Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Grassi, non tutti sono nocivi: scopri quali mangiare

Grassi, non tutti sono nocivi: scopri quali mangiare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57
CONDIVIDI
grassi dieta cibo
Cibo, Getty Images

Spesso sono evitati e si pensa a loro come la causa di ogni male quando si parla di diete. Ma i grassi si possono mangiare anche a dieta: scopri quali

Sfatiamo un mito: non tutti i grassi sono nocivi, e non sempre vanno evitati ed eliminati completamente dalle diete alimentari che seguiamo. Spesso c’è infatti la tendenza a credere che i grassi siano un ostacolo a cui resistere: bisogna infatti essere bravi a non cadere in tentazione a ogni leccornia che ci capita sotto mano, ma ci sono dei piccoli sfizi che possiamo toglierci. I grassi infatti, per essere “buoni” e non causare problemi alla nostra salute e alla nostra linea, devono essere insaturi e devono essere assunti in porzioni limitate. Mangiare cibi gustosi a piccole dosi ci aiuterà non solo a non aumentare eccessivamente l’apporto di calorie, ma anche di carboidrati, sostanze che spesso possiamo trovare anche nei grassi più sani.

Leggi anche —> Pancia piatta e fianchi perfetti: ecco la dieta giusta

I grassi da mangiare anche a dieta esistono: ecco quali sono

Ci sono quindi degli sfizi che possiamo concederci: stare a dieta non vuol dire saltare pasti o mangiare senza gusto, ma può essere anzi un modo per scoprire uno stile di vita sano e sapori tutti nuovi. Tra i grassi considerati “sani” ci sono i semi di canapa, da poter aggiungere a frullati, insalate e cereali: questi semi sono ricchi di omega 3 e omega 6, acidi grassi che il corpo non riesce a produrre in autonomia e che è necessario introdurre nell’alimentazione. Un grande classico che riesce a insaporire tutti i tipi di dieta è l’olio d’oliva: grande eccellenza dell’Europa centrale, è un alimento ricco di grassi sani. E’ importante però sapere che va inserito nella nostra alimentazione in maniera moderata, perché contiene al suo interno moltissime calorie. Un altro “must have” in cucina è rappresentato dalla frutta secca. In questo caso ci si può sbizzarrire tra noci, nocciole, mandorle e tanto altro: anche qui però serve moderazione perché, anche se non sembra, questi frutti piccolissimi contengono anch’essi tante calorie che a lungo andare appesantiscono il nostro corpo. C’è poi l’alimento dello svezzamento per eccellenza, ovvero il latte intero, che insieme a tutta la famiglia di latticini sembra essere estremamente efficace per riempire lo stomaco a lungo ed evitare i “buchi” della fame. Infine, come rinunciare a del buon pesce? Altra eccellenza mediterranea, il pesce grasso prevede una vasta scelta: salmone, sardine e tonno sono i migliori in quest’ambito, e aiutano il nostro corpo nell’assimilazione dell’omega 3 e delle tante proteine che contengono.