Home Curiosita Lavare il bucato in lavatrice in modo perfetto, segui i consigli

Lavare il bucato in lavatrice in modo perfetto, segui i consigli

CONDIVIDI

Quante volte vi siete chieste come lavare il bucato in lavatrice in modo perfetto? Scopri tutti i consigli per ottenere un bucato perfetto

Lavare il bucato in lavatrice Fonte: Istock-Photos
Prestare molta attenzione alla pulizia dei capi d’’abbigliamento è importante, esistono delle regole da seguire soprattutto se il lavaggio viene  effettuato con la lavatrice e non a mano. Quante volte vi è capitato di accusare la  lavatrice perché ha scolorito i capi? Oppure è capitato che dopo il lavaggio siano comparsi tanti pallini su un maglione di lana? E’ importante capire cosa poter lavare in lavatrice e che lavaggio impostare prima di pensare che la lavatrice non funzioni più.

E’ un dato di fatto che lavare i panni in lavatrice non è sempre un’operazione semplice per tutti, ma la paura è sempre in agguato perché c’è il rischio di rovinare i vostri capi preferiti.

Affidatevi a noi di CheDonna.it. per lavare il bucato in lavatrice senza alcun problema, seguendo i preziosi consigli per avere sempre capi profumati e perfetti.

 

Se vuoi essere sempre aggiornata su tutti i trucchi e le curiosità utili per la tua vita domestica CLICCA QUI

 

Come lavare i capi in lavatrice senza errori

 

Prima di inserire i panni in lavatrice e selezionare il programma del lavaggio, dovete seguire alcune raccomandazioni in modo da evitare di commettere errori. Ecco i consigli da seguire:

  • Conoscere la lavatrice: non è semplice conoscere la propria lavatrice, soprattutto se vi avvicinate per la prima volta al display. In questo caso è necessario leggere, con attenzione  il libretto di istruzioni, in modo da conoscere tutti i programmi che la vostra lavatrice ha a disposizione.
  • Leggere le etichette dei capi: all’interno di ogni capo, c’è un’etichetta, che ci fornisce delle informazioni preziose sul tipo di tessuto e sul tipo di lavaggio da eseguire.
  • Separare i capi in base ai colori: per evitare spiacevole sorprese, di ritrovarvi capi scoloriti, è importante separare i capi colorati da quelli a tinta unita, quelli chiari da quelli totalmente scuri. I capi dai colori chiari, si possono essere lavati con acqua calda mentre quelli scuri vanno lavati a bassa temperatura perché potrebbero scolorirsi.
  • Selezionare i capi in base ai tessuti: quelli di cotone possono restringersi se lavati ad alte temperature mentre quelli di lana possono infeltrirsi o irrigidirsi.
  • Conoscere la temperatura adatta: sempre sull’etichetta, c’è scritta la temperatura di lavaggio a cui può essere sottoposto il capo. Certo che una temperatura troppo alta rischia di infeltrire o scolorire i tessuti, rendendo i capi antiestetici.
  • Non sovraccaricare la lavatrice: inserire troppi capi, non consente un buon lavaggio. Non solo rischiate di fare danni ai capi ma anche alla lavatrice stessa.
  • Usare il detersivo giusto: non tutti i detersivi in commercio sono adatti a lavare i capi, bisogna prestare attenzione a quello che scegliamo per evitare di sprecare acqua e tempo. Esistono detersivi in base al tipo di capo di abbigliamento, quello per i panni colorati, panni bianchi o per i tessuti delicati. Poi si può scegliere un detersivo in polvere oppure liquido e può essere efficace o meno alle basse temperature.
  • Dosare bene il detersivo: dietro ogni flacone di detersivo c’è specificato le indicazioni sul dosaggio, la quantità dipende molto dalla durezza dell’acqua.

 

Operazioni preliminari prima del bucato

Prima di mettere il bucato nel cestello della lavatrice ci sono una serie di operazioni da fare per salvaguardare i nostri capi.

  1. Assicuratevi che le tasche siano vuote: quante di voi hanno l’abitudine di mettere soldi o oggetti in tasca.
  2. Verificate che le cuciture siano salde e i bottoni ben cuciti: altrimenti sistemateli prima del lavaggio.
  3. Chiudete le cerniere e i bottoni e mettete i capi alla rovescia: se ci sono delle macchie vanno pre-trattate prima di metterle in lavatrice.
  4. Dividete i capi da lavare: secondo i tessuti, i colori e soprattutto in base a quanto sono sporchi gli indumenti da lavare. Un esempio, le asciugamani bianche con le lenzuola e l’intimo va benissimo,  i capi sporchi come i jeans, gli abiti da lavoro colorati non le mettereste mai con gli accappatoi dello stesso colore.

 

Come scegliere il programma

Come ribadito prima, la scelta del programma di lavaggio varia in base al tipo di capo, prima di impostare il programma leggete l’etichetta presente all’interno del capo per conoscere il tipo di lavaggio a cui può essere sottoposto.

Se i capi sono di lana, evitate la centrifuga,  mentre i capi dai tessuti più resistenti possono essere lavati anche a 60 gradi e ad un’alta velocità di centrifuga. Ecco il programma da selezionare in base ai capi.

  • Capi colorati: potete impostare un programma lungo con una temperatura inferiore ai 40 gradi ed una velocità di centrifuga medio-alta. Se la temperatura sarà più alta il risultato sarà capi scoloriti.
  • Capi delicati: la temperatura massima deve essere di 30 gradi oppure inferiore mentre la centrifuga, deve essere a bassa velocità, ma potete tranquillamente evitarla, perché per alcuni capi è un danno.
  • Capi sporchi: nel caso di capi non particolarmente sporchi potete eseguire il programma rapido così c’è un risparmio di acqua ed elettricità .

Temperature di lavaggi consigliati

  •  0° : indicato per i capi di lana o la seta, a freddo.
  • 30°: è l’ideale per i lavaggi veloci e per i capi poco sporchi e per quelli delicati o sintetici.
  • 40°: si utilizza di solito per i capi colorati chiari e per i vestiti da lavoro che non sono particolarmente sporchi e resistenti.
  • 60°: è necessario quando i capi sono molto sporchi, come le tovaglie o gli strofinacci.
  • 90°: è un lavaggio troppo intenso, la temperatura è elevata, può essere utilizzata solo per i capi molto resistenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE->>> Lavatrice, 5 verità che forse non sai sul tuo bucato

Consigli per un bucato perfetto

E’ importante seguire dei consigli per fare un bucato perfetto:

  • Proteggete e lavate separatamente gli indumenti intimi: i capi intimi hanno bisogno di una trattamento diverso rispetto agli altri indumenti, perché devono essere lavati a parte per una questione di igiene, quindi è consigliabile metterli con i capi più delicati. I capi in pizzo, potete tranquillamente inserirle in una federa di un cuscino, così è più protetta durante il lavaggio.
  • Utilizzate poco detersivo: acquistate i  prodotti naturali, non esagerate con le quantità di detersivo, ne basta davvero poco per un risultato perfetto.
  • Aggiungete un cucchiaio di bicarbonato: è consigliato per eliminare le macchie dai tessuti. In alternativa potete preparare una pasta a base di acqua, succo di limone e bicarbonato e strofinate direttamente sul capo aiutandovi con uno spazzolino e poi lo inserite in lavatrice.
  • Utilizzare come ammorbidente l’aceto di mele: i capi saranno più morbidi ma senza nessun odore. Se preferite che il vostro bucato abbia un profumo potete farlo voi, riempite una bottiglia di acqua, mettete tre cucchiai di acido citrico e 4 o 5 gocce del vostro olio essenziale preferito: avrete così un ammorbidente fai da te ecologico ed efficace.
  • Fate asciugare i capi nel modo giusto: dopo aver fatto il lavaggio, stendete i panni, tirate i tessuti per stenderli il meno stropicciati possibile, in una zona ventilata. Il sole a volte danneggia i panni soprattutto se si tratta di capi bianchi che potrebbero ingiallirsi

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE->>> Come lavare la biancheria intima

 

Manutenzione della lavatrice: cosa fare

Avere cura della lavatrice è importante perché vi garantisce un maggiore durata e buon lavaggio, ecco cosa fare.

  • Usare l’anticalcare: l’anticalcare va messo insieme al detersivo nell’apposito scomparto del cassettino o direttamente nel cestello.
  • Pulire il filtro: sotto l’oblò c’è una piccola porticina, di solito è posizionata a destra, si apre e si svita il filtro. Nel filtro si accumulano tutti i residui come frammenti di fazzoletti che si dimenticano nelle tasche dei jeans, piccole monetine, le forcine per i capelli, polvere o capelli stessi. E’ importante pulirlo per evitare che la lavatrice perda acqua.
  • I reggiseni andrebbero lavati a mano: ma nessuno di noi lo fa, purtroppo i reggiseni con il ferretto, a volte fuoriescono perché si scuce il tessuto. Il ferretto potrebbe incastrarsi nella lavatrice e romperla o comunque danneggiarla. In commercio potete acquistare le “palline” salvareggiseno –
  • Lavare la lavatrice: la lavatrice ha bisogno di essere igienizzata, basta far un ciclo a vuoto, potete utilizzare 100 ml di aceto bianco, o ancora del bicarbonato o un cucchiaino di acqua ossigenata. E’ necessario farla almeno una volta l’anno.
  • Lasciare lo sportello aperto: dopo ogni lavaggio, bisogna asciugare l’acqua residua che si trova nella guarnizione e nel cassetto. Lo sportello deve essere lasciato aperto o socchiuso, altrimenti l’interno rimarrà umido e non arieggia, quindi  potrebbero crearsi muffe o cattivi odori.

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI