Home Salute e Benessere Buchi alle orecchie | Come si può evitare l’infezione

Buchi alle orecchie | Come si può evitare l’infezione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41
CONDIVIDI

In molti dopo aver fatto i buchi alle orecchie, incorrono a infezione, ma come si può evitare? Se seguite qualche consiglio si può.

 

Buchi alle orecchie (iStockPhotos)

Farsi i buchi alle orecchie è cosa comune ormai, già da piccoli, ma non tutti conoscono i possibili pericoli di infezione che si incorre. Quando i lobi o la cartilagine dell’orecchio vengono bucati per poter indossare l’orecchino, il foro può rappresentare la porta d’ingresso per i germi. Se i fori non vengono effettuati con le giuste precauzioni, si possono verificare infezioni e svilupparsi allergie da contatto, soprattutto nei bambini.

Per  questo motivo è importante scegliere con cura e attenzione il giusto metodo di foratura.

Noi di CheDonna.it  siamo qui per darvi informazioni sul metodo giusto di foratura e sulle possibili infezioni che si manifestano dopo aver fatto i fori al lobo.

Buchi alle orecchie si possono fare in farmacia

E’ preferibile fare i fori alle orecchie in farmacia, dove potete trovare un operatore esperto e qualificato, che sicuramente praticherà la foratura in tutta sicurezza.

Indipendentemente che si tratti di un primo o secondo foro, è importante prestare molta attenzione. I buchi alle orecchie praticati dal personale che lavora in farmacia, sono più sicuri in quanto vengono eseguiti nel rispetto delle norme igieniche necessarie.

Esistono diversi metodi di foratura e non tutti possono garantire lo stesso grado di comfort, rapidità e sterilità perché sono differenti nella tecnica e nei materiali utilizzati.

Quando si decide di fare i buchi alle orecchie si deve tenere conto di quanto siano importanti l’igiene e la sicurezza del metodo di foratura, quindi non bisogna affidarci a personale inesperto.

Innanzitutto sono importanti i seguenti fattori:

  • i materiali dei foralobi
  • cura dei fori dopo la foratura:  sia che si soffra o meno di allergie da contatto.

Le allergie si possono manifestarsi non solo nei bambini, ma anche negli adulti. Quando vengono utilizzati materiali inadatti, come: leghe che possono contenere sostanze inquinanti e allergizzanti. Ci si riferisce al nichel, cromo e cobalto o tossiche come piombo.

Alcuni farmacisti vi consiglieranno sicuramente l’ultimo metodo chiamato Blomdahl, ma scopriamo di cosa si tratta.

Metodo Blomdahl: che cosa è

 

Il metodo Blomdahl consentirà di effettuare i buchi alle orecchie nel massimo comfort e igiene, in questo modo si limiteranno al minimo la possibilità di sviluppare infezioni e allergie da contatto. Ma perchè conviene sceglierlo? Ecco tutti i vantaggi:

 

  • Massima igiene e comfort: è stato ideato proprio per evitare l’insorgenza e la trasmissione di infezioni. Si tratta di un metodo totalmente asettico, in quanto tutti i foralobi e piercing sono confezionati singolarmente in cartucce sterili e monouso. Inoltre sono dotate di sigillo e coperchio di sicurezza per ridurre a zero il rischio di contaminazione.
  • Precisione e rapidità: quando si effettua il foro, c’è un sistema di bloccaggio progettato per offrire comfort, rapiditàprecisione e sicurezza durante l’esecuzione dei buchi alle orecchie, soprattutto per i bambini.
  • Diametro corretto dei fori: quando si effettuano i buchi alle orecchie,  tendono a restringersi di qualche millimetro dopo la foratura, mentre il metodo Blomdahl effettua dei fori più ampi di qualche millimetro. E’ un vantaggio in quanto  assicurano, dopo la completa guarigione e cicatrizzazione, un diametro finale che sarà adatto ad indossare tutti i tipi di orecchini.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Dimmi che viso hai e ti dirò che orecchini indossare

Infezione al foro dell’orecchio

Orecchini da indossare (Web)

 

Quando non si rispettano le regole igieniche c’è il rischio di incorrere infezioni al lobo dell’orecchio, dopo aver fatto i fori.  Le cause dell’infezione ai buchi orecchie possono essere varie, perciò si consiglia sempre di rivolgersi a persone esperte, quando si decide di farli.

segnali di una infezione non sono sempre evidenti e possono comparire senza alcun dolore, motivo per cui è importante controllare sempre i lobi, per assicurarsi che tutto sia nella norma. Quando i buchi si fanno sulla parte alta dell’orecchio, si possono avere infezioni più gravi che danno luogo anche ad una condrite, un infiammazione del tessuto cartilagineo.

A volte la sola igiene non basta, perchè un piccolo sfregamento o dopo aver fatto lo shampoo non senza sciacquare bene, può causare irritazione.

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

I buchi alle orecchie possono favorire la comparsa di allergie, si verifica spesso quando si indossano orecchini d’argento o di bigiotteria. Ma questo da cosa dipende? Sicuramente i  materiali di cui sono fatti gli orecchini,  possono contenere nichel o altre leghe metalliche a cui molte persone sono allergiche.

Purtroppo quando si è allergici al nichel, la pelle intorno al lobo, si arrossa e causa prurito, in alcuni casi possono comparire delle piccole bollicine piene di liquido e si può sviluppare una dermatite da contatto.

In alcune persone, dopo aver fatto i fori può comparire un cheloide, consiste in  una cicatrizzazione abnorme della ferita. Non sempre provoca fastidio, ma le dimensioni di queste formazioni sono grandi quanto un chicco di caffè, e non sono belle esteticamente. Il cheloide si manifesta soprattutto nelle persone che hanno difficoltà a cicatrizzare perchè hanno problemi di fragilità dei vasi sanguigni.

Talvolta il medico, dopo aver effettuato la visita, vi prescriverà una serie di iniezioni a base di cortisone o una la terapia compressiva per contrastare l’infezione. Basta applicare per alcuni giorni piccole “morse” che premendo sul cheloide lo riducono di dimensione fino a farlo scomparire completamente.

 

 

Come prevenire le infezioni

Guanto monouso (iStockPhotos)

Le infezioni all’orecchio dopo aver fatto i fori si possono evitare, con dei piccoli suggerimenti da seguire. Scopriamo quali sono:

  • affidarsi a persone esperte quando decidete di fare i fori: così si che mettono in pratica tutte le norme igieniche necessarie;
  • prima di effettuare i buchi bisogna disinfettare il lobo, la cartilagine da forare, la zona dietro il padiglione auricolare;
  • si devono sempre indossare i guanti sterili o monouso;
  • indossare sempre orecchini disinfettati e sterilizzati: mi raccomando, non utilizzare mai l’alcol per disinfettare.

Dopo aver fatto i fori, seguite questi consigli:

  • pulire il foro e la zona circostante: è necessario farlo almeno due volte al giorno con una soluzione disinfettante;
  • eliminare le secrezioni: finché la ferita non si è rimarginata;
  • applicare una crema antibiotica: solo i primi giorni;
  • non togliere l’orecchino per i 15-20 giorni prima di cambiarlo con un altro.