Home Senza categoria Gravidanza: seconda settimana d’attesa, sintomi e crescita dell’embrione

Gravidanza: seconda settimana d’attesa, sintomi e crescita dell’embrione

CONDIVIDI

Gravidanza: seconda settimana d’attesa. Quali sono i sintomi più noti, come cresce l’embrione e quale alimentazione seguire

L’emozione della scoperta di aspettare un bebè è ormai alle spalle. Ora siete entrate nella seconda settimana di gravidanza è in voi nascono mille domande. Cosa aspettarsi? come comportarsi? Cosa succede al nostro corpo?

Leggi anche: Cosa si può mangiare in gravidanza? Cibi si e cibi no

Lo stile di vita indubbiamente si modificherà per lasciare spazio ad un capitolo della vostra vita più sobrio ed equilibrato. Con la giusta accortezza la gravidanza proseguirà senza troppi intoppi.

Vediamo di schiarirci un po’ le idee, quindi, e capire cosa succede al nostro corpo in continua evoluzione. In questa seconda settimana l’embrione è già impiantato all’utero e misura al massimo 2 millimetri. Quasi invisibile, eppure voi sentite già le prime nausee gravidiche e magari la fame è cresciuta di colpo. Normalissimo, per quanto piccolo, il vostro bimbo è già una forza!

Cosa succede al corpo nella seconda settimana di gravidanza

Gravidanza: seconda settimana
Gravidanza seconda settimana, sintomi (iStock Photos)

Se nella prima settimana iniziavi a percepire i primi sintomi legati alla gravidanza, ora, nella seconda ne hai la piena certezza. Il malessere associato ai disturbi gravidici quali, nausee, vomito e stanchezza iniziano pian piano a crescere. La causa è da attribuire all’ormone Beta HCG che giorno dopo giorno raggiunge livelli altissimi procurando questi fastidiosi disturbi fisici.

In questa seconda settimana gli ormoni sono in subbuglio e vi sentite strane. Normalissimo: gli sbalzi ormonali della gravidanza alterano l’umore e vi sembrerà di essere sulle montagne russe delle emozioni. Dalla felicità più estrema si passa, in un secondo, alla più totale disperazione con pianti e risate che si mescolano. No, non siete matte, ricordatevi che sono gli ormoni ma, più di tutto, ricordatelo con cadenza giornaliera al vostro partner, che dovrà starvi vicino.

Una delle cose belle nella seconda settimana che vi capiterà, è l’aumento del seno. Per chi normalmente non ha dei seni grandi, questa è una delle cose belle della gravidanza. Finalmente un bel decolté da sfoggiare. A causa del livello di ormone progesterone, l’aureola diventerà più scura, quasi marrone e i capezzoli inizieranno a inturgidirsi. La vostra pancia ancora è piatta, d’altronde la gravidanza è solo all’inizio, ma piccoli crampi al basso ventre possono fare la loro comparsa proprio in questo periodo accompagnati, a volte, da piccole perdite ematiche o biancastre. Nulla di anormale ma un controllo ad inizio settimana dal ginecologo di fiducia è indispensabile per poter proseguire bene la gravidanza.

Leggi anche — >  MATERNITÀ: Una corretta idratazione favorisce l’allattamento al seno

Dai cibi al benessere psicofisico: cosa evitare nella seconda settimana di gravidanza

Gravidanza: seconda settimana
Gravidanza: seconda settimana cosa mangiare (iStock Photos)

In questa settimana si dovrebbero iniziare ad evitare una serie di cose tra cibi, bevande e vizi. Vediamo in breve cosa fa bene e cosa è meglio evitare per vivere serenamente la gravidanza

  • No ai vizi: in questa settimana evitate i vizi come il fumo e l’alcol. Se siete delle fumatrici accanite non buttate di colpo il pacchetto di sigarette – ovviamente si dovrebbe fare – ma per chi proprio non rinuncia, il consiglio è di smettere progressivamente e nel minor tempo possibile. In questo caso non avrete nessuna crisi d’astinenza. Evitate l’alcol, quindi no a vino, super alcolici, birra e tutto ciò che contiene alcool perché qualunque quantità di alcol introdotta nell’organismo materno attraversa la placenta e arriva al feto procurando anche malformazioni.
  • Si a cibi sani: adottate uno stile alimentare consono al vostro stato. Sono concesse tutti i tipi di verdura di stagione purché lavate abbondantemente con bicarbonato se mangiate crude. La frutta è ottima ma si consiglia sempre di sbucciarla prima di mangiarla. Si a tisane a base di zenzero per contrastare i disturbi legati alle nausee o a problemi digestivi. Si al pesce azzurro ricco di proteine e al Salmone fonte di omega3 e povero di mercurio. Si ai formaggi a pasta dura e stagionati. Via libera anche al gelato industriale, cioè confezionato, a patto che sia fatto con uova e latte pastorizzate.
  • Cibi da evitare: no al pesce crudo, in particolare pesce spada, tonno e sgombro poiché possono contenere elevate tracce di mercurio. Evitare anche le uova crude e purtroppo in questo caso anche il Tiramisù e la maionese, il rischio di contrarre la Salmonellosi risiede proprio in questi alimenti. Formaggi a pasta molle, i succhi di frutta non pastorizzati, latte non pastorizzato e la carne cruda.
  • Moderate il caffè e il té: evitate di assumere troppa caffeina, teina, e tutte quelle bevande che finiscono per Ina. Si è riscontrato che assumere caffè in dosi massicce può portare all’aumento del rischio di aborto e restrizioni di crescita del feto. Il consiglio è di assumere al massimo 2 tazzine di caffè al giorno e 2/3 di tazze di tè classico o verde.
  • Si a frutta secca: la frutta secca come arachidi, noccioline, noci ecc. sono ottime e indispensabili per una corretta alimentazione in gravidanza. L’unico consiglio è di non esagerare con le dosi poiché sono molto caloriche ed il rischio di un aumento eccessivo di peso è molto elevato.
  • Si al relax: se la sonnolenza la fa da padrona, la migliore cosa in questa settimana è assecondarla. Non sforzate il vostro fisico e la vostra mente con la routine di tutti i giorni se non ce la fate. Quale miglior momento per dedicarsi a voi e coccolarvi con il dolce far nulla. Riposatevi appena potete e godetevi un po’ di sano e meritato relax. Un bel bagno rilassante vi aiuterà a ricaricarvi e ad iniziare questo cammino con una marcia in più.