Home Ricette Patate dolci, un pieno di energia in cucina

Patate dolci, un pieno di energia in cucina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00
CONDIVIDI

Non sono molto più care rispetto alle patate normali, ma in compenso le patate dolci (che si coltivano anche in Italia) danno molta energia in più. E sono anche facili da cucinare.

Patate dolci (iSpock)

Nella cucina italiana si usano ancora poco, ma in realtà le patate dolci, dette anche patate americane (anche se il nome giusto sarebbe Batata) in realtà sono un alimento molto gustoso e anche ricco di tante componenti utili per il nostro organismo.

E come le ‘cugine’ patate che conosciamo bene, si prestano a tantissime ricette, sia per piatti dolci che salati, con lo stesso risultato finale: con i nostri ospiti faremo un figurone.

Patate dolci, ricette per ogni gusto ed età

Torta Patate dolci (iStock)

Ci sono molte similitudini ma anche qualche differenza importante tra le patate classiche e le patate dolci o americane. Quella più evidente è il gusto, più simile a quello di una zucca tanto per farci capire bene.

Le patate dolci in cucina però sono anche più nutrienti di quelle normali. Contengo almeno il doppio di fibre rispetto alla patate normali, hanno in grande quantità minerali come il potassio (due volte in più rispetto alle banane), vitamine, antiossidanti essenziali come i flavonoidi. Inoltre sono caratterizzate da un basso indice glicemico perché si tratta di carboidrati a lento rilascio e sono fonti preziose di vitamina C e vitamine A.

Quindi le patate americane risultato più dietetiche rispetto a quelle normali e fanno anche meglio. Ma quali sono le ricette migliori con le patate dolci? Ce ne sono in realtà tantissime perché il loro uso in cucina è uguale a quello delle patate normali, gnocchi compresi. Oggi ce ne proponiamo tre, due salate e una dolce.

Patate dolci al forno

1 kg patate dolci con la buccia
paprika piccante
olio extravergine d’oliva
sale e pepe

Pelate le patate e lavatele per bene sotto un getto d’acqua mentre preriscaldate il forno a 200 °C. Poi tagliate le patate a fette o spicchi al massimo di 2 centimetri.
Mettete le patate in una teglia, foderata con della carta forno, e spennellate con dell’olio extravergine d’oliva. Aggiungete il sale e se vi piace anche la paprika piccante (altrimenti il pepe).
Cuocete per 35-40 minuti fino a quando saranno dorate e croccanti anche all’esterno.

Patate dolci al gratin con mandorle

1 kg patate dolci
100 g mandorle sgusciate (o noci Pecan)
20 ml sciroppo d’acero
150 ml succo d’arancia spremuto fresco
30 g burro fuori frigo

Cuocete in una pentola piena d’acqua salata le patate dolci con la buccia per 20 minuti, fino a quando non diventeranno morbide. Accendete il forno a 200° (se ventilato bastano 190°) e pelate le
patate, lasciandole raffreddare leggermente. Poi tagliatele a fette circolari.
In una teglia imburrata disponete strati di patate e irrorate con il succo d’arancia mescolato allo sciroppo d’acero, aggiustando di sale e di pepe. Sullo strato superiore mettere qualche fiocchetto di butto e le arachidi (o le noci) tritate. Infornate per circa 15-20 minuti fino a quando non saranno belle dorate.

Torta di patate dolci

500 g di patate dolci
1 uovo
50 g farina 00
150 g zucchero
1 limone
60 g uvetta
30 g burro

Cominciate lavando le patate dolci, asciugatele e cuocetele on una teglia mettendole in forno a 180° per 60 minuti. Poi sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.
In una ciotola mescolate il purè di patate con l’uovo, la farina, lo zucchero, il burro che avrete fatto fondere, la buccia grattugiata e il succo del limone, l’uvetta. Versate tutto l’impasto in una una teglia di 18-20 centimetri di diametro leggermente imburrata e cuocete in forno caldo a 180° per 40-45 minuti. Potete servirla anche tiepida.