Home Ricette Il brodo vegetale per i neonati: la ricetta e i consigli

Il brodo vegetale per i neonati: la ricetta e i consigli

CONDIVIDI
brodo vegetale per neonati(Istock Photos)

Il brodo vegetale per i neonati: come prepararlo al meglio. Procedimento e ingredienti sani e genuini per iniziare lo svezzamento nel modo migliore

Il brodo vegetale per neonati è la prima “pappa” che un bimbo mangia nella sua vita. E’ dunque indispensabile prepararla al meglio con ingredienti genuini, sani ed equilibrati. Una ricetta salutare per iniziare una cultura alimentare  corretta sin da subito. Se all’inizio avete paura di sbagliare dosaggi e ingredienti, non temete, è normale avere un po’ di ansia ma vedrete, con il tempo capirete i passaggi e gli ingredienti necessari per cucinare un brodo squisito. E, se vostro figlio non dovesse inizialmente gradire, non fatevene un cruccio, non è la vostra cucina che non va bene ma solo il nuovo sapore a cui, ovviamente, non è abituato. Dategli il tempo necessario per apprezzare i gusti e i nuovi sapori. Sarete la mamma più orgogliosa del mondo nel vederlo mangiare! Oggi, per venirvi incontro, abbiamo pensato ad una semplice ricetta: la prima pappa da preparare per vostro figlio quando inizierà lo svezzamento. Ricordiamo che un buon svezzamento inizia sempre dopo i primi 6 mesi di vita del neonato. Tempo necessario affinché egli sia in grado di mangiare qualcosa di diverso del solo latte materno o artificiale.

Potrebbe interessarti anche: Svezzamento del neonato: tutto quello che devi sapere

Potrebbe interessarti anche: Fetta a Latte: la merenda fresca che piace a tutti – ricetta VIDEO

Il primo brodo vegetale per i neonati: la ricetta

Come si prepara il brodo vegetale ( Istock)

Ingredienti per il brodo vegetale

  • 1 litro d’acqua
  • 1 patata
  • 1 carota
  • qualche foglia di bieta
  • 1 zucchina
  • crema di riso o farina di mais e tapioca
  • liofilizzato di carne di coniglio o agnello (mezzo vasetto)
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di parmigiano reggiano

Se vuoi restare aggiornato sulla categoria cucina, maternità e la cura alimentare clicca qui!

Procedimento

Mettere nella pentola a bollire: acqua (1 litro), verdure (una patata, una carota, qualche foglia di bieta, una zucchina). Far bollire fino a quando il volume del liquido sarà diventato la metà, togliere le verdure ed utilizzare il solo brodo (circa 200 ml) per preparare la pappa. Non aggiungere sale.
• Crema di riso o farina di mais e tapioca, vanno aggiunte fino a far acquisire la giusta densità al pasto (in genere 8-10g ogni 100 ml di liquido). Non necessitano di cottura. A questa età devono essere escluse tutte le farine che contengono glutine, come le farine multi cereali ed il semolino di grano.
• Liofilizzato di carne di coniglio o agnello, sono le carni con minore potere allergizzante e vengono inserite per prime. Il bambino non è ancora abituato a sapori diversi dal latte, potrà quindi essere opportuno iniziare aggiungendone solo ½ vasetto (5 g) per poi, dopo qualche giorno, passare ad un intero vasetto da 10g.
• Olio extra vergine d’oliva, 1 cucchiaino (5 ml)
• Parmigiano reggiano, un cucchiaino

Consigli per neomamme

ricetta brodo vegetale
brodo vegetale per neonati, consigli (Istock Photos)

Una volta che hai capito la quantità di brodo necessaria per raggiungere la consistenza desiderata, metti sempre prima il brodo nel piatto e poi versa dentro la farina e la carne mischiando con una forchetta (anziché con il cucchiaio). Questo renderà la pappa più omogenea e meno grumosa.  

Potrebbe interessarti anche: Le proprietà curative e benefiche del finocchietto selvatico

Rircoda di dare il brodo non caldissimo al tuo bebé. Prova sempre prima tu la temperatura e quando ritieni che sia una giusta temperatura, procedi pure ad imboccare il tuo bimbo. Usa un cucchiaino in silicone morbido e consiglio vivamente l’uso di bavaglini plastificati facilmente lavabili con la spugna.

Una volta che avrà finito la pappa, tienilo un po’ sollevato, in modo da fargli digerire il brodo per bene. E se le prime volte non vorrà mangiare o sputerà la maggior parte del brodo dappertutto, non buttarti giù, ci vuole solo molta pazienza, tanta!

Conserva il brodo in contenitori monodose che siano però abbastanza capienti da potervi poi mischiare dentro la farina e la carne e usali per somministrare direttamente il pasto. Se hai un microonde scegli dei contenitori nei quali potrete anche riscaldare il brodo, così avrai meno cose da lavare dopo il pasto.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI