Home Salute e Benessere Ronzio nelle orecchie, perchè lo sentiamo e quando preoccuparsi

Ronzio nelle orecchie, perchè lo sentiamo e quando preoccuparsi

CONDIVIDI

Un suono indesiderato, simile a quello di un bollitore, persiste nelle orecchie? Si tratta di un fenomeno molto diffuso chiamato acufene che colpisce circa una persona su cinque secondo la Boston Mayo Clinic. Quando sono di breve durata i ronzii sono solitamente innocui ma quando persistono possono causare una diminuzione dell’udito.

Senti un ronzio costante o rumori che interferiscono con l’udito? Si tratta di acufene. Secondo Eugene Chio, otorinolaringoiatra della Wexner University in Ohio, “l’acufene in sé non è pericoloso, ma può rappresentare altri problemi di fondo. Di solito è legato alla perdita dell’udito a causa dell’esposizione al rumore o semplicemente a causa dell’invecchiamento, ma a volte non esiste una causa evidente che spieghi questo suono. Se questo suono non scompare o tende a peggiorare, Chio consiglia di consultare un medico.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Acufene, ecco perchè avvertiamo ronzii nelle orecchie

Ecco una panoramica delle diverse cause alla base di questi ronzii.

Alto volume

L’acufene è causato da un’esposizione a breve termine o prolungato a forti rumori: un sistema audio rialzato nei locali, un’attività professionale in cui il rumore è intenso, ecc. L’esposizione continua può causare danni permanenti o addirittura irreversibili. Per Chio, “prendere l’abitudine di limitare l’esposizione al rumore è estremamente utile perché la perdita dell’udito si verifica dopo diversi anni”. Per cercare di preservare l’udito, ci sono diversi suggerimenti come indossare i tappi per le orecchie durante i concerti, durante i fuochi d’artificio, o dimezzare il volume delle cuffie oppure semplicemente tenenrsi lontano dai sistemi acustici nei locali.

Pulizia dell’orecchio

Secondo l’American Tinnitus Association (ATA), se il canale uditivo è bloccato da un accumulo di cera, può aumentare la pressione nell’orecchio interno e irritare il timpano, causando sintomi come il ronzio. In questo tipo di casi, è necessaria una buona pulizia pdel condotto che rimuoverà il suono parassita.

E se l’acufene venisse da un problema dentale?

Se si avverte un dolore a bassa intensità nell’articolazione della mandibola che può diffondersi alle orecchie quando si mastica, questo potrebbe portare ad avvertire anche ronzii. Solo un dentista può fare questa diagnosi e prescrivere un trattamento adeguato.

Eccessivo consumo di farmaci

Secondo fonti ATA, alcune categorie di antidepressivi e antibiotici possono causare il ronzio o addirittura aggravarlo. Nella maggior parte dei casi, queste sensazioni ronzanti scompaiono al termine del trattamento. Se hai bisogno di un trattamento prolungato, chiedi al tuo medico soluzioni alternative prima di assumere determinati farmaci.

Nessuna causa identificata? È richiesta una visita medica completa

Se non sei stato in grado di determinare l’origine del ronzio, può essere che il ronzio sia il sintomo di una malattia come la pressione eccessiva del liquido nell’orecchio interno (malattia di Meniere), ipertensione, allergie, crescita anormale delle ossa dell’orecchio interno (otosclerosi) o tumore non-canceroso (neuroma acustico).

Non preoccuparti, tutte queste malattie possono essere curate.
Coloro che soffrono di acufene continuamente senza alcuna patologia identificata, potrebbero trovare sollievo adottando soluzioni per minimizzarlo e renderlo meno spiacevole.

Concentrarsi a non pensare a quei ronzii che rendono la tua vita un inferno aiuta ad alleviare il fastidio.

Il sistema cerebrale limbico che influenza l’umore e le emozioni può cambiare il modo in cui viene percepito l’acufene … Una volta che ti abituerai al ronzio, non ti disturberà più di tanto. »» Spiega Thomas Willcox, un medico del dipartimento di otorinolaringoiatria dell’ospedale universitario Thomas Jefferson.

Più le tue orecchie saranno focalizzate sui rumori esterni (musica, traffico, chiacchiere da ufficio), più debole sarà la sensazione di disagio. Durante il sonno, per evitare che l’acufene influenzi il sonno, Chio consiglia di accendere un ventilatore per migliorare la qualità del sonno.

Ti potrebbe interessare anche

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI