Home Curiosita Gli spermatozoi: la loro velocità e la durata del viaggio

Gli spermatozoi: la loro velocità e la durata del viaggio

CONDIVIDI

Gli spermatozoi a che velocità viaggiano al momento dell’eiaculazione? Quanto dura il loro viaggio? Scopriamo la loro struttura e come si muovono

 

Velocità degli spermatozoi Fonte: Istock-Photos

Sono tante le informazioni che non sappiamo riguardo gli spermatozoi, cioè quanti se ne producono, quale è la velocità con cui viaggiano e la loro struttura morfologica. Non esiste una regola precisa, ma cambia da individuo a individuo.

Scopriamo leggendo questo articolo qualche informazione in più.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Fertilità, Curiosità & Salute CLICCA QUI

La struttura dello spermatozoo

Struttura dello spermatozoo

Lo spermatozoo maturo è composto da tre zone:

1. la testa: ha la forma ovale che comprende nella parte anteriore l’Acrosoma, una vescicola che contiene sostanze che sono capaci di legarsi alla membrana dell’ovocita e aprire un foro per penetrare al suo interno. Il resto della testa è occupata dal nucleo che è il portatore dei caratteri ereditari paterni;
2. il collo: il segmento intermedio, contiene il centriolo, un organo piccolo, coinvolto nel processo della divisione iniziale dell’ovocita fecondato. In questo tratto si origina l’assonema che prosegue sino alla fine della coda. La struttura è formata da 9 coppie laterali e 2 centrali di microtubuli paralleli tra di loro, responsabili del movimento dello spermatozoo ed è avvolto da organelli chiamati mitocondri, disposti compatti a spirale, che producono l’energia necessaria al movimento.
3. la coda o il flagello: è l’organo di movimento ed è la parte più lunga dello spermatozoo. Si suddivide a sua volta in tre zone: intermedia, principale e terminale. La prima finisce con un restringimento, poi inizia la parte principale con un diametro più sottile e prosegue con la parte terminale. Quest’ultima è costituita esclusivamente dall’assonema che è ricoperto solo dalla membrana plasmatica, che avvolge tutto lo spermatozoo.

Il flagello ha una struttura complessa, da come si evince, è formata da migliaia di proteine-mattoncino definite tubuline, che consente lo spostamento degli spermatozoi. Le tubuline sono formate da lunghe strutture, chiamate i microtubuli, dove si trovano le proteine motrici, il “motore” dei flagelli. Quando le tuboline avanzano tra un microtubulo e l’altro, “tirano” la coda e le permettono di piegarsi e distendersi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE->>> Come aumentare la quantità di spermatozoi?

Gli spermatozoi: la velocità

Gli spermatozoi hanno una velocità media di 45 km/h al momento dell’eiaculazione, che può variare da uomo ad uomo ma anche nello stesso soggetto. La velocità è calcolata su un volume di circa 5 ml di sperma. Le variazioni sono individuali, è considerata “normale” una quantità di almeno 20 milioni di spermatozoi per ogni millilitro di liquido seminale.

La velocità di avanzamento degli spermatozoi in media è compresa tra 1,6 e 3 millimetri al minuto, più o meno sono circa 15 centimetri all’ora. La sua velocità è paragonabile a quella di una persona che corre 55 km/h, quindi non è proprio poco.

Il viaggio che devono percorrere copre un tragitto di una ventina di centimetri, tenendo conto che l’utero è lungo circa 6-9 cm e le tube uterine circa 10 cm, più o meno dura  un’ora. Ci sono anche casi in cui alcuni spermatozoi vanno a velocità superiore, questo dipende dal soggetto.

La velocità con cui uno spermatozoo può fecondare l’ovulo dipende dalla:

  • morfologia: si riferisce alla forma del gamete maschile, si intende la “testa”, che contiene il materiale genetico ereditario e  il “flagello”, che è l’appendice lunga e sottile che ha compiti di locomozione;
  • viscosità del liquido lattescente: in cui è immerso lo spermatozoo insieme ad altri milioni di concorrenti. I liquidi con una maggiore viscosità oppongono più resistenza e quindi causano un rallentamento nello spermatozoo;
  • gene Y o X: gli spermatozoi sono portatori del gene, quando è Y si produce un embrione maschile, quando gli spermatozoi portano il gene X si produce quello femminile. Gli spermatozoi con il gene Y sono più veloci e possono percorrere anche 3 mm al minuto, ma vivono per un periodo di tempo più limitato. Gli spermatozoi con il gene X sono più lenti, hanno una velocità di circa 1,5 mm al minuto, ma vivono più a lungo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>>>Infertilità: ecco le cause più comuni e come risolverle

Come si muovono gli spermatozoi?

Il movimento ritmico che permette gli spermatozoi di arrivare a fecondare la cellula uovo è determinato dal flagello, che è una sorta di coda. Hanno un movimento particolare strisciano lungo il percorso invece di “nuotare”. Durante il loro tragitto, si spostano verso le pareti della vagina, strisciando e quando incontrano una svolta improvvisa lasciano l’angolo in cui si trovano per lasciarsi cadere sulla parete opposta. Quando gli spermatozoi urtano è come se si trovassero in un autoscontro perchè sbattono con violenza.

Il loro movimento non è casuale, gli spermatozoi per perforare lo strato di muco che protegge la cervice uterina, devono necessariamente urtare ripetutamente, solo in questo modo riescono a perforare il muco che li separa dall’utero. In questo modo aprono un vero e proprio varco per raggiungere la meta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>>> Lo sport fa aumentare la produzione di spermatozoi   

Cosa afferma uno studio scientifico

Un gruppo di ricercatori delle Università di Gothemburg (in Svezia) e del Colorado (USA) hanno studiato il moto dei flagelli grazie a un ingegnoso sistema a LED, studiando il percorso di circa 1.500 spermatozoi.

Analizzando la struttura tridimensionale, i ricercatori hanno notato una struttura a spirale a partire dall’estremità della coda fino ad estendersi per un decimo della sua lunghezza. Non è chiaro quale sia il compito della strana configurazione a turacciolo, che non è stata mai osservata finora, ma stranamente girano quasi sempre verso destra.

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI