fino a tardi una mattina.
Mi guardo allo specchio ed inizio a vedere un viso viziato, sarà la vita… sarà quello che mi porto dietro, saranno tante cose. Ma non posso vivere con il pensiero di dover sistemarmi e sistemare chi sta intorno a me. Forse posso ancora permettermi di prendere una strada ed accorgermi che era l’altra...”, scrive Andrea.

In tutta la sua vita, ha sempre cercato di fare del suo meglio. “Non sono mai stato un cattivo ragazzo, credo di aver sempre avuto una grossa dose di sensibilità e un radicato senso dei valori, eppure ho sempre saltato la scuola, sono sempre stato un tipo di persona che non amava le regole, la routine… sono passato improvvisamente da ragazzo a uomo e probabilmente… non ricordo di aver avuto una sana via di mezzo. “eccoci qua” un inesorabile senso di stabilità e costruzione, costruzione e stabilità… una ruota che non si ferma”.

Poi racconta un aneddoto molto intimo della sua vita: “Inizio a sentire la stanchezza… Vi racconto una cosa che probabilmente o sicuramente non si racconta su un social… ma fa parte di me di quello che forse sono oggi… Mia mamma, prima di andarsene mi disse che la sua più grande paura era quella che ero troppo piccolo e che senza di lei non ce l’avrei fatta… le dissi che ero grande, che non era colpa sua… e che avrei fatto tutto quello che so che l’avrebbe resa felice… ad oggi sono d’accordo con lei, ero troppo piccolo, ero solo un ragazzino”.

Nonostante sia consapevole di essere, pur con tutto quello che gli è accaduto, fortunato, Andrea non riesce a mandare via un vuoto che, spesso, sente dentro: “La vita sotto tanti punti di vista mi ha sorriso, ho risparmiato per prendermi una casa, che era il suo più grande sogno… ho una sorella fantastica, un papà meraviglioso… Ma spesso sento che c’è in me un grande vuoto, la vita é tosta. Cerco di colmarlo provando ad essere “il ragazzo perfetto” ma perfetto non lo sono, neanche lontanamente”.

Infine, l’ex Uomini e Donne conclude così: “Posso ancora permettermi qualche errore, ma faccio veramente fatica a lasciarmi andare a dire “che cazzo me ne frega, vai…” ho scritto qualcosa di me… su un social, inesorabilmente a questo social devo tante cose… e per assurdo, talvolta… mi sento libero di raccontarmi un po’… mi alleggerisce”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Che poi… continuo a ripetermi che ho già 30 anni, ma… ho solo 30 anni. Posso ancora permettermi di commettere qualche errore, di fare una scelta sbagliata, di dormire fino a tardi una mattina. Mi guardo allo specchio ed inizio a vedere un viso viziato, sarà la vita… sarà quello che mi porto dietro, saranno tante cose. Ma non posso vivere con il pensiero di dover sistemarmi e sistemare chi sta intorno a me. Forse posso ancora permettermi di prendere una strada ed accorgermi che era l’altra… Non sono mai stato un cattivo ragazzo, credo di aver sempre avuto una grossa dose di sensibilità e un radicato senso dei valori, eppure ho sempre saltato la scuola, sono sempre stato un tipo di persona che non amava le regole, la routine… sono passato improvvisamente da ragazzo a uomo e probabilmente… non ricordo di aver avuto una sana via di mezzo. “eccoci qua” un inesorabile senso di stabilità e costruzione, costruzione e stabilità… una ruota che non si ferma. Inizio a sentire la stanchezza… Vi racconto una cosa che probabilmente o sicuramente non si racconta su un social… ma fa parte di me di quello che forse sono oggi… Mia mamma, prima di andarsene mi disse che la sua più grande paura era quella che ero troppo piccolo e che senza di lei non ce l’avrei fatta… le dissi che ero grande, che non era colpa sua… e che avrei fatto tutto quello che so che l’avrebbe resa felice… ad oggi sono d’accordo con lei, ero troppo piccolo, ero solo un ragazzino. La vita sotto tanti punti di vista mi ha sorriso, ho risparmiato per prendermi una casa, che era il suo più grande sogno… ho una sorella fantastica, un papà meraviglioso… Ma spesso sento che c’è in me un grande vuoto, la vita é tosta. Cerco di colmarlo provando ad essere “il ragazzo perfetto” ma perfetto non lo sono, neanche lontanamente. Posso ancora permettermi qualche errore, ma faccio veramente fatica a lasciarmi andare a dire “che cazzo me ne frega, vai…” ho scritto qualcosa di me… su un social, inesorabilmente a questo social devo tante cose… e per assurdo, talvolta… mi sento libero di raccontarmi un po’… mi alleggerisce. Ciao a tutti.

Un post condiviso da Andrea Cerioli (@iamandreacerioli) in data:

Andrea Cerioli e Arianna Cirrincioni; la convivenza (Instagram)