Home Ricette Riattiva il metabolismo con le Tisane invernali | 3 Ricette

Riattiva il metabolismo con le Tisane invernali | 3 Ricette

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:36
CONDIVIDI

Riattiva il metabolismo con le 3 Tisane invernali | Le spezie che accelerano il tuo metabolismo purificandoti fino in fondo riscaldando il tuo organismo

tisane benefici e controindicazioni
riattiva il metabolismo con le Tisane invernali (Istock Photos)

Con l’arrivo dell’inverno imminente nulla di meglio che godersi una bella Tisana fumante rannicchiata sotto il plaid. Una routine che in inverno dona il meglio di sé all’organismo umano. Il freddo infatti, per quanto bene possa fare, decelera il metabolismo procurando, così, contrazioni addominali e freddo nelle ossa. Una brutta sensazione che, però, trova rimedio nel bere una buona tisana. Ma facciamo ben attenzione, non tutte le tisane hanno il piacere di accelerare il metabolismo. Infatti ne esistono alcune in grado di svolgere tale compito con facilità, altre, invece, per quanto buone e squisite, non hanno lo stesso compito. Vediamo dunque, quale tisana scegliere e come farla comodamente a casa con le ricette veloci e pratiche tutte per voi e il vostro benessere!

Leggi anche: >>>> 

Riattiva il metabolismo con le 3 Tisane invernali

tisane drenanti
riattiva il metabolismo con le tisane invernali ( IStock Photos)

Le Tisane Invernali, se bevute ogni giorno, hanno la funzione di riattivare il metabolismo che, in inverno e con il freddo, tende a decelerare con più facilità. Nella stagione fredda l’organismo necessita di essere riscaldato e corroborato, per sollecitare il metabolismo e per contrastare gli agenti avversi che minano le condizione di benessere. Le spezie e il loro utilizzo in calde tisane possono essere un valido aiuto durante l’inverno

Scopriamo come fare per attivare il nostro metabolismo e ridurre così, gonfiore addominale e stati di stanchezza e freddo nelle ossa. Le ricette sono facili da fare a casa, bastano 5 minuti per ritrovare la giusta armonia e vivere ogni giorno serenamente

Tisana alla cannella per sgonfiare la pancia | Ricetta

Tisana cannella riattiva il metabolismo (Istock Photos)

La tisana alla cannella, soprattutto se bevuta subito dopo i pasti, facilita la digestione e sgonfia la pancia. La cannella ha, inoltre, proprietà antibatteriche naturali, che la rendono un valido rimedio contro influenza e raffreddore. Infine, questa spezia stimola la circolazione e ha potere riscaldante.

La ricetta della tisana alla cannella è molto semplice. Tutto quello che vi serve è una stecca di cannella (o un cucchiaino di cannella in polvere) e 125 ml d’acqua. Mettete l’acqua in un pentolino e riscaldatela su un fornello. Quando sarà giunta ad ebollizione, spegnete il fuoco e aggiungete la cannella. Lasciatela in infusione per circa dieci minuti, poi filtrate e bevete la tisana ancora calda. Per renderla più dolce, potete zuccherarla con un cucchiaino di miele. Il miele e la cannella renderanno la tisana un ottimo rimedio contro tosse e raffreddore. Un’altra tisana molto buona è quella a base di cannella, arancia e mela. Per prepararla, mettete in acqua bollente una stecca di cannella, 10 grammi di mela essiccata, 10 grammi di arancia essiccata e 20 grammi di tè nero. Lasciate il tutto in infusione per una decina di minuti, filtrate e bevete.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Tisana ai fiori di garofano per riattivare il fisico | Ricetta

tisane al finocchietto
riattiva il metabolismo con le tisane invernali (Istock Photos)

I chiodi di garofano, oltre per la loro forte proprietà aromatizzante, sono ben noti sin dall’antichità per le loro proprietà analgesiche, dove venivano utilizzate contro il mal di denti e come disinfettanti del cavo orale. Migliorano la circolazione del sangue, contrastano la stanchezza fisica e mentale, alleviano il mal di testa e le emicranie, sono ottimi digestivi dopo pasto. I chiodi di garofano vantano anche proprietà antimicrobiche.

Inoltre, essendo ricchissimi di antiossidanti, combattono l’azione negativa dei radicali liberi contrastando l’invecchiamento cellulare, mantenendo così il corpo giovane e tonico. Grazie al loro potere analgesico, i chiodi di garofano vengono utilizzati anche per realizzare degli ottimi dentifrici sia naturali preparati in casa. E’ bene evitare l’utilizzo dei chiodi di garofano durante la gravidanza e l’allattamento e in caso di ulcere. A dosi elevate, i chiodi di garofano posso causare problematiche a fegato e sistema nervoso, per questo motivo è meglio limitarne il consumo. In ogni caso, consigliamo di rivolgersi al proprio medico curante prima della somministrazione. Ma vediamo la ricetta:

  • In un pentolino porta ad ebollizione l’acqua con i chiodi di garofano e la scorza di arancia (opzionale).
  • Spegni il fuoco e lascia riposare per almeno 5 minuti l’infuso nel pentolino.
  • Filtra l’infuso in una tazza da tè.
  • Consuma la tua tisana all’occasione oppure consumane una tazza di infuso dopo i pasti. Confrontanti sempre con il tuo medico curante prima della terapia.

Leggi anche: >>>

tisane invernali
riattiva il metabolismo con le tisane invernali (Istock)

l’anice stellato presenta frutti a forma di stella a 8 punte e ha un elevato contenuto di anetolo e di acido shikimico. Proprio per questo, inoltre, viene utilizzato dall’industria farmaceutica per produrre vaccini antivirali. L’anice stellato è espettorante ed è particolarmente indicato per combattere febbre, raffreddore e tosse. È un antimicrobico naturale utilizzato per contrastare le infezioni e stimola anche la produzione di latte durante la maternità. Viene impiegato anche nel trattamento della dispepsia, dell’asma, della cefalea e dell’affaticamento cerebrale.

Per sfruttarne al meglio le proprietà, è possibile usare i frutti (chiamati impropriamente semi) e i fiori integri o ridotti in polvere. In commercio, tuttavia, esistono anche dei filtri da mettere in infusione già dosati e pronti all’uso. Per potenziare ulteriormente gli effetti benefici, inoltre, l’anice stellato può essere associato anche allo zenzero o alla passiflora, ideale per combattere l’insonnia. Nella moderna fitoterapia viene utilizzato sotto forma di estratti secchi o fluidi, infusi e tintura madre.

Per preparare una tisana basta 1 grammo di anice stellato in polvere diluito in 250 ml di acqua calda. In alternativa si possono assumere 8-16 gocce di estratto fluido o 30 gocce di tintura madre da bere tre volte al giorno.

tisane drenanti
Tisane della sera i vantaggi ( IStock Photos)